Studio Confcommercio. 2007-2019: la ricchezza media pro capite degli italiani crollata di 21.660 euro

Studio Confcommercio. 2007-2019: la ricchezza media pro capite degli italiani crollata di 21.660 euro

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


di Gilberto Trombetta


Un calo del PIL del 4,8% nel primo trimestre dell’anno, mentre per i mesi di aprile e maggio le stime parlano, rispettivamente, di un crollo del 24% e del 16%.


 

Un colpo durissimo per un’economia, quella italiana, che non si è mai davvero ripresa dalla crisi scoppiata nel 2008.


Veniamo da circa 40 anni di salari stagnanti, da quasi 30 anni di tagli alla spesa pubblica (1.043 miliardi di avanzi primari tra il 1992 e il 2018), da un crollo degli investimenti più che ventennale e da un export messo a dura prova dall’uso di una moneta per noi sopravvalutata e sottovalutata per i nostri maggiori competitor manifatturieri. Come la Germania. Export che si è ripreso solo grazie alla cura da cavallo targata Monti, che – come lui stesso ebbe a vantarsi – ammazzò ulteriormente la domanda interna.


Solo quest’anno rischiamo di perdere lo stesso numero di botteghe e attività commerciali perse tra il 2009 e il 2017: circa 200.000.


Non devono quindi sorprendere i dati venuti fuori quest’oggi da un report pubblicato dall’Ufficio studi di Confcommercio*.




Tra il 2007 e il 2019, infatti la ricchezza media pro capite degli italiani è calata di 21.660 euro.


Un crollo dovuto soprattutto alle forti perdite della ricchezza immobiliare e finanziaria.


Il reddito pro capite, in questo lasso di tempo, è sceso dell’8,1% (1.707 euro in meno l’anno). Come sono inevitabilmente scesi i consumi: -4,8% per un totale di 883 euro l’anno.


A causa della pandemia e della prolungata quarantena, il 42,3% delle famiglie ha visto ridursi l'attività lavorativa e il reddito, mentre il 25,8% ha dovuto sospenderla del tutto. Il 23,4% è finito in cassa integrazione.


Il timore di perdere il posto di lavoro o il rischio di veder ridotta, se non compromessa, la propria posizione reddituale preoccupa il 57,4% degli italiani, con un 18,6% che si dichiara particolarmente preoccupato.

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan... di Francesco Santoianni Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano di Savino Balzano Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

30 anni di pagliacci. E' il lavoro la misura di ogni cosa di Pasquale Cicalese 30 anni di pagliacci. E' il lavoro la misura di ogni cosa

30 anni di pagliacci. E' il lavoro la misura di ogni cosa

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"... di Antonio Di Siena In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

Privatizzazioni e imprese di stato. Fact Checking completo di Gilberto Trombetta Privatizzazioni e imprese di stato. Fact Checking completo

Privatizzazioni e imprese di stato. Fact Checking completo

A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli di Michelangelo Severgnini A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli

A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti