Zelensky ringrazia Milei per la sua "posizione chiara"

Zelensky ringrazia Milei per la sua "posizione chiara"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il fantoccio ucraino Vladimir Zelenski ha ringraziato il presidente eletto dell'Argentina Javier Milei - che si candida a essere un fantoccio alla Zelensky in America Latina - per la sua "chiara posizione" in un post su X dopo una conversazione telefonica con il futuro presidente del Paese sudamericano, come riporta l’emittente RT.

Zelenski ha affermato che Milei, senza fare "un bilancio tra il bene e il male", esprime solo "un chiaro sostegno all'Ucraina". In questo senso, il leader ucraino intende "sviluppare le relazioni tra l'Ucraina e l'Argentina, così come i legami dell'Ucraina con altri Paesi dell'America Latina".

Ha inoltre invitato il futuro presidente argentino a visitare l'Ucraina e a "mandare un forte segnale politico".

Nel frattempo, il discorso politico di Milei ha subito dei cambiamenti dopo la sua vittoria nel ballottaggio di domenica scorsa contro il candidato peronista Sergio Massa. 

A settembre, in un'intervista con il giornalista statunitense Tucker Carlson, l'allora candidato alle presidenziali aveva messo in dubbio il futuro dei legami di Buenos Aires con Cina, Russia e Brasile. "Non farò affari con nessun comunista. Sono un difensore della libertà, della pace e della democrazia. I comunisti non rientrano. I cinesi non rientrano, il presidente russo Vladimir Putin non rientra. Il presidente brasiliano Luiz Inácio Lula non rientra”, aveva baldanzosamente affermato. 

Tuttavia, Diana Mondino, futuro ministro degli Esteri del governo Milei, ha chiarito mercoledì che il Paese non interromperà le relazioni né con il Brasile né con la Cina, poiché una tale decisione non sarebbe "affatto logica". Ha anche affermato che non ci sarà alcuna rottura delle relazioni diplomatiche con Mosca, sostenendo che un tale scenario si verificherebbe solo in caso di una "situazione estremamente grave".

Insomma, la realpolitik adesso sembra avere la meglio sul fanatismo di Milei. 

Nel frattempo la Russia si è detta aperta al dialogo con l'Argentina su un'ampia gamma di questioni, secondo quanto affermato dalla portavoce del Ministero degli Esteri russo Maria Zakharova, commentando la proposta del presidente eletto dell'Argentina Javier Milei di ospitare un vertice di pace sul conflitto in Ucraina.

Milei ha infatti proposto di organizzare un vertice tra Ucraina e America Latina durante il colloquio con il presidente ucraino Volodymir Zelenski.

"Da parte nostra, siamo sempre aperti al dialogo costruttivo con Buenos Aires su un'ampia gamma di questioni dell'agenda internazionale e bilaterale", ha dichiarato Zakharova a Sputnik.

Secondo la portavoce, la Russia presume che l'Argentina stia formando un nuovo governo che dovrà affrontare i "complessi problemi del Paese".

Mosca spera inoltre che durante questo processo "venga elaborato un piano concreto per i passi da compiere in politica estera, tenendo conto del ruolo dell'Argentina negli affari mondiali e delle valutazioni delle realtà globali e regionali", ha sottolineato Maria Zakharova.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza di Leonardo Sinigaglia Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Genocidio, il tabù della parola di Giuseppe Giannini Genocidio, il tabù della parola

Genocidio, il tabù della parola

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo di Paolo Arigotti La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti