Zhang Weiwei: la BRI è costruita sui concetti socialisti di discutere insieme, costruire insieme e trarre beneficio insieme

Zhang Weiwei: la BRI è costruita sui concetti socialisti di discutere insieme, costruire insieme e trarre beneficio insieme

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Friends of Socialist China

Di seguito riportiamo il testo dell'intervento del professor Zhang Weiwei (direttore del China Institute della Fudan University e autore di diversi importanti libri sulla Cina, tra cui The China Wave: Rise of a Civilizational State) al webinar Building a multipolar world - Ten years of the Belt and Road Initiative, tenutosi sabato 4 novembre.

Il professor Zhang ha illustrato i principi fondanti e l'ampio significato storico della Belt and Road Initiative (BRI). Il professore osserva che le fondamenta della BRI sono state gettate durante le due fasi dell'ascesa cinese - i primi tre decenni di costruzione socialista dal 1949 al 1978, seguiti dall'accelerazione dell'industrializzazione e della modernizzazione del periodo della Riforma e dell'Apertura - e che entrambe queste fasi sono state indispensabili per consentire alla Cina di uscire dall'ordine mondiale periferico-centrale dominato dagli Stati Uniti e di emergere come leader economico a pieno titolo.

Il BRI è una manifestazione di questa leadership. Si tratta di un progetto di "hard power", con la Cina che fornisce beni, esperienze e tecnologie della quarta rivoluzione industriale ai Paesi in via di sviluppo, e di un progetto di "soft power", con i principi socialisti di "discutere insieme, costruire insieme e beneficiare insieme" che guidano lo sviluppo della BRI. Zhang osserva che questi principi sono radicati nella democrazia consultiva e nello spirito del fare della Cina e sono stati testati e dimostrati nel processo di modernizzazione della Cina stessa.

Un breve resoconto del webinar è disponibile su China Daily

Lo streaming dell'evento può essere visualizzato su YouTube.

Questo il discorso: 

Salve, compagni e amici,

è un grande piacere intervenire a questo webinar sul tema Costruire un mondo multipolare - Dieci anni di BRI. Farò tre osservazioni:

In primo luogo, sull'ascesa della Cina socialista. È davvero notevole che, con 7 decenni di sforzi incessanti, la Cina sia diventata la più grande economia del mondo in termini di PPA e la più grande nazione commerciale, con il più grande gruppo di reddito medio e il più grande mercato di consumo.

Questa trasformazione storica può essere suddivisa in due fasi: la prima fase, nei primi tre decenni, sotto la guida del presidente Mao, la Cina ha posto le basi politiche, economiche e sociali per la sua ascesa.

Poi la seconda fase, a partire dal 1978, il decollo economico, grosso modo "un decennio, una rivoluzione industriale". La Cina ha realizzato il miracolo delle "Quattro Rivoluzioni Industriali in una" nell'arco di circa quattro decenni e ora si trova nella prima frontiera della Quarta Rivoluzione Industriale (big data, AI e tecnologie quantistiche, ecc.).

In secondo luogo, la Cina è uscita dall'ordine mondiale periferico-centrale ed è diventata il primo grande Paese socialista che ha spezzato in modo significativo il giogo della dipendenza dall'Occidente.

Sul piano interno, la Cina ha completamente sradicato la povertà estrema, ha ottenuto l'assicurazione medica per tutti, la pensione per tutti, e ora ha un tasso di alfabetizzazione superiore a quello degli Stati Uniti e un'aspettativa di vita più alta di quella degli Stati Uniti (2 anni in più, 2021).

Sul piano estero, la Cina è diventata contemporaneamente il più grande partner dei Paesi periferici e dei Paesi centrali in termini di commercio, investimenti, risorse finanziarie e tecnologie. Ecco perché nel 2018 abbiamo giustamente previsto che gli Stati Uniti perderanno la loro guerra commerciale e tecnologica contro la Cina.

In terzo luogo, tutto questo ha spianato la strada al lancio della BRI da parte del presidente Xi Jinping dieci anni fa e al suo straordinario successo fino ad oggi. Il successo ha a che fare con quelli che possono essere definiti hard power e soft power della BRI.

Hard Power: La Cina è l'unico Paese in grado di fornire beni, esperienze e tecnologie delle Quattro Rivoluzioni Industriali ai Paesi in via di sviluppo e ha aiutato l'Africa a costruire 6.000 chilometri di ferrovie e 6.000 chilometri di autostrade. Molti Paesi senza sbocco sul mare non sono più senza sbocco sul mare, molti Paesi senza ferrovia sono ora dotati di ferrovia. Molte persone che non potevano permettersi gli smartphone ora li hanno e i loro Paesi hanno reti 4G o addirittura 5G.

La Cina è spesso in grado di fornire soluzioni complete per l'industrializzazione dei Paesi in via di sviluppo. Ad esempio, la Cina ha completato un pacchetto completo di produzione petrolchimica da zero per Paesi come il Ciad, il Sudan e il Turkmenistan. Essendo il più grande mercato di consumo al mondo, la Cina può accogliere un gran numero di merci provenienti dai Paesi in via di sviluppo. Ad esempio, con il completamento della ferrovia Cina-Laotian, la Cina è diventata il più grande mercato per il famoso frutto tailandese durian, con un balzo del 65% dalla costruzione della ferrovia. Il solo commercio del durian ha creato un giro d'affari di 3 miliardi di dollari per la Thailandia e i consumatori cinesi hanno beneficiato di questo commercio.

Soft power: il motto della BRI è gòngsh?ng gòngjiàn gòngxi?ng (??????) ovvero "discutere insieme, costruire insieme e beneficiare insieme". Queste idee sono molto socialiste e sono state ripetutamente sperimentate nel corso del successo del processo di modernizzazione della Cina.

Discutere insieme deriva dalla democrazia consultiva cinese (sia nella politica alta che in quella bassa).

Costruire insieme deriva dallo spirito cinese del fare. Molti africani hanno descritto i progetti occidentali in Africa come NATO (No Action, Talk Only), mentre i progetti cinesi sono orientati all'azione e, una volta raggiunto il consenso delle parti interessate, le azioni seguono immediatamente.

Beneficiare insieme significa, a parte i progetti di aiuto alla Cina, che la BRI non è un'opera di carità e che la maggior parte dei progetti BRI sono commercialmente validi e vantaggiosi per tutte le parti interessate.

In breve, queste idee e pratiche ben collaudate sono guidate da una radicata convinzione filosofica cinese. Se il credo occidentale può essere descritto come “divide et impera“, quello cinese è "unisci e prospera". Lo pratichiamo in patria con straordinario successo e ora lo promuoviamo nella BRI, e sta funzionando bene.

In conclusione, l'hard power e il soft power stanno ancora guadagnando slancio, come dimostrano l'ascesa della Cina e il successo della BRI, e questo incoraggerà sicuramente sempre più Paesi del Sud globale a collaborare in modo significativo per cambiare l'ordine globale unipolare in uno multipolare.

(Traduzione de l’AntiDiplomatico)

 

Potrebbe anche interessarti

Alle armi siam... Von Der Leyen Alle armi siam... Von Der Leyen

Alle armi siam... Von Der Leyen

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Sinistra o destra? Guerra di classe di Pasquale Cicalese Sinistra o destra? Guerra di classe

Sinistra o destra? Guerra di classe

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti di Andrea Puccio Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti