Tra guerra ibrida e razzismo: la nuova politica dei visti dell'UE verso la Russia

Tra guerra ibrida e razzismo: la nuova politica dei visti dell'UE verso la Russia

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

La guerra ibrida si combatte con tanti strumenti e alcuni non sembrano nemmeno tali, il più recente esempio è la nuova politica dei visti dell’Unione Europea: alle persone che hanno passaporto russo e provengono da aree che la UE non riconosce come parte della Federazione Russa, non verrà concesso il visto d’ingresso.

Si tratta di un nuovo grave caso di confinamento su base etnica che colpirà in maniera discriminatoria le persone con passaporto russo che vorranno entrare nei paesi dell’Unione Europea e che provengono da territori rivendicati da altri stati. Adottando in maniera universale questo scriteriato approccio, non potrebbero più entrare nel territorio della UE neanche tutti gli israeliani, i kossovari, i ciprioti, i taiwanesi, etc. Tuttavia la discriminazione sarà ancora più grave perché non riguarderà lo specifico status di determinate persone che rispondono al requisito di essere nate o vivere in un territorio conteso, ma sarà espressamente contro i russi. Quindi, una nuova norma che discrimina uno specifico gruppo etnico.

L’Unione Europea millanta una inesistente superiorità morale in termini di diritti ed integrazione, in pochi sanno che al suo interno ci sono dinamiche in tutto e per tutto analoghe a quelle del Sud Africa ai tempi dell’Apartheid. Nelle repubbliche baltiche (Estonia, Lettonia e Lituania) vige il segregazionismo, con cittadini che hanno dei diritti e altri che ne hanno meno o addirittura non hanno proprio la cittadinanza. Questi stati aspirano a divenire “etnicamente puri” e quindi a prescindere dalle politiche xenofobe contro gli emigrati, perseguitano e vessano le persone di etnia russa. A questi spesso non viene riconosciuto nemmeno lo status di “cittadini” e vengono considerati apolidi. Gli viene consegnato un passaporto di colore grigio con il quale possono viaggiare, ma non hanno tutti i diritti degli altri cittadini. Si badi che non si parla di cittadini russi emigrati nelle repubbliche baltiche, ma di persone che vivono lì da sempre.

Di tutto ciò non dice nulla chi sulle questioni migratorie specula politicamente ed economicamente, il doppio standard adottato mostra chiaramente quanto sia ipocrita certa retorica.

Qualora l’Unione Europea decidesse di proseguire nella criminale politica di vessazione su base etnica, dovremmo levare alte le nostre voci di condanna e -ancora più forte- dovremmo far sentire la nostra solidarietà a chi è colpito dalla discriminazione razzista.

Alberto Fazolo

Alberto Fazolo

Alberto Fazolo. Laureato in Economia, esperto di Terzo Settore e sviluppo locale. Giornalista. Inizia l'attività giornalistica testimoniando la crisi del Kosovo e la dissoluzione della Jugoslavia. Ha trascorso due anni in Donbass, profondo conoscitore delle vicende ucraine. Attivo nei movimenti di solidarietà internazionalista, soprattutto in contrasto con le operazioni di "Regime change".

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO di Leonardo Sinigaglia Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor di Pasquale Cicalese Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

Anche la Danimarca chiude l'indagine sul Nord Stream di Andrea Puccio Anche la Danimarca chiude l'indagine sul Nord Stream

Anche la Danimarca chiude l'indagine sul Nord Stream

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative di Michele Blanco OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative

OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti