Yellen e le dichiarazioni sul possibile default Usa

Yellen e le dichiarazioni sul possibile default Usa

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Il segretario al Tesoro Janet Yellen ha notificato, lunedì scorso, al Congresso che gli Stati Uniti potrebbero andare in default sul proprio debito già dal 1 giugno, se i legislatori non sollevano o sospendono l'autorità di prestito della nazione prima di allora e scongiurano quella che potrebbe potenzialmente diventare una crisi finanziaria globale.

In una lettera ai leader della Camera e del Senato, Yellen ha esortato i leader del Congresso "a proteggere la piena fiducia e il credito degli Stati Uniti agendo il prima possibile" per affrontare il limite di 31,4 trilioni di dollari alla sua autorità di prestito legale. Ha aggiunto che è impossibile prevedere con certezza la data esatta in cui gli Stati Uniti finiranno i contanti.

"Abbiamo appreso dalle passate impasse del limite del debito che aspettare fino all'ultimo minuto per sospendere o aumentare il limite del debito può causare gravi danni alla fiducia delle imprese e dei consumatori, aumentare i costi di prestito a breve termine per i contribuenti e avere un impatto negativo sul rating del credito degli Stati Uniti Uniti”, ha spiegato la Yellen nella lettera.

Sempre lunedì, il Congressional Budget Office ha riferito di aver visto un rischio maggiore che gli Stati Uniti finissero i fondi all'inizio di giugno. Il direttore del CBO Phillip L. Swagel ha ricordato che, a causa delle entrate fiscali inferiori alle attese in questa stagione di deposito e di un IRS più rapido che ha elaborato i resi già ricevuti, "le misure straordinarie del Tesoro saranno esaurite prima di quanto previsto in precedenza".

A gennaio, la Yellen aveva inviato una lettera ai leader del Congresso, avvertendo che il suo dipartimento aveva iniziato a ricorrere a "misure straordinarie" per evitare un default del governo federale.

Lunedì scorso, Il Tesoro ha ribadito che prevede di aumentare i propri prestiti durante il trimestre da aprile a giugno di quest'anno, anche se il governo federale è vicino a superare il limite del debito.

Gli Stati Uniti prevedono di prendere in prestito 726 miliardi di dollari durante il trimestre. Si tratta di 449 miliardi di dollari in più rispetto a quanto previsto a gennaio, a causa di un saldo di cassa inferiore all'inizio del trimestre e proiezioni di entrate fiscali inferiori alle attese e maggiori spese.

Mentre la guerra in Ucraina rimane un peso per la crescita economica degli Stati Uniti, i funzionari del Tesoro precisano che il dibattito sul tetto del debito rappresenta il rischio maggiore per la posizione finanziaria degli Stati Uniti.

Eric Van Nostrand, assistente segretario ad interim per la politica economica, ha sottolineato in una dichiarazione che "anche se il Congresso alla fine aumentasse il limite del debito prima che si verifichi un default, l'incertezza che ne deriverebbe potrebbe aumentare i costi di prestito e indurre altre tensioni finanziarie che indebolirebbero il nostro mercato del lavoro e la nostra posizione nel mondo.”

"Non c'è tempo da perdere", ha detto Shai Akabas, direttore della politica economica al Bipartisan Policy Center, che prevede la cosiddetta data X quando il governo esaurirà le sue misure straordinarie. La sua organizzazione fornirà anche una proiezione X-date aggiornata nei prossimi giorni, ha annunciato.

“Il governo degli Stati Uniti è di nuovo a pochi mesi o addirittura settimane dal fallimento nell'adempiere a tutti i suoi obblighi. Questa non è una posizione che si addice a un paese considerato il fondamento del sistema finanziario, e aggiunge solo incertezza a un'economia già traballante".

I democratici e la Casa Bianca stanno spingendo affinché il Congresso aumenti il ??limite del debito federale. Il presidente Joe Biden vuole alzare il tetto senza negoziare. La maggioranza repubblicana alla Camera ha recentemente approvato un disegno di legge per garantire tagli alla spesa in cambio di un aumento del limite del debito. Biden lunedì ha invitato i quattro leader del Congresso alla Casa Bianca il 9 maggio per discutere la questione.

Yellen aveva lanciato un appello la scorsa settimana alla conferenza politica Cap-to-Cap a Washington: “Il Congresso deve votare per aumentare o sospendere il limite del debito, e dovrebbe farlo senza condizioni e non dovrebbe aspettare fino all'ultimo minuto. Credo che sia una responsabilità fondamentale dei leader della nostra nazione portare a termine questo compito”.

 

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La tigre di carta è nuda di Clara Statello La tigre di carta è nuda

La tigre di carta è nuda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi di Pasquale Cicalese Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti