USA-Giappone, provocazione alla Cina: simulazione di guerra con F-35 nel Mar delle Filippine

USA-Giappone, provocazione alla Cina: simulazione di guerra con F-35 nel Mar delle Filippine

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Difesa e Intelligence è anche su Telegram. Clicca qui per entrare nel canale e restare sempre aggiornato


Non solo Russia. Gli Stati Uniti sembrano decisi ad alzare la tensione anche verso la Cina: 26 caccia F-35 Lightning II Joint Strike Fighters, due portaerei e due navi anfibie sono state schierate per simulazioni di guerra nel Mar delle Filippine. 

Una massiccia dimostrazione di forza nei confronti di Pechino. Questa è infatti più grande esercitazione con navi dotate di aviazione da ottobre. Il Mare delle Filippine si trova a est di Taiwan, tra l'isola secessionista e il territorio statunitense di Guam e le Isole Marianne Settentrionali nell'Oceano Pacifico. Tuttavia, la Marina degli Stati Uniti non ha fatto dichiarato quanto la flotta fosse vicina a Taiwan.

Con un totale di 26 caccia, la simulazione di guerra è stata il più grande raduno di F-35 della marina statunitense fino ad oggi. Le portaerei partecipanti - Carl Vinson e Abraham Lincoln - hanno trasportato 10 caccia F-35C ciascuno, mentre sei F-35B a decollo corto e atterraggio verticale (STOVL) erano sulla nave anfibia USS American.   

Un comunicato della Marina degli Stati Uniti ha affermato che le navi da guerra stavano "conducendo l'addestramento per preservare e proteggere una regione libera e aperta dell'Indo-Pacifico".

La dimostrazione muscolare degli Stati Uniti nel cortile di casa della Cina sembra aver lo scopo di inviare un chiaro messaggio al PLA che gli Stati Uniti e i suoi alleati sono schierati con i secessionisti di Taiwan. E inoltre un potenziale conflitto tra gli Stati Uniti e la Cina coinvolgerebbe molto probabilmente anche il Giappone, come Tokyo ha indicato in precedenza.

La risposta cinese, però, non si è fatta attendere. Secondo quanto affermato dal ministero della Difesa taiwanese, nella giornata del 23 gennaio 24 aerei da combattimento J-16, 10 jet da combattimento J-10, due aerei da trasporto Y-9, due aerei di avvertimento antisommergibile Y-8, e un bombardiere H-6 con capacità nucleare, avrebbero fatto vedere la propria presenza a Taiwan. 

Il PLA ha poi reso noto che le esercitazioni cinesi vicino Taiwan sono continuate. Un totale di 13 aerei PLA, vale a dire otto jet da combattimento J-16, un aereo da guerra antisommergibile Y-8, due bombardieri H-6 e due aerei da guerra elettronica J-16D, sono entrati nella zona di identificazione della difesa aerea autoproclamata di Taiwan lunedì, ha detto l'autorità di difesa dell'isola di Taiwan.

Questa è la prima volta che l'autorità di difesa di Taiwan ha segnalato l'avvistamento del velivolo da guerra elettronica J-16D, hanno evidenziato gli osservatori.

Le esercitazioni cinesi sono una risposta alla recente "dimostrazione di potenza" di Stati Uniti e Giappone, dopo che i due paesi hanno tenuto la simulazione di guerra congiunta nel Mar delle Filippine, a est dell'isola di Taiwan, hanno affermato gli analisti della Cina continentale, notando che l'aumento del numero di aerei da guerra è un'ovvia contromisura per scoraggiare le forze di interferenza straniere, che hanno nuovamente tentato di dare sostegno ai secessionisti di Taiwan.

 

Difesa e Intelligence è anche su Telegram. Clicca qui per entrare nel canale e restare sempre aggiornato

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Gianni Riotta e il fondo del water del giornalismo di Francesco Santoianni Gianni Riotta e il fondo del water del giornalismo

Gianni Riotta e il fondo del water del giornalismo

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano di Savino Balzano Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato di Pasquale Cicalese Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"... di Antonio Di Siena In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

Privatizzazioni e imprese di stato. Fact Checking completo di Gilberto Trombetta Privatizzazioni e imprese di stato. Fact Checking completo

Privatizzazioni e imprese di stato. Fact Checking completo