Washington Post: Iraq, i rifiuti bruciati dalle truppe USA hanno causato il cancro e altre malattie

Washington Post: Iraq, i rifiuti bruciati dalle truppe USA hanno causato il cancro e altre malattie

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Oggi, il Washington Post ha riferito che il fumo tossico dei pozzi bruciati dalle forze armate statunitensi nelle basi in Iraq dopo l'invasione e l'occupazione del paese nel 2003 ha causato tumori mortali e problemi respiratori sia ai soldati statunitensi che agli iracheni.

"Dove i soldati hanno stabilito basi militari, hanno bruciato la loro spazzatura all'aperto, avvelenando l'aria intorno a loro", ha scritto il Post. Batterie, rifiuti umani, razioni di plastica, rifiuti sanitari, vernici, petrolio, ordigni inesplosi e persino frigoriferi figurano tra gli oggetti bruciati.

Dei 150 pozzi bruciati nelle basi militari statunitensi in tutto l'Iraq, la discarica nella città di Balad, 50 km a nord di Baghdad, era il più grande, con una superficie di circa 10 acri.

Nel 2008, circa 150 tonnellate di rifiuti venivano bruciate lì ogni giorno, a volte creando una nuvola velenosa abbastanza spessa da oscurare il sole, che faceva tornare a casa i contadini che lavoravano nei campi vicini coperti di fuliggine alla fine di ogni giornata.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha firmato una legge l'anno scorso riconoscendo l'impatto mortale delle fosse di combustione e fornendo benefici ai veterani militari statunitensi colpiti dal fumo tossico. Il presidente Biden è stato motivato in parte dalla morte di suo figlio, Beau, che è morto di cancro al cervello che si ritiene sia stato causato dall'esposizione alle fosse di combustione durante il suo tour come soldato in Iraq.

Tuttavia, il governo degli Stati Uniti non ha tentato di valutare l'impatto delle fosse sugli iracheni né di fornire loro alcuna forma di risarcimento. Mentre i soldati statunitensi sarebbero stati esposti ai gas tossici nel corso di un dispiegamento di un anno nel paese, gli iracheni che vivevano e lavoravano vicino alle basi statunitensi hanno respirato il fumo giorno e notte per otto anni mentre la guerra si trascinava.

Il Washington Post ha documentato la storia di una famiglia che lavorava in una fattoria vicino a Balad. Tutta la famiglia aveva problemi di salute, tranne un fratello, che lavorava come poliziotto dislocato fuori città. La madre, Attiyah, ha sviluppato il cancro tre volte, alle ovaie, alla tiroide e poi di nuovo alle ovaie. Suo nipote, Mehdi, è morto per problemi respiratori che hanno causato un abbassamento troppo basso dei suoi livelli di ossigeno. Quando è stato portato per la prima volta in ospedale, la sua pelle era blu.

Ma l'aumento dei tassi di cancro e di altre malattie tra gli iracheni è stato sospettato per anni, non solo a causa delle fosse di combustione, ma anche a causa dell'uso da parte delle forze armate statunitensi di materiali radioattivi nelle munizioni, in particolare uranio impoverito (DU), durante il primo Guerra del Golfo nel 1991 e Seconda Guerra del Golfo nel 2003.

Nel 2013, Al-Jazeera riferì che c'erano sospetti sulla contaminazione da munizioni all'uranio impoverito e altri agenti inquinanti legati all'esercito statunitense come causa di un forte aumento dei casi di malformazioni congenite alla nascita e cancro,  leucemia, in molti governatorati iracheni, in particolare nella città di Falluja.

Al-Jazeera spiegò che “le statistiche ufficiali del governo iracheno mostrano che, prima dello scoppio della prima guerra del Golfo nel 1991, il tasso di casi di cancro in Iraq era di 40 su 100.000 persone. Nel 1995 era aumentato a 800 persone su 100.000 e, nel 2005, era raddoppiato fino ad almeno 1.600 persone su 100.000”.

L'invasione americana dell'Iraq del 2003 è stata lanciata dopo che i funzionari dell'amministrazione Bush hanno fabbricato prove che sostenevano come che il governo iracheno, guidato da Saddam Hussein, possedeva armi di distruzione di massa e aveva assistito Al-Qaeda nella realizzazione degli attacchi dell'11 settembre. Queste false affermazioni erano necessarie per ottenere l'approvazione dell’opinione pubblica statunitense per lanciare la guerra.

Secondo i ricercatori della Brown University, si stima che tra 275.000 e 306.000 civili iracheni siano stati uccisi dalla violenza diretta in seguito all'invasione statunitense. Tuttavia, il numero effettivo di civili uccisi dalla violenza di guerra diretta e indiretta è sconosciuto ma probabilmente molto più alto.

Nessun membro dell'amministrazione Bush è stato perseguito in tribunale nazionale o internazionale per il suo ruolo nel lancio della guerra illegale del 2003.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La fine dell'impunità di Israele di Clara Statello La fine dell'impunità di Israele

La fine dell'impunità di Israele

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti