"Smilitarizzazione e denazificazone". La traduzione integrale del discorso con cui Putin ha annunciato l'operazione in Ucraina

"Smilitarizzazione e denazificazone". La traduzione integrale del discorso con cui Putin ha annunciato l'operazione in Ucraina

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Dal 2 gennaio la nostra pagina Facebook subisce un immotivato e grottesco blocco da "fact checker" appartenenti a testate giornalistiche a noi concorrenti. Aiutateci ad aggirare la loro censura e iscrivetevi al Canale Telegram de l'AntiDiplomatico

 

di Vladimir Putin

(Traduzione da Eros R.F., dal sito presidenziale della Russia)

 

Sono momenti cupi, ma allo stesso momento profondamente pieni di speranza.

Non ci saremmo mai aspettati una mossa così tempestiva e su larga scala. E’ da ammetterlo: Putin è oggettivamente il miglior stratega del nostro secolo se non degli ultimi secoli (ovviamente anche grazie ai mezzi moderni che si hanno). Si è riusciti a sbaragliare l’intera flotta ucraina in 6 ore, e mettere in ginocchio le intere forze armate in 7 ore e mezza, facendo saltare in aria tutti o quasi le basi dei paramilitari neonazisti (in particolar modo il battaglione Azov, sostenuto in Italia da tutto il raggio politico: da Casapound al PD). Mai visto probabilmente un’attacco di massa così mirato… e a pensare che la prima potenza mondiale riesca a malapena ad individuare differenze tra edifici residenziali, ospedali, scuole e basi militari terroristiche… (ogni riferimento agli Stati Uniti è puramente casuale).

Tutto con l’obiettivo di “denazificare e smilitarizzare l’Ucraina“. Più la NATO ignora le richieste di assicurazione da parte della Russia, e più quest’ultima alza la posta in gioco. Non si è voluta fermare l’espansione della NATO, e nemmeno promettere che l’Ucraina sarà esclusa da questa? Bene, allora ora si punta alla demilitarizzazione completa del Paese, rendendolo di fatto un territorio neutrale e che funga da cuscinetto tra la Russia e la bellicosa Europa.

Una volta fatto ciò, la Russia verosimilmente (ma non escludiamo mai risvolti inaspettati dovuti in gran parte a risposte da parte dell’occidente) si ritirerà. In sintesi è stato preso un Paese intero sotto ostaggio, in una notte. Fa ben capire ciò che avrebbero potuto fare già da anni, ma che non hanno fatto, per 8 anni, optando per la diplomazia – e per questo ci auguriamo che la Russia di Putin mantenga la parola e lascerà l’Ucraina una volta raggiunto l’obiettivo. La zona della Novorossiya – a netta maggioranza russa – tuttavia non è inverosimile che venga annessa con qualche nuovo referendum alla Russia.

Ciò che si evince dal discorso di Putin, ma anche da altri interventi in passato, è che la Russia ha subìto abbastanza negli ultimi secoli, compreso il secolo scorso con la seconda guerra mondiale; i timori del popolo più disteso sulla Terra sono gli stessi di allora. E’ inutile, sapendo le intenzioni del nemico, aspettare la prima mossa – la mossa finale – da parte di questo . Non possono esistere infantili princìpi quando si parla di difesa della Patria: se il nemico è pronto ad attaccarti, nonostante tutte le tue intenzioni pacifiche e diplomatiche, è inutile aspettare la sua prima mossa. Passare agli occhi del mondo come “aggressore” vale la pena, per salvare un Paese intero.

Intanto la NATO, nonostante tutto ciò che è successo stanotte e la messa in ginocchio dell’Ucraina – tra disertori e sconfitti –, nega ancora la possibilità di non far entrare l’Ucraina nell’asse atlantico, ed anzi tentenna ad invocare l’articolo 4 dell’alleanza, che porterebbe di fatto all’intervento armato da parte di questa. L’altra parte del mondo, quella libera e multipolare, invece ha supportato l’intervento preventivo della Russia – Cuba, Venezuela, Cina… insomma, i “compagni che sbagliano”, secondo certi occidentali esperti di “marxismo”. A loro invitiamo vivamente di darsi una svegliata; che più passa il tempo e più sarà brusca.


Cari cittadini della Russia! Cari amici!

Oggi credo che sia di nuovo necessario tornare ai tragici eventi che hanno luogo nel Donbass e alle questioni chiave per garantire la sicurezza della Russia stessa.

Inizierò con quello che ho detto nel mio discorso del 21 febbraio di quest’anno. Parlo di qualcosa che ci preoccupa in modo particolare: delle minacce fondamentali che, passo dopo passo, vengono create in modo plateale e senza tanti complimenti dai politici irresponsabili dell’Occidente contro il nostro Paese anno dopo anno. Mi riferisco all’espansione del blocco NATO a est, portando le sue infrastrutture militari più vicine ai confini della Russia.

È noto che per 30 anni abbiamo cercato con perseveranza e pazienza di raggiungere un accordo con i principali Paesi della NATO sui princìpi di una sicurezza uguale e indivisibile in Europa. In risposta alle nostre proposte, abbiamo incontrato costantemente o inganni e bugie ciniche, o tentativi di pressione e ricatto, mentre nel frattempo l’Alleanza Nord Atlantica, nonostante tutte le nostre proteste e preoccupazioni, si espande costantemente. La macchina da guerra si sta muovendo e, ripeto, si sta avvicinando ai nostri confini da vicino.

Perché succede tutto questo? Perché questo modo insolente di parlare da una posizione di esclusività, infallibilità e permissività? Da dove viene questo atteggiamento indifferente e sprezzante nei confronti dei nostri interessi e delle nostre richieste perfettamente legittime?

La risposta è chiara, totalmente chiara e ovvia. L’Unione Sovietica si è indebolita alla fine degli anni ’80 e poi è crollata del tutto. L’intero corso degli eventi di allora è una buona lezione per noi oggi; ha dimostrato in modo convincente che la paralisi del potere e della volontà è il primo passo verso la completa degradazione e l’oblio. Una volta che abbiamo perso la fiducia per un po’, l’equilibrio di potere nel mondo si è rotto.

Questo ha portato al fatto che gli accordi precedenti, gli accordi non sono più effettivamente in vigore. Le persuasioni e le richieste non aiutano. Tutto ciò che non si addice all’egemone, al potere, viene dichiarato arcaico, obsoleto, non necessario. E viceversa: tutto ciò che sembra vantaggioso per loro viene presentato come la verità ultima, fatta passare a tutti i costi, sgarbatamente, con tutti i mezzi. I dissidenti vengono spezzati in ginocchio. 

Quello di cui sto parlando ora non riguarda solo la Russia e non solo le nostre preoccupazioni. Riguarda l’intero sistema di relazioni internazionali, e talvolta anche gli stessi alleati degli Stati Uniti. Dopo il crollo dell’URSS, iniziò effettivamente una ridistribuzione del mondo, e le norme stabilite del diritto internazionale – e quelle chiave, fondamentali, furono adottate alla fine della seconda guerra mondiale e ne consolidarono in gran parte i risultati – iniziarono a ostacolare coloro che si dichiaravano vittoriosi nella guerra fredda.

Naturalmente, nella vita pratica, nelle relazioni internazionali e nelle regole che le governano, si doveva tener conto dei cambiamenti della situazione mondiale e dello stesso equilibrio di potere. Tuttavia, questo doveva essere fatto in modo professionale, senza intoppi, con pazienza, tenendo conto e rispettando gli interessi di tutti i Paesi e comprendendo le loro responsabilità. Ma no – uno stato di euforia da superiorità assoluta, una sorta di assolutismo di tipo moderno, per di più sullo sfondo del basso livello di cultura generale e dell’arroganza di coloro che hanno preparato, adottato e fatto passare le decisioni che erano vantaggiose solo per loro stessi. La situazione cominciò a svilupparsi in modo diverso. 

Non abbiamo bisogno di andare lontano per trovare esempi. In primo luogo, senza alcuna autorizzazione del Consiglio di Sicurezza dell’ONU, hanno condotto una sanguinosa operazione militare contro Belgrado, utilizzando aerei e missili proprio nel cuore dell’Europa. Diverse settimane di bombardamenti continui sulle città civili, sulle infrastrutture che sostengono la vita. Dobbiamo ricordare questi fatti, perché alcuni colleghi occidentali non amano ricordare quegli eventi, e quando ne parliamo, preferiscono indicare non le norme del diritto internazionale, ma le circostanze, che interpretano come meglio credono.

Poi vennero l’Iraqla Libia e la Siria. L’uso illegittimo della forza militare contro la Libia e la perversione di tutte le decisioni del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite sulla questione libica hanno portato alla distruzione totale dello Stato, creando un enorme focolaio di terrorismo internazionale, e facendo precipitare il Paese in un disastro umanitario e nell’abisso di una lunga guerra civile che continua ancora oggi. La tragedia che ha condannato centinaia di migliaia, milioni di persone non solo in Libia, ma in tutta la regione, ha creato una migrazione di massa dal Nord Africa e dal Medio Oriente verso l’Europa.

Un destino simile è in serbo per la Siria. L’azione militare della coalizione occidentale in quel Paese, senza il consenso del governo siriano e l’autorizzazione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, non è altro che un’aggressione, un intervento.

Tuttavia, l’invasione dell’Iraq occupa un posto speciale, ovviamente, senza alcuna base giuridica. Il pretesto era che gli Stati Uniti avevano presumibilmente informazioni affidabili sulla presenza di armi di distruzione di massa in Iraq. Per dimostrarlo pubblicamente, davanti al mondo intero, il Segretario di Stato americano ha agitato una provetta con polvere bianca, assicurando a tutti che si trattava dell’arma chimica sviluppata in Iraq. E poi si è rivelata una montatura, un bluff: non c’erano armi chimiche in Iraq. Incredibile, sorprendente, ma il fatto rimane. Ci sono state bugie al più alto livello statale e dall’alto rostro dell’ONU. Il risultato è stato enormi perdite, distruzione e un’incredibile ondata di terrorismo.

In generale, sembra che quasi ovunque, in molte regioni del mondo, dove l’Occidente viene a stabilire il suo ordine, lascia ferite sanguinolente che non si rimarginano, piaghe del terrorismo internazionale e dell’estremismo. Tutti questi sono i più eclatanti, ma non sono affatto gli unici esempi di inosservanza del diritto internazionale.

Questo include le promesse al nostro Paese di non estendere la NATO di un centimetro verso est. Ancora una volta, sono stati ingannati, o, nel linguaggio popolare, semplicemente abbandonati. Sì, si sente spesso dire che la politica è un affare sporco. Forse, ma non così sporco, non in quella misura. Dopo tutto, un tale comportamento truffaldino non è solo contrario ai princìpi delle relazioni internazionali, ma soprattutto alle norme di moralità ed etica generalmente accettate. Dove sono la giustizia e la verità qui? Nient’altro che bugie e ipocrisia. 

Per inciso, gli stessi politici, analisti politici e giornalisti americani scrivono e dicono che negli ultimi anni si è creato un vero e proprio “impero della menzogna” all’interno degli Stati Uniti. È difficile non essere d’accordo con questo – è vero. Ma non c’è bisogno di essere modesti: gli Stati Uniti sono ancora un grande Paese, una potenza che forma il sistema. I suoi satelliti non solo lo assecondano docilmente e obbedientemente, cantando in ogni occasione, ma copiano anche il suo comportamento e accettano con entusiasmo le regole che propone. Con buona ragione, si può dire con certezza che tutto il cosiddetto blocco occidentale, formato dagli USA a propria immagine e somiglianza, è lo stesso “impero della menzogna”.

Per quanto riguarda il nostro Paese, dopo il crollo dell’URSS, con tutta l’apertura senza precedenti della nuova Russia moderna e la sua disponibilità a lavorare onestamente con gli Stati Uniti e altri partner occidentali e in condizioni di disarmo effettivamente unilaterale, hanno immediatamente cercato di spingerci giù, finirci e distruggerci per sempre. Questo è esattamente quello che è successo negli anni ’90 e nei primi anni 2000, quando la cosiddetta comunità Occidente ha sostenuto attivamente il separatismo e le bande di mercenari nella Russia meridionale. Quali sacrifici e perdite ci sono costati, quali prove abbiamo dovuto affrontare prima di spezzare finalmente la schiena del terrorismo internazionale nel Caucaso! Ce lo ricordiamo, e non lo dimenticheremo mai.

Infatti, fino a poco tempo fa, non sono cessati i tentativi di usarci nei loro interessi, di distruggere i nostri valori tradizionali e di imporci i loro pseudo-valori, che corroderebbero dall’interno noi, il nostro popolo; quegli atteggiamenti che già stanno imponendo aggressivamente nei loro Paesi e che portano direttamente al degrado e alla degenerazione, poiché sono contrari alla stessa natura umana. Non accadrà, non ha mai funzionato per nessuno. Né ci riusciranno ora.

Nonostante tutto, nel dicembre 2021 abbiamo cercato ancora una volta di raggiungere un accordo con gli Stati Uniti e i suoi alleati sui princìpi della sicurezza in Europa e la non estensione della NATO. Tutto invano. La posizione degli Stati Uniti non è cambiata. Non considerano necessario raggiungere un accordo con la Russia su questa questione chiave per noi, perseguono i loro propri obiettivi e non tengono conto dei nostri interessi. 

E naturalmente, in questa situazione abbiamo la domanda: cosa fare dopo, cosa aspettarsi? Sappiamo bene dalla storia, come nel ’40 e all’inizio del ’41 l’Unione Sovietica cercò di prevenire almeno rimandare lo scoppio della guerra. A tal fine, tra l’altro, ha letteralmente, fino all’ultimo minuto, cercato di non provocare un potenziale aggressore, non eseguendo o rimandando i passi più necessari e ovvi per prepararsi a respingere l’inevitabile attacco. E i passi che sono stati fatti alla fine erano disastrosamente in ritardo.

Di conseguenza, il Paese non era preparato ad affrontare pienamente l’invasione della Germania nazista, che attaccò la nostra Patria senza una dichiarazione di guerra il 22 giugno 1941. Il nemico è stato fermato e poi schiacciato, ma a un costo colossale. Il tentativo di compiacere l’aggressore alla vigilia della Grande Guerra Patriottica fu un errore che costò caro al nostro popolo. Nei primi mesi di combattimento abbiamo perso vasti territori strategicamente importanti e milioni di personeNon faremo un simile errore una seconda volta, non ne abbiamo il diritto.

Coloro che aspirano al dominio del mondo dichiarano pubblicamente, impunemente e, sottolineo, senza alcuna giustificazione, che noi, la Russia, siamo il loro nemico. Essi, infatti, hanno oggi grandi capacità finanziarie, scientifiche, tecnologiche e militari. Siamo consapevoli di questo e valutiamo obiettivamente le minacce che suonano costantemente al nostro indirizzo nel campo dell’economia, così come la nostra capacità di resistere a questo ricatto impudente e permanente. Ripeto, li valutiamo senza illusioni e in modo estremamente realistico.

Nella sfera militare, la Russia moderna, anche dopo il crollo dell’URSS e la perdita di gran parte del suo potenziale, è oggi una delle potenze nucleari più potenti del mondo e, inoltre, ha alcuni vantaggi in un certo numero di armi d’avanguardia. A questo proposito, nessuno dovrebbe avere dubbi sul fatto che un attacco diretto al nostro Paese porterebbe alla sconfitta e a conseguenze disastrose per qualsiasi potenziale aggressore.

Tuttavia, la tecnologia, compresa quella della difesa, sta cambiando rapidamente. La leadership in quest’area è cambiata e cambierà di mano, ma lo sviluppo militare dei territori adiacenti ai nostri confini, se glielo permettiamo, rimarrà per i decenni a venire, forse per sempre, e costituirà una minaccia sempre più grande e totalmente inaccettabile per la Russia.

Anche ora, mentre la NATO si espande verso est, la situazione per il nostro Paese peggiora e diventa ogni anno più pericolosa. Inoltre, negli ultimi giorni la leadership della NATO ha parlato esplicitamente della necessità di accelerare, di forzare l’avanzata delle infrastrutture dell’Alleanza verso i confini della Russia. In altre parole, stanno rafforzando la loro posizione. Non possiamo più limitarci a guardare quello che succede. Sarebbe completamente irresponsabile da parte nostra.

L’ulteriore espansione dell’infrastruttura dell’Alleanza Nord Atlantica e lo sviluppo militare dei territori dell’Ucraina è per noi inaccettabile. Il problema, naturalmente, non è l’organizzazione NATO in sé – è solo uno strumento della politica estera statunitense. Il problema è che sui territori adiacenti a noi – vorrei notare, sui nostri stessi territori storici – si sta creando un “anti-Russia“, che è stato messo sotto pieno controllo esterno; viene intensamente colonizzato dalle forze armate dei Paesi della NATO e riempito con le armi più moderne. 

Per gli Stati Uniti e i loro alleati, questa è una cosiddetta “politica di contenimento” della Russia, un ovvio dividendo geopolitico. Per il nostro Paese, tuttavia, è in definitiva una questione di vita o di morte, una questione del nostro futuro storico come Nazione. E non è un’esagerazione – è così e basta. Questa è una vera minaccia non solo per i nostri interessi ma per l’esistenza stessa del nostro Stato, la sua sovranità. Questa è la linea rossa di cui si è parlato ripetutamente. L’hanno attraversata.

In questo contesto, la situazione nel Donbass. Vediamo che le forze che hanno realizzato un colpo di Stato in Ucraina nel 2014, [che] hanno preso il potere e lo hanno mantenuto per mezzo di procedure elettorali essenzialmente decorative, hanno definitivamente rifiutato di risolvere il conflitto in modo pacifico. Per otto anni, otto anni infinitamente lunghi, abbiamo fatto tutto il possibile perché la situazione si risolvesse con mezzi pacifici e politici. Tutto invano.

Come ho detto nel mio precedente discorso, è impossibile guardare quello che sta succedendo lì senza compassione. Semplicemente non era più possibile tollerarlo. Questo incubo – il genocidio contro i milioni di persone che vivono lì, che sperano solo nella Russia, [che] sperano solo in voi e in me – doveva essere fermato immediatamente. Sono state queste aspirazioni, i sentimenti e il dolore della gente che sono stati il motivo principale per prendere la decisione di riconoscere le Repubbliche Popolari del Donbass.

Ciò che penso sia importante sottolineare ulteriormente. I principali Paesi della NATO, al fine di raggiungere i propri obiettivi, sostengono i nazionalisti estremi e i neonazisti in Ucraina, che, a loro volta, non perdoneranno mai il popolo di Crimea e Sebastopoli per la loro libera scelta di riunirsi alla Russia.

Naturalmente andranno in Crimea, proprio come hanno fatto nel Donbass, per fare la guerra e uccidere, proprio come le bande punitive dei nazionalisti ucraini, collaboratori di Hitler durante la Grande Guerra Patriottica, hanno ucciso persone inermi. Dichiarano anche apertamente di rivendicare un certo numero di altri territori russi.

L’intero corso degli eventi e l’analisi delle informazioni che arrivano mostrano che lo scontro della Russia con queste forze è inevitabile. È solo una questione di tempo: si stanno preparando, aspettano il momento opportuno. Ora rivendicano anche il possesso di armi nucleari. Non permetteremo che questo accada.

Come ho detto prima, la Russia ha accettato le nuove realtà geopolitiche dopo il crollo dell’URSS. Noi rispettiamo e continueremo a rispettare tutti i Paesi di recente formazione nello spazio post-sovietico. Noi rispettiamo e continueremo a rispettare la loro sovranità, e un esempio di questo è l’aiuto che abbiamo dato al Kazakistan, che ha affrontato eventi tragici e sfide alla sua statualità e integrità. Ma la Russia non può sentirsi sicura, non può svilupparsi, non può esistere con una minaccia costante proveniente dal territorio dell’odierna Ucraina.

Permettetemi di ricordarvi che nel 2000-2005 abbiamo respinto militarmente i terroristi nel Caucaso, abbiamo difeso l’integrità del nostro Stato e salvato la Russia. Nel 2014 abbiamo sostenuto i residenti della Crimea e di Sebastopoli. Nel 2015, abbiamo usato le nostre forze armate per mettere una barriera affidabile all’infiltrazione dei terroristi dalla Siria in Russia. Non c’era altro modo per difenderci.

La stessa cosa sta accadendo ora. A noi due [me e voi] non è rimasta altra possibilità di difendere la Russia, il nostro popolo, che quella che saremo costretti a usare oggi. Le circostanze ci impongono di agire in modo deciso e immediato. Le Repubbliche popolari del Donbass hanno chiesto aiuto alla Russia.

A questo proposito, in conformità con l’articolo 51 della parte 7 della Carta delle Nazioni Unite, con l’autorizzazione del Consiglio della Federazione della Russia e in conformità con i trattati di amicizia e mutua assistenza con le Repubbliche Popolari di Donetsk e Luhansk ratificati dall’Assemblea federale il 22 febbraio di quest’anno, ho preso la decisione di condurre un’operazione militare speciale.

Il suo scopo è quello di proteggere le persone che hanno subito abusi e genocidi dal regime di Kiev per otto anni. E a questo scopo, ci batteremo per la smilitarizzazione e la denazificazione dell’Ucraina, così come il processo di coloro che hanno commesso numerosi crimini sanguinosi contro i civili, compresi i cittadini della Federazione Russa.

Allo stesso tempo, i nostri piani non includono l’occupazione di territori ucraini. Non intendiamo imporre nulla a nessuno con la forza. Allo stesso tempo, sempre più di recente si sente dire in Occidente che i documenti firmati dal “regime totalitario sovietico”, che sanciscono i risultati della seconda guerra mondiale, non dovrebbero più essere applicati. Qual è dunque la risposta a questo?

Il risultato della seconda guerra mondiale è sacro, così come i sacrifici fatti dal nostro Popolo sull’Altare della Vittoria sul nazismo. Ma questo non contraddice gli alti valori dei diritti umani e delle libertà, basati sulle realtà dei decenni del dopoguerra. Né annulla il diritto delle Nazioni all’autodeterminazione sancito dall’articolo 1 della Carta delle Nazioni Unite.

Permettetemi di ricordarvi che né alla fondazione dell’URSS né dopo la seconda guerra mondiale qualcuno ha mai chiesto alle persone che vivevano nei territori che compongono l’odierna Ucraina come volevano organizzare la loro vita. La nostra politica si basa sulla libertà, la libertà di scelta per tutti di determinare il proprio futuro e quello dei propri figli. E crediamo che sia importante che tutti i Popoli che vivono sul territorio dell’Ucraina di oggi, tutti quelli che vogliono farlo, possano esercitare questo diritto – il diritto di scegliere. 

A questo proposito, mi rivolgo anche ai cittadini dell’Ucraina. In quell’anno, 2014, la Russia aveva l’obbligo di proteggere gli abitanti della Crimea e di Sebastopoli da quelli che essi stessi chiamano “nazisti”. Gli abitanti della Crimea e di Sebastopoli hanno fatto la loro scelta di stare con la loro Patria storica, con la Russia, e noi l’abbiamo sostenuta. Di nuovo, semplicemente non potevamo fare altrimenti.

Gli eventi di oggi non hanno nulla a che fare con il desiderio di violare gli interessi dell’Ucraina e del popolo ucraino. Hanno a che fare con la protezione della Russia stessa da coloro che hanno preso in ostaggio l’Ucraina e stanno cercando di usarla contro il nostro Paese e il suo popolo.

Ripeto, le nostre azioni sono un’autodifesa contro le minacce che ci vengono poste e contro una calamità ancora più grande di quella che sta accadendo oggi. Per quanto sia difficile, vi chiedo di capirlo e vi invito a lavorare insieme per voltare al più presto questa tragica pagina e andare avanti insieme, a non lasciare che nessuno interferisca nei nostri affari, nelle nostre relazioni, ma a costruirle autonomamente – in modo da creare le condizioni necessarie per superare tutti i problemi e, nonostante i confini nazionali, rafforzarci dall’interno come un’unica entità. Io credo in questo – questo è il nostro futuro.

Devo anche fare appello ai membri delle forze armate ucraine.

Cari compagni! I vostri padri, nonni, bisnonni non hanno combattuto contro i nazisti, difendendo la nostra Patria comune, affinché i neonazisti di oggi potessero prendere il potere in Ucraina. Avete fatto un giuramento di fedeltà al popolo ucraino, e non alla giunta anti-popolare che sta derubando e vessando l’Ucraina.

Non obbedire ai suoi ordini criminali. Vi esorto a deporre immediatamente le armi e ad andare a casa. Voglio essere chiarotutti i militari dell’esercito ucraino che soddisfano questa richiesta potranno lasciare la zona di guerra e tornare alle loro famiglie senza ostacoli.

Ancora una volta, insisto che tutta la responsabilità di un eventuale spargimento di sangue sarà interamente sulla coscienza del regime al potere in Ucraina

Ora alcune parole importanti, molto importanti per coloro che possono essere tentati dall’esterno di interferire negli eventi in corso. Chiunque cerchi di interferire con noi, e tanto meno di mettere in pericolo il nostro Paese e il nostro popolo, deve sapere che la risposta della Russia sarà immediata e vi porterà a conseguenze che non avete mai affrontato prima nella vostra storia. Siamo pronti per qualsiasi sviluppo di eventi. Tutte le decisioni necessarie sono state prese a questo proposito. Spero di essere ascoltato.

Cari cittadini della Russia!

Il benessere, l’esistenza stessa di intere Nazioni e Popoli, il loro successo e la loro vitalità hanno sempre origine nel forte sistema di radici della loro cultura e dei loro valori, l’esperienza e le tradizioni dei loro antenati, e, naturalmente, dipendono direttamente dalla capacità di adattarsi rapidamente a una vita in costante cambiamento, dalla coesione della società, dalla sua volontà di consolidarsi, di raccogliere tutte le forze per andare avanti.

La forza è sempre necessaria – sempre – ma la forza può essere di diverse qualità. La politica dell'”impero della menzogna” a cui ho fatto riferimento all’inizio del mio discorso si basa principalmente sulla forza bruta e diretta. In questi casi, diciamo: “Hai forza, non hai bisogno di intelligenza”.

E voi ed io sappiamo che la vera forza è nella giustizia e nella verità, che è dalla nostra parte. E se questo è vero, allora è difficile non essere d’accordo che la forza e la volontà di combattere sono il fondamento dell’indipendenza e della sovranità, il fondamento necessario su cui solo possiamo costruire il nostro futuro, la nostra casa, la nostra famiglia e la nostra Patria in modo sicuro.

Cari compatrioti!

Sono sicuro che i soldati e gli ufficiali delle forze armate russe che si dedicano al loro Paese compiranno il loro dovere con professionalità e coraggio. Non ho dubbi che tutti i livelli di potere e i professionisti responsabili della stabilità della nostra economia, del sistema finanziario e della sfera sociale, così come i leader delle nostre aziende e di tutto il business russo lavoreranno in modo coordinato ed efficace. Conto sulla posizione consolidata e patriottica di tutti i partiti parlamentari e delle forze pubbliche.

Alla fine, come è sempre successo nella storia, il destino della Russia è nelle mani capaci del nostro Popolo multinazionale. Ciò significa che le decisioni che abbiamo preso saranno attuate, gli obiettivi che abbiamo fissato saranno raggiunti e la sicurezza della nostra Patria sarà garantita in modo affidabile.

Credo nel vostro sostegno, nella forza invincibile che ci dà il nostro amore per la Patria.


Fonte in lingua originale: http://kremlin.ru/events/president/news/67843



Dal 2 gennaio la nostra pagina Facebook subisce un immotivato e grottesco blocco da "fact checker" appartenenti a testate giornalistiche a noi concorrenti. Aiutateci ad aggirare la loro censura e iscrivetevi al Canale Telegram de l'AntiDiplomatico

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan... di Francesco Santoianni Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano di Savino Balzano Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

30 anni di pagliacci. E' il lavoro la misura di ogni cosa di Pasquale Cicalese 30 anni di pagliacci. E' il lavoro la misura di ogni cosa

30 anni di pagliacci. E' il lavoro la misura di ogni cosa

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"... di Antonio Di Siena In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

Privatizzazioni e imprese di stato. Fact Checking completo di Gilberto Trombetta Privatizzazioni e imprese di stato. Fact Checking completo

Privatizzazioni e imprese di stato. Fact Checking completo

A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli di Michelangelo Severgnini A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli

A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti