Tensioni Algeria-Marocco. Si prepara una guerra con intervento occidentale?

Tensioni Algeria-Marocco. Si prepara una guerra con intervento occidentale?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di Robert Inlakesh*

Un attacco che per Algeria "non resterà impunito" ha ucciso tre cittadini algerini all'inizio di questa settimana. Algeri accusa il suo vicino Marocco di essere dietro questo attacco.

L'incidente è solo l'ultimo di una disputa durata mesi tra le due nazioni nordafricane, ma questa faida sempre crescente potrebbe trasformarsi rapidamente in qualcosa di molto più grande e persino essere un innesco per l'intervento occidentale.

Questo mercoledì, l'emittente nazionale algerina, Ennahar, ha dichiarato che il 1 novembre un "bombardamento barbarico" aveva preso di mira un convoglio di camion in viaggio tra Nouakchott e Ouargla, vicino al confine mauritano con il conteso Sahara occidentale, territorio attualmente occupato dal Marocco. 

L'attacco mortale, che si dice abbia ucciso tre civili algerini, fa temere che possa presto scoppiare una guerra Algeria-Marocco, rappresentando un'opportunità per le potenze della NATO e altri attori internazionali per intervenire.

Ad agosto, il ministro degli Esteri algerino Ramtane Lamamra ha annunciato che il suo paese stava interrompendo le relazioni diplomatiche con il Regno del Marocco, citando problemi di sicurezza. Una settimana prima, il presidente algerino Abdelmadjid Tebboune aveva affermato prima di una riunione dell'Alto Consiglio di sicurezza del paese che "gli incessanti atti ostili perpetrati dal Marocco hanno comportato la necessità di una revisione delle relazioni tra i due paesi e l'intensificazione dei controlli di sicurezza". 

Inoltre, il 31 ottobre, l'Algeria ha concluso il contratto di fornitura di gas con il Marocco, avvenuto appena il giorno prima dell'attentato mortale, imputato a Rabat. Algeri in precedenza forniva gas alla Spagna attraverso il gasdotto Gazoduc Maghreb Europe (GME), nonché al Marocco. 

Secondo il presidente Tebboune, il motivo della fine del loro contratto è da imputare alla rottura delle relazioni diplomatiche con il Marocco, una mossa che secondo alcuni potrebbe mandare il Paese in carenza di gas nel giro di pochi giorni. Questo avrebbe sicuramente senso come motivazione dietro l'attacco all'inizio di questa settimana.

All'inizio di ottobre, l'Algeria ha anche chiuso il suo spazio aereo all'esercito francese e ha richiamato il suo ambasciatore a Parigi, con una fonte del governo algerino che all'epoca aveva riferito a Reuters su come il presidente francese aveva fatto una serie di commenti incendiari, in quello che l'Algeria riteneva essere un tentativo di assicurarsi il sostegno dell' "estrema destra".

Le tensioni tra le due nazioni sono sempre esistite, essendo la Francia l'ex potenza coloniale, e in caso di guerra con il Marocco, non è inconcepibile che la Francia si metta dietro un tentativo di sostituire il governo algerino.

Un'altra significativa escalation si è verificata il 13 ottobre (questa volta implicando un'altra potenza straniera), quando l'emittente nazionale algerina ha annunciato che le forze di sicurezza della nazione avevano sventato un complotto per lanciare un attacco terroristico nel paese, secondo quanto riferito sostenuto da Israele. La Ennahar TV algerina ha riferito all'epoca che la "Direzione generale della sicurezza nazionale è riuscita a sventare un complotto che risale al 2014", precisando che "l'entità sionista [Israele] " e un "paese nordafricano" erano dietro il complotto per usare i separatisti per fare danni all'interno del territorio algerino. 

Non è mai stato annunciato pubblicamente quale paese nordafricano fosse coinvolto, ma molti sospettano che questa affermazione intendesse implicare il Marocco.

Da quando il Regno del Marocco ha dichiarato che avrebbe aderito agli "Accordi di Abramo" e normalizzato formalmente i legami con Israele, le tensioni tra Rabat e Algeri hanno raggiunto i massimi storici. 

Sebbene il Marocco lo neghi abbondantemente, l'Algeria ha ripetutamente ribadito di sentirsi minacciata da quella che chiama una "presenza sionista" al suo confine.

Ad agosto, mentre i grandi incendi divampavano nel paese, 22  membri di un gruppo separatista sono stati arrestati dalle autorità algerine e accusati di aver appiccato intenzionalmente gli incendi. Il presidente algerino ha accusato il gruppo Rashad e il Movimento per l'autodeterminazione della Cabilia (MAK), entrambi classificati gruppi terroristici, di essere dietro l'incendio e di ottenere "sostegno e aiuto da partiti stranieri, in particolare dal Marocco e dall'entità sionista". 

Inoltre, secondo il ministro degli Esteri algerino, le ragioni della rottura delle relazioni diplomatiche tra Algeri e Rabat sono state i "massicci e sistematici atti di spionaggio" compiuti dal Marocco contro l'Algeria, utilizzando il software Pegasus del gruppo israeliano NSO, e l'hosting marocchino del ministro degli Esteri israeliano Yair Lapid, che durante la sua visita ha criticato l'Algeria.

Il Marocco, invece, vede l'Algeria come sostenitore di un gruppo registrato come organizzazione terroristica dal Regno, il Fronte Polisario, che cerca di stabilire uno stato separato nell'area del Sahara occidentale, considerata contesa dalle Nazioni Unite.

 L'anno scorso, come regalo dell'amministrazione Trump per il suo accordo di normalizzazione con Israele, il governo americano ha rotto con il consenso internazionale e ha riconosciuto il Sahara occidentale come parte del Marocco. Nel 1975 il Marocco ha annesso il Sahara Occidentale, rivendicato dal Fronte Polisario come appartenente ai suoi abitanti nativi, il popolo Saharawi.

Questa annessione portò alla guerra, durante la quale il Polisario iniziò a ricevere appoggio dall'Algeria, che continua fino ad oggi. Nel 1991 è stato dichiarato un cessate il fuoco che è durato in gran parte per quasi tre decenni, fino all'anno scorso. 

A metà ottobre il leader del Polisario, Brahim Ghali,ha annunciato le intenzioni del suo gruppo di intensificare gli attacchi contro le forze marocchine.

Fin dalla Guerra Fredda, Algeria e Marocco hanno sempre assunto posizioni politiche opposte. Rabat si unì a Washington e all'Occidente, mentre Algeri si alleò con Mosca e cercò ispirazione dal socialismo rivoluzionario. L'Algeria è sempre stata fortemente al fianco del movimento di liberazione nazionale palestinese, mentre il governo marocchino ha perseguito la normalizzazione con Israele attraverso svariati canali. La preoccupazione ora è che, se l'Occidente vede l'Algeria come una minaccia troppo grande, sia politicamente che al suo accesso all'Africa e al flusso di risorse, non è difficile immaginare un altro tentativo di regime change che, se la storia regionale recente ci ha insegnato qualcosa, sarebbe un disastro sia per il popolo marocchino che per quello algerino.

*Analista politico, giornalista e documentarista che attualmente vive a Londra,. Ha raccontato e vissuto i territori palestinesi occupati e attualmente lavora con Quds News e Press TV. Regista di " Steal of the Century : la catastrofe israelo-palestinese di Trump". Account Twitter  @falasteen47

 

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan... di Francesco Santoianni Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano di Savino Balzano Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

30 anni di pagliacci. E' il lavoro la misura di ogni cosa di Pasquale Cicalese 30 anni di pagliacci. E' il lavoro la misura di ogni cosa

30 anni di pagliacci. E' il lavoro la misura di ogni cosa

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"... di Antonio Di Siena In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

Privatizzazioni e imprese di stato. Fact Checking completo di Gilberto Trombetta Privatizzazioni e imprese di stato. Fact Checking completo

Privatizzazioni e imprese di stato. Fact Checking completo

A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli di Michelangelo Severgnini A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli

A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti