8 Dicembre 1991. L'URSS liquidata e il suo popolo tradito

8 Dicembre 1991. L'URSS liquidata e il suo popolo tradito

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Il Trattato di Belavezha fu firmato l'8 dicembre 1991 senza contare sull'opinione maggioritaria della popolazione, che mesi prima si era espressa in un referendum a favore della conservazione dell'URSS. Il racconto che segue è stato tratto testimonianze raccolte da RT in lingua spagnola.

30 anni fa, l'Unione Sovietica fu "condannata a morte" nella riserva naturale bielorussa di Belavézhskaya Pushcha, vicino al confine con la Polonia. Considerato l'ultimo rifugio del bisonte europeo, quel covo boscoso fu il luogo scelto dai presidenti di Russia, Ucraina e Bielorussia, tre delle repubbliche che componevano l'URSS, per firmare il Trattato di Belavezha alle spalle del presidente sovietico Mikhail Gorbaciov, che ratificò la propria indipendenza e smantellò formalmente l'Unione fondata da Lenin nel 1922.

In quell'8 dicembre 1991, diciassette giorni prima che la bandiera rossa della falce e martello fosse finalmente ammainata dal Cremlino, i presidenti delle repubbliche socialiste sovietiche di Russia (Borís Eltsin), Ucraina (Leonid Kravchuk) e Bielorussia (Stanislav Shushkevich) si incontrarono a quella foresta situata ai confini occidentali dell'Unione Sovietica, per firmare il certificato di morte del primo stato socialista della storia.

In occasione dell'anniversario, gli ex leader delle ex repubbliche sovietiche, protagonisti di quell'episodio epocale,  hanno condiviso le loro opinioni con una televisione russa. E, secondo i i loro commenti, la disintegrazione dell'URSS fu il risultato di un'azione predeterminata, ma anche di una serie di circostanze che l'hanno resa inevitabile.

Pertanto, Leonid Kravchuk mette in discussione la percezione negativa della rottura che questo cambiamento ha determinato. "Quando abbiamo firmato il trattato di Belavezha, [il presidente Borís] Eltsin è arrivato a Mosca", ricorda l'ex presidente ucraino, che a sua volta è tornato sano e salvo a Kiev. "Perché assolutamente nessuno si è ribellato a quel colpo di stato se lo consideriamo un colpo di stato?" Si è chiesto.

"Niente di tutto ciò è successo e quindi le persone erano preparate per questo. Il sistema doveva essere rotto", aggiunge.

Da parte sua, l'ex presidente bielorusso, Stanislav Shushkévich, continua ad essere orgoglioso di aver partecipato alla firma del Trattato di Belavezha. "Dividere un impero senza versare una goccia di sangue è, in generale, un risultato favoloso", ricordando positivamente quello che successe.

Un vicolo cieco?

L'accordo fu firmato alle spalle di Gorbaciov (che fu informato da Shushkevich il giorno dopo con una telefonata), e senza contare sulla maggioranza della popolazione dell'URSS, poiché nel marzo di quello stesso anno il 76,4% dei sovietici aveva votato in un referendum a favore del mantenimento dell'Unione. L'accordo, che lasciò l'URSS senza le sue tre repubbliche slave fondatrici, diede origine alla Comunità degli Stati Indipendenti (CIS), alla quale si sarebbero uniti giorni dopo, il 21 dicembre, altre otto repubbliche (Armenia, Azerbaigian, Kazakistan, Kirghizistan, Moldova, Turkmenistan, Tagikistan e Uzbekistan).

Secondo alcuni ricercatori, la scelta di un luogo così isolato per la firma, nella regione bielorussa di Brest, vicino al confine occidentale dell'URSS, al confine con la Polonia, era dovuta al rischio che Gorbaciov potesse ordinare l'arresto di Eltsin e il resto dei firmatari una volta diffusa la notizia dell'accordo.

Lo storico e giornalista Rafael Poch-de-Feliu, testimone della disgregazione dell'URSS, ipotizza nel suo libro 'The Great Transition' che la "scena degna di Shakespeare"  vide protagonisti quei tre leader, "tre eredi" desiderosi di condividere l'eredità dell'URSS - "la sua vecchia e malata madre" - , esigeva "l'isolamento e la tristezza" che quel ritiro nella foresta offriva loro.

Il passo compiuto da Eltsin, Kravchuk e Sushkevich rimane controverso. La tua decisione è stata legittimata dalla costituzione sovietica? "Il destino dello Stato multinazionale non può essere determinato dalla volontà dei leader di tre repubbliche", sostenne lo stesso Gorbaciov nel suo libro "Riflessioni sul passato e sul futuro" (1999).

I firmatari del Trattato di Belavezha hanno quindi giustificato il passo compiuto dalla profonda crisi economica e politica che stava attraversando il Paese, dalle tensioni sociali, nonché dal fallimento dei negoziati per la preparazione di un nuovo Accordo sindacale.

L'ultimo colpo

Nel 1991 la marcia economica del Paese soffriva gravemente, tra scioperi e carenze nei negozi, mentre Mosca non riusciva a far fronte a forti tensioni territoriali (i Paesi baltici avevano raggiunto l'indipendenza a settembre).

L'ex presidente del Kazakistan, Nursultán Nazarbayev , sottolinea che le battute d'arresto economiche e la mancanza di ferma volontà nella leadership del Paese furono i  fattori chiave della disintegrazione, entrata in vigore il 25 dicembre 1991 con le dimissioni di Gorbaciov, che segnò anche la fine della sua perestrojka, l'ambizioso tentativo di aprire il sistema economico e politico dell'URSS. Quando è iniziata la transizione dall'economia di pianificazione all'economia di mercato (1990), i legami amministrativi e produttivi tra le repubbliche sono scomparsi, spiega Nazabayev. “Ci fermarono 130 aziende . Due milioni di persone erano disoccupate”, ricorda l'ex presidente.

Il colpo di stato che l'ala dura del Partito Comunista dell'URSS - contraria alle riforme della perestrojka - aveva compiuto nell'agosto 1991 contro Gorbaciov, elevò Eltsin come roccaforte dei liberali contro le tentazioni totalitarie e lo pose in una posizione imbattibile per sfidare Gorbaciov al timone del Cremlino, che, dopo tutto, era ciò che il Trattato di Belavezha certificava.

Con l'URSS disintegrata, l'ultimo leader sovietico rimase senza un paese da governare e si dimise il 25 dicembre 1991, poco prima che la bandiera rossa scivolasse giù dall'asta intramurale del Cremlino, l'inizio di un caotico decennio segnato dalla traumatica transizione, l'ascesa degli oligarchi e una profonda crisi sociale che colpiva chi non riusciva ad adeguarsi alle nuove e implacabili regole del mercato.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA di Alberto Fazolo 28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso" di Antonio Di Siena Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico di Gilberto Trombetta Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico

Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia di Giuseppe Masala Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo di Paolo Pioppi Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti