Venezuela: previsto lo sblocco di 3 miliardi di dollari sequestrati all'estero a causa delle sanzioni

Venezuela: previsto lo sblocco di 3 miliardi di dollari sequestrati all'estero a causa delle sanzioni

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

A causa delle criminali sanzioni imposte dagli Stati Uniti e dai suoi vassalli al Venezuela, il paese latinoamericano si trova con cospicui fondi bloccati all’estero. La lunga battaglia intrapresa da Caracas per vedere sbloccate le proprie risorse illegalmente sequestrate sembra essere giunta a un punto di svolta: secondo quanto riferisce il quotidiano spagnolo El Pais, è previsto lo sblocco nelle prossime settimane di fondi venezuelani bloccati all’estero pari alla cifra di 3 miliardi di dollari. 

Secondo le fonti, i 3 miliardi saranno gestiti dalle Nazioni Unite (ONU) e saranno destinati a opere igienico-sanitarie per migliorare la vita dei venezuelani.

Questi fondi saranno utilizzati per finanziare progetti di elettricità, acqua, sanità e istruzione in Venezuela.

"Guterres è pronto. È ora di contare su quei soldi", hanno dichiarato le fonti al quotidiano spagnolo. 

Lo sblocco di questi fondi venezuelani era stato concordato lo scorso novembre durante i colloqui tra il governo bolivariano e l'opposizione in Messico. Tuttavia, l'opposizione non ha ancora restituito il denaro. 

Secondo i media, il rilascio di questi fondi servirebbe a riprendere i colloqui tra il governo e l'opposizione negli Stati Uniti. Tuttavia, le autorità di Caracas hanno più volte ribadito che, affinché ciò avvenga, è necessaria la revoca delle sanzioni e il rilascio del diplomatico Alex Saab.

A questo proposito, il presidente colombiano Gustavo Petro ha proposto agli Stati Uniti di sbloccare i diritti speciali di prelievo (DSP) del Venezuela presso il Fondo Monetario Internazionale (FMI). Di farlo attraverso la Corporazione Andina di Sviluppo (CAF) per aumentare gli investimenti sociali nel Paese.

Attraverso il suo account sul social network X, Petro ha festeggiato il fatto che l'ONU e gli Stati Uniti abbiano fatto un passo per sbloccare i fondi venezuelani.

"Propongo al Venezuela e agli Stati Uniti di sbloccare i DSP (Diritti Speciali di Prelievo) del Venezuela presso il Fondo Monetario Internazionale, che sono di sua proprietà, e di farli transitare attraverso la Corporazione Andina di Sviluppo, CAF, verso il Venezuela per lo stesso scopo”, ha affermato il leader colombiano che da tempo è impegnato affinché siano rimosse le sanzioni che gravano su Caracas. 

Ha quindi ribadito la richiesta che il Venezuela venga liberato dal fardello sanzioni, ridurre le emissioni di metano e porre fine all'esodo attraverso la giungla del Darien verso gli Stati Uniti.

Potrebbe anche interessarti

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La tigre di carta è nuda di Clara Statello La tigre di carta è nuda

La tigre di carta è nuda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti