"Urina, feci, topi": le disumane condizioni dei rifugiati afghani in Qatar

"Urina, feci, topi": le disumane condizioni dei rifugiati afghani in Qatar

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Gli Stati Uniti stanno portando migliaia di rifugiati fuori dall'Afghanistan, i quali devono affrontare condizioni disperate e antigieniche nel centro delegato alla loro accoglienza degli Stati Uniti in Qatar.

La base aerea di Al Udeid a Doha, in Qatar, è il primo scalo per molti rifugiati afgani che riescono ad avere un posto su un volo americano da Kabul. La base è una delle tante in cui questi rifugiati saranno controllati, prima di essere trasportati negli Stati Uniti, in Europa e in Asia.

Le condizioni alla base, tuttavia, sono "un inferno vivente" , ha dichiarato venerdì scorso Colin Sullivan, un agente del Comando centrale degli Stati Uniti, ai funzionari del Dipartimento di Stato e del Pentagono in una e-mail, riportata da Axios oggi.

"Rifiuti, urina, materia fecale, liquidi versati e vomito ricoprono i pavimenti", ha scritto Sullivan, descrivendo l'hangar gremito che ospita i rifugiati. "Ho passato un'ora lì dentro a raccogliere immondizia... quasi soffocato."

"Siamo nel mezzo di crisi umanitarie [sic] che si aggravano con ogni volo che atterra a Doha", ha continuato, prima di scrivere un cupo aggiornamento: "Ora hanno un problema con i topi".

Secondo Sullivan, l'hangar manca di un'adeguata aria condizionata, un problema serio quando le temperature a Doha questa settimana dovrebbero raggiungere i 41,6 gradi questa settimana. 

"C'è un motivo per cui non stanno tenendo la Coppa del Mondo nel bel mezzo dell'estate", ha detto un funzionario a condizione di anonimato ad Axios, riferendosi al calcio d'inizio della Coppa del Mondo 2022 di novembre. "Fa brutalmente caldo."

Il numero preciso di rifugiati ospitati nell'hangar in qualsiasi momento è sconosciuto, così come il numero totale che l'amministrazione Biden intende portare negli Stati Uniti. "Circa qualche migliaio" di americani rimangono a terra a Kabul, ha riferito domenica scorsa a NBC News il consigliere per la sicurezza nazionale Jake Sullivan, e secondo quanto riferito hanno la priorità per l'evacuazione. Tuttavia, ieri Sullivan ha spiegato ai giornalisti che "migliaia, se non decine di migliaia" di persone vengono espulse da Kabul ogni giorno. Presumibilmente, la maggior parte di questi sono afgani, diretti a centri di elaborazione come la base aerea di Al Udeid.

Molti di questi rifugiati viaggiano senza passaporto, secondo quanto riportato sabato dal Washington Post. 

Mentre questo presenta ai funzionari statunitensi difficoltà nel verificare che queste persone siano chi dicono di essere, i funzionari di Al Udeid stanno affrontando rischi più immediati per la loro sicurezza. 

I capi delle ambasciate statunitensi hanno ritirato il loro personale dall'hangar nei giorni scorsi, citando il rischio di contrarre il Covid-19 dai rifugiati in arrivo. 

Meno dell'1% degli afghani è completamente vaccinato contro la malattia. 

Il Dipartimento di Stato dice che sta alleviando il problema spingendo gli afghani verso l'Occidente. Solo ieri, "più di 3.700 persone sono state trasportate verso destinazioni successive negli Stati Uniti, in Germania e in Italia", ha riferito un portavoce del dipartimento ad Axios. 

Un portavoce del Pentagono ha aggiunto che i militari hanno installato più di 100 servizi igienici nell'hangar e stanno fornendo 7.000 pasti tradizionali afgani, tre volte al giorno.

Contro la volontà dei talebani, che controllano l'Afghanistan da più di una settimana, Biden ha rifiutato di escludere l'estensione della scadenza del 31 agosto per un completo ritiro degli Stati Uniti dall'Afghanistan.  Il portavoce dei talebani Zabihulla Mujahid ha ribadito che il movimento non è disposto a posticipare il termine di evacuazione dall'aeroporto di Kabul, attualmente fissato per il 31 agosto.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire di Francesco Erspamer  Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

L'opposizione al capitale che non c'è di Paolo Desogus L'opposizione al capitale che non c'è

L'opposizione al capitale che non c'è

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale di Giorgio Cremaschi Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Il gioco delle tre carte sulle scadenze dei vaccini Pfizer di Francesco Santoianni Il gioco delle tre carte sulle scadenze dei vaccini Pfizer

Il gioco delle tre carte sulle scadenze dei vaccini Pfizer

Per me questa è resistenza di Savino Balzano Per me questa è resistenza

Per me questa è resistenza

Caffè: i prezzi andranno alle stelle di  Leo Essen Caffè: i prezzi andranno alle stelle

Caffè: i prezzi andranno alle stelle

In Cina i salari crescono più del Pil di Pasquale Cicalese In Cina i salari crescono più del Pil

In Cina i salari crescono più del Pil

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Paolo Mieli e la dittatura antifascista di Antonio Di Siena Paolo Mieli e la dittatura antifascista

Paolo Mieli e la dittatura antifascista

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund di Gilberto Trombetta "Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti