USB: Altavilla “padrone” di Ita Airways. Basta metodi dittatoriali

USB: Altavilla “padrone” di Ita Airways. Basta metodi dittatoriali

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Il presidente di Ita Airways, Alfredo Altavilla, degno erede di Sergio Marchionne, come denunciato dall'USB usa metodi intimidatori contro i lavoratori Alitalia con lo scopo di cercare "i negligenti". Un episodio denunciato dal sindacato di base rivela la natura feroce e padronale da far rimpiangere i Balaban, Semenzara di fantozziana memoria.  Non aver trovato un posto corrispondente sotto la cappelliera ad ex Dirigente Alitalia Costanza Esclapon de Villeneuve( anche il nome è fantozziano ricorda la Servelloni Mazzanti vien dal mare) ha provocato la sua protesta all'AD LAzzerini. Come denunciato dall'USB "è bastato un report di poche parole e i lavoratori malcapitati sono finiti sotto torchio e a rischio licenziamento, essendo come tutti i lavoratori Ita nel periodo di prova imposto dalla compagnia."

Questo è clima intimidatorio nel Draghistan.

USB Trasporto Aereo

In questi giorni scopriamo che i pensieri e le attenzioni del presidente di Ita Airways, Alfredo Altavilla, non riguardano l’andamento dell’azienda che sarebbe tenuto a seguire, bensì sono concentrati nello scovare i dipendenti negligenti da “punire”.  

La sera del 9 novembre Altavilla ha inviato infatti ai naviganti la lettera allegata in cui - al massimo dell’arroganza di chi si sente onnipotente e invincibile, mentre è solo un boiardo raccomandato che amministra una microazienda per conto della “razza padrona” - detta regole per il personale di volo, partendo da un caso esemplare avvenuto su un aereo in servizio in una tratta interna.

Su quel volo era presente la ex dirigente di Alitalia Costanza Esclapon de Villeneuve che, insoddisfatta per non aver trovato posto per il proprio bagaglio nella cappelliera sopra il proprio sedile, ha chiamato l’ad Fabio Lazzerini. È bastato un report di poche parole e i lavoratori malcapitati sono finiti sotto torchio e a rischio licenziamento, essendo come tutti i lavoratori Ita nel periodo di prova imposto dalla compagnia.

Questo è stato lo spunto per richiamare all’ordine tutti i dipendenti con il messaggio di martedì 9, minaccioso e insultante, che definisce le persone inadeguate e maleducate. I dipendenti provenienti dalla ex Alitalia sarebbero macchiati dal peccato originale e porterebbero in se stessi tutte le tare della vecchia compagnia.

Nella realtà le cose stanno ben diversamente. Ita a distanza di 20 giorni è una microazienda che ha assunto 900 persone in meno rispetto alle già scarse previsioni di 2800 unità. Dalla partenza mostra una serie di problemi alla base del progetto industriale inadeguato e fallimentare tante volte criticato.

Il piano operativo subisce ogni giorno cancellazioni, l’operativo non è efficiente e si fanno due tratte in 12 ore di servizio. I lavoratori sono tenuti all’oscuro di procedure di legge a partire da quelle sulla maternità e fruizione dei congedi parentali o della legge 104. I lavoratori non hanno alcun riferimento e sul posto di lavoro comincia ad esserci un clima inaccettabile.

Tutto questo va fermato. In passato ad ogni cambio di manager i dipendenti Alitalia hanno subito, per incapacità di gestione, provvedimenti disciplinari, licenziamenti e angherie gratuite. USB dice stop ai metodi dittatoriali che in passato non sono serviti a niente: reagire è l’unica difesa possibile contro questa follia.

 La_lettera_di_Altavilla.pdf

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista di Francesco Erspamer  Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Sa(n)remo arruolati in guerra di Giorgio Cremaschi Sa(n)remo arruolati in guerra

Sa(n)remo arruolati in guerra

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?   di Bruno Guigue Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'(ancien) Regime di Antonio Di Siena L'(ancien) Regime

L'(ancien) Regime

C'era una volta il servizio sanitario nazionale di Gilberto Trombetta C'era una volta il servizio sanitario nazionale

C'era una volta il servizio sanitario nazionale

I libici assaltano il complesso dell'Eni a Zuwara di Michelangelo Severgnini I libici assaltano il complesso dell'Eni a Zuwara

I libici assaltano il complesso dell'Eni a Zuwara

Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano di Pasquale Cicalese Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano

Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente di Damiano Mazzotti Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente

Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente