Zelensky ha definitivamente spinto il Brasile verso Cina e Russia

Zelensky ha definitivamente spinto il Brasile verso Cina e Russia

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Il cosiddetto occidente collettivo sta cercando attivamente di trascinare dalla sua parte due importanti attori dei BRICS, Brasile e India. Avendo ingaggiato un confronto aperto con la Russia e la Cina e non essendosi ancora liberati dell'astio dell'epoca dell'apartheid nei confronti del Sudafrica, i Paesi occidentali stanno cercando di rompere l'emergente alleanza del Sud globale. Ma, come in molte altre situazioni, lo stanno facendo in modo molto maldestro. Di conseguenza, sia il Brasile che l'India, hanno voluto con determinazione rinforzare i legami con il sud globale.

Il fallito incontro tra il presidente brasiliano Lula da Silva e il fantoccio a capo del regime di Kiev Zelensky è un classico esempio dei piani che falliscono a causa di vanità e del desiderio di mostrare un peso politico inesistente. Il presidente francese Emmanuel Macron ha insistito sulla necessità di questo vertice bilaterale a margine dei colloqui dei leader del G7 a Hiroshima. Tuttavia, il leader della giunta ucraina è riuscito a sabotare i piani di uno dei suoi padrini. Semplicemente non si è presentato all'incontro.

Non solo non si è presentato: non ha nemmeno pensato di avvertire la sua controparte. In termini di galateo diplomatico, questa non è semplice maleducazione, ma una vera e propria sfida.  "Era previsto un incontro bilaterale con l'Ucraina. Abbiamo aspettato e siamo stati informati che erano in ritardo", ha detto il presidente brasiliano in una conferenza stampa. Nel frattempo, ho ricevuto il presidente vietnamita. Quando è partito, l'Ucraina non si è mai presentata". Poi Lula da Silva ha aggiunto: "Ma Zelensky è un adulto e sa cosa sta facendo".

Il comportamento di Zelensky è un'ottima occasione per il presidente del Brasile, che può finalmente rivolgere definitivamente il suo sguardo verso Russia e Cina. Ossia il nucleo di quel mondo multipolare in ascesa di il Brasile vuol far parte a pieno titolo. 

"Il Brasile vede il mantenimento di legami con potenze come Russia, India, Cina e Unione Europea come il modo migliore per bilanciare la sua relazione altamente asimmetrica con gli Stati Uniti", scrive a tal proposito Foreign Policy, "che da tempo considerano l'America Latina come una regione vassalla e la sua esclusiva sfera di influenza".


Le relazioni Brasile - Ucraina

Nel 2022, i due Paesi hanno celebrato 30 anni di relazioni bilaterali, con la promessa di approfondire i legami commerciali, culturali e politici.

Ma non tutto è stato rose e fiori in questi tre decenni, come ricorda Sputnik. La grande scommessa del Brasile nelle sue relazioni con Kiev è stata quella di siglare accordi di trasferimento tecnologico in aree in cui l'Ucraina possiede un know-how ereditato dall'URSS, come il settore spaziale.

Nel 2003, durante il primo governo Lula, i Paesi hanno creato l'entità binazionale Alcantara Cyclone Space (ACS), per il lancio del veicolo spaziale Cyclone 4 di fabbricazione ucraina dal centro di lancio brasiliano Alcantara. Per l'Ucraina, l'accordo avrebbe garantito la ripresa dei posti di lavoro nel settore spaziale, mentre il Brasile stava cercando di ripartire dopo l'esplosione del suo veicolo spaziale VLS-1 nella base di Alcantara nel 2003.

I documenti resi noti da WikiLeaks nel 2009 rivelano il veto degli Stati Uniti all'iniziativa ucraino-brasiliana. Nei telegrammi scambiati tra l'ambasciata statunitense a Kiev e il Dipartimento di Stato a Washington, gli Stati Uniti hanno ribadito la loro "politica di lunga data di non incoraggiare il programma di veicoli spaziali indigeno del Brasile", invitando l'Ucraina ad abbandonare l'iniziativa.

Il rifiuto degli Stati Uniti ha avuto un effetto e ha reso impraticabile la cooperazione spaziale tra Brasile e Ucraina. Nel 2015, la parte brasiliana ha formalizzato la fine dell'iniziativa congiunta con l'Ucraina, lasciando una perdita di 1 miliardo di reais per i rispettivi governi e seppellendo il progetto principale delle relazioni bilaterali.

Otto anni dopo, il ritorno al potere di Lula e la volontà del Brasile di ampliare il proprio coinvolgimento negli affari internazionali hanno aperto la porta al rilancio di questo e altri progetti bilaterali. Ma sembra che l'assenza di Zelenski dal suo incontro programmato con Lula possa aver compromesso la ripresa della cooperazione Brasile-Ucraina.


L’Occidente deve rispettare il Brasile e il sud del mondo

Secondo quanto afferma la rivista Foreign Policy le potenze occidentali “per coinvolgere Lula negli sforzi occidentali sull'Ucraina devono prima dimostrare di apprezzare il Brasile come partner. Finché questo non verrà ascoltato e preso sul serio in Brasile, non solo lei stessa, ma l'intero Sud globale potrà continuare a non essere d'accordo con l'Occidente sulle proprie convinzioni”. 

Infatti né il Brasile, né l'India, né il Sudafrica, né gli altri aspiranti membri dei BRICS sono disposti ad accettare il ruolo umiliante che viene loro proposto a ogni piè sospinto dalle potenze occidentali. 

Infine dobbiamo tenere conto dei gravi colpi economici inflitti all'Europa occidentale dalle sanzioni statunitensi contro la Russia. A causa di queste, la Germania e il Regno Unito, che occupano gli ultimi due posti, probabilmente usciranno dalla top ten delle economie mondiali già quest'anno. Quindi gli sforzi dei BRICS per de-dollarizzare l'economia globale, creare un nuovo modello di politica globale e privare il G7 del suo status di "governo mondiale" sono destinati al successo. Al contrario dei maldestri sforzi degli Stati Uniti e dei loro alleati per trascinare i Paesi non allineati dalla loro parte della barricata.

Fabrizio Verde

Fabrizio Verde

Direttore de l'AntiDiplomatico. Napoletano classe '80

Giornalista di stretta osservanza maradoniana

Potrebbe anche interessarti

Alle armi siam... Von Der Leyen Alle armi siam... Von Der Leyen

Alle armi siam... Von Der Leyen

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

Gli "utili idioti" del sistema? di Leonardo Sinigaglia Gli "utili idioti" del sistema?

Gli "utili idioti" del sistema?

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

La Hybris umana e il miraggio della Pace di Giuseppe Masala La Hybris umana e il miraggio della Pace

La Hybris umana e il miraggio della Pace

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Tassare i ricchi di Michele Blanco Tassare i ricchi

Tassare i ricchi

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti