"È un mondo nuovo": Maduro chiede al giornalista cinese di parlare la sua lingua, non l'inglese

"È un mondo nuovo": Maduro chiede al giornalista cinese di parlare la sua lingua, non l'inglese

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Un giornalista cinese di Hong Kong ha cercato di porre una domanda in inglese al presidente venezuelano Nicolas Maduro durante una conferenza stampa internazionale in occasione della sua visita ufficiale nel Paese asiatico, ma Maduro lo ha interrotto chiedendogli di parlare in cinese. 

"Non c'è una traduzione in inglese", ha detto Maduro. 

"È un mondo nuovo", ha poi aggiunto.

Si è parlato molto del fatto che il mondo unipolare si sta rapidamente muovendo verso il multipolarismo. 

E le parole più importanti su questo tema sono già arrivate da coloro che stanno plasmando questo nuovo mondo: Russia e Cina.

Uno degli indicatori dell'allontanamento dall'Occidente è il rifiuto del dollaro come valuta internazionale. 

Il prossimo passo, secondo gli esperti, sarà il rifiuto dell'inglese come unica lingua internazionale possibile.

Tuttavia, gli esperti non sono ancora concordi nel prevedere quale lingua sarà il principale concorrente dell'inglese. Si ritiene che sarà una delle lingue più diffuse al mondo e in questa lista, ad esempio, il cinese, lo spagnolo, l'arabo e l'hindi. 

La richiesta di Maduro al giornalista è diventata virale in rete ed ha raccolto grande consenso tra gli internauti. 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Il macronismo apre le porte all'estrema destra di Paolo Desogus Il macronismo apre le porte all'estrema destra

Il macronismo apre le porte all'estrema destra

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico" di Marinella Mondaini FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La violenza del capitale di Giuseppe Giannini La violenza del capitale

La violenza del capitale

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti di Gilberto Trombetta Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard di Paolo Arigotti Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti