85 anni 'Costituzione Stalin', Zyuganov (KPRF): «La più democratica, umana e giusta della storia»

85 anni 'Costituzione Stalin', Zyuganov (KPRF): «La più democratica, umana e giusta della storia»

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il 5 dicembre del 1936 l’Unione Sovietica adottava una nuova costituzione conosciuta anche come Costituzione di Stalin, ridisegnò la forma di governo dell'Unione Sovietica, sostituendo la Costituzione sovietica del 1918 e quella integrativa del 1924. 

Oltre a nuovi diritti dei lavoratori la Costituzione prevedeva per tutti i cittadini il diritto alla tutela della salute, all'alloggio e all'istruzione, alla cura nella vecchiaia o in caso di malattia. Abolita la proprietà privata, ammessa in casi particolari, adottato il suffragio universale diretto e soprattutto sancita la dittatura degli operai e dei contadini. 

La data viene  celebrata tramite i suoi profili social dal leader del Partito Comunista della Federazione Russa Gennady Zyuganov: «Amici! Oggi, 5 dicembre, sono 85 anni da quando il popolo sovietico ha adottato la Costituzione di Stalin - la più democratica, umana, giusta della storia!». 

Zyuganov ha poi evidenziato che la Costituzione del 1936 garantiva «giornata lavorativa di otto ore, diritto al riposo, posto di lavoro garantito, istruzione universale e gratuita, autentica uguaglianza di genere, - questi e altri diritti e libertà erano garantiti solo in un paese al mondo - la Grande Unione Sovietica».

Alle accuse di dittatura il comunista russo replica: «La dittatura della maggioranza operaia è servita da garanzia dell'applicazione della Costituzione di Stalin. Lavoratori, contadini, intellettuali dell'URSS avevano tutte le risorse del paese».

La conclusione del pensiero di Zyuganov è rivolta all’oggi: «Questa può sembrare una favola per i giovani di oggi. Ma prima o poi il CPRF la renderà realtà».  

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

L’Iran come la Siria nel 2011? di Francesco Santoianni L’Iran come la Siria nel 2011?

L’Iran come la Siria nel 2011?

L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE di Marinella Mondaini L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE

L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso" di Antonio Di Siena Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva? di Michelangelo Severgnini Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva?

Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva?

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo di Paolo Pioppi Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra