Trudeau invocherà l'Emergencies Act (mai utilizzato prima in Canada)

Trudeau invocherà l'Emergencies Act (mai utilizzato prima in Canada)

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

La risposta del liberale Trudeau alle proteste del ‘Freedom Convoy’? Repressione e svolta autoritaria. Il primo ministro canadese ha infatti comunicato al suo caucus che invocherà l'Emergencies Act, mai utilizzato prima in Canada, per dare al governo federale poteri extra per gestire le proteste in tutto il paese contro gli obblighi vaccinali e le politiche pandemiche del governo liberale. 

La notizia è trapelata da alcune fonti, secondo quanto riferisce CBC, non autorizzate a rendere nota la decisione del premier liberale che mostra così di non considerare nemmeno le richieste dei manifestanti e voler procedere a tutti i costi, pur utilizzando la repressione. 

Nella menzionata riunione, in ogni caso, Trudeau avrebbe affermato di non avere piani per schierare l’esercito. Ipotesi comunque ventilata nel ‘democratico’ Canada. 

La decisione segue una riunione domenica del gabinetto federale e del suo Incident Response Group (IRG).

Trudeau ha twittato domenica tardi che l'IRG ha discusso "ulteriori azioni che il governo può prendere per aiutare a porre fine ai blocchi e alle occupazioni".

Nonostante minacce governative, repressione e arresti continuano le proteste del Freedom Convoy. I manifestanti non hanno intenzione di tornare indietro fino a quando il governo non faccia retromarcia su obblighi vaccinali e politiche pandemiche. 

Il ministro per la Oreparazione alle Emergenze Bill Blair ha dichiarato a Rosemary Barton Live della CBC che il governo federale ha discusso di invocare poteri speciali di emergenza per affrontare le proteste in corso a Ottawa. 

Blair ha descritto l'atteggiamento intorno all'invocazione dell'Emergencies Act come "cautela appropriata" piuttosto che "reticenza".

La legge dà al governo federale carta bianca per affrontare una crisi.

La legislazione, che ha sostituito il War Measures Act, definisce un'emergenza nazionale come una temporanea "situazione urgente e critica" che "mette seriamente in pericolo la vita, la salute o la sicurezza dei canadesi ed è di proporzioni o natura tali da superare la capacità o l'autorità di una provincia di affrontarla".

Mentre Blair ha sottolineato che è importante assicurarsi che "le autorità appropriate che sono presso le province siano pienamente utilizzate", ha detto che il governo federale è "pronto a fare tutto il necessario".

Il War Measures Act è stato usato dal primo ministro Pierre Elliott Trudeau durante la crisi di ottobre.

Vedremo gli sviluppi ma intanto abbiamo una certezza, i governi liberali autoproclamati ultra-democratici, alla prova dei fatti mostrano di avere davvero poco in considerazione quella democrazia di cui si riempiono la bocca quotidianamente. 

Fabrizio Verde

Fabrizio Verde

Direttore de l'AntiDiplomatico. Napoletano classe '80

Giornalista di stretta osservanza maradoniana

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

28 luglio: la (vera) posta in gioco in Venezuela di Geraldina Colotti 28 luglio: la (vera) posta in gioco in Venezuela

28 luglio: la (vera) posta in gioco in Venezuela

Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino" di Clara Statello Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino"

Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino"

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

25 aprile: la vera lotta oggi è contro il nichilismo storico di Leonardo Sinigaglia 25 aprile: la vera lotta oggi è contro il nichilismo storico

25 aprile: la vera lotta oggi è contro il nichilismo storico

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

L'impatto che avrà il riarmo dell'Ue nelle nostre vite di Pasquale Cicalese L'impatto che avrà il riarmo dell'Ue nelle nostre vite

L'impatto che avrà il riarmo dell'Ue nelle nostre vite

Il "piano Draghi": ora sappiamo in cosa evolverà l'UE di Giuseppe Masala Il "piano Draghi": ora sappiamo in cosa evolverà l'UE

Il "piano Draghi": ora sappiamo in cosa evolverà l'UE

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti