Zakharova: "Abbiamo sempre considerato l'Italia un Paese sovrano e indipendente"

Zakharova: "Abbiamo sempre considerato l'Italia un Paese sovrano e indipendente"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Alla sempiterna accusa alla Russia di interferenze nella politica italiana risponde la portavoce del ministero degli Esteri di Mosca Maria Zakharova. 

"Abbiamo sempre considerato l'Italia un Paese sovrano e indipendente. Se essa non viene considerata tale altrove, questo non ha nulla a che fare con la Russia”, ha dichiarato la diplomatica russa in risposta a una domanda su presunti tentativi di destabilizzazione di Mosca. 

"Quando i funzionari italiani collegano i rimpasti politici interni con la Russia e la sua politica estera, siamo francamente scioccati", ha detto, "le accuse dell'Italia che alcuni politici russi hanno provocato la destabilizzazione del Paese sono infondate e insostenibili. Semplicemente non hanno prove”. 

Zakharova ha poi evidenziato che, “a differenza degli ‘Stati veramente democratici’ i cui rappresentanti ammettono spesso, apertamente e senza battere ciglio, di contribuire alla pianificazione di colpi di Stato in altri Paesi, la Russia è sempre stata e rimane ancorata al principio di non interferenza negli affari degli Stati sovrani, e le sue missioni estere rispettano rigorosamente le disposizioni della Convenzione di Vienna del 1961 sulle relazioni diplomatiche. Lo abbiamo sottolineato in numerose occasioni, anche l'altro giorno nel contesto degli sviluppi politici interni in Italia”. 

Dunque “Vorremmo raccomandare ai politici europei di cercare le cause delle crisi interne nei propri errori e nella propria mancanza di professionalità, che stanno aumentando l'impatto socioeconomico sui cittadini dei Paesi dell'UE”. 

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA di Alberto Fazolo 28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso" di Antonio Di Siena Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico di Gilberto Trombetta Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico

Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia di Giuseppe Masala Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo di Paolo Pioppi Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra