Siria nuovamente nella Lega Araba. Pechino: “quando l'ombra degli USA si restringe, la pace si diffonde”

Siria nuovamente nella Lega Araba. Pechino: “quando l'ombra degli USA si restringe, la pace si diffonde”

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Ieri, il portavoce del ministero degli Esteri cinese, Wang Wenbin, ha accolto con favore il ritorno ufficiale della Siria nella Lega araba, ribadendo che la mossa "favorisce la forza e l'unità degli stati arabi" e può garantire "pace e stabilità" nell'Asia occidentale.

Wenbin ha sottolineato che porre fine all'isolamento della Siria è "qualcosa di cui essere felici, tranne che per un certo paese".

Di quale paese si parla? Molto facile la risposta.

“Gli Stati Uniti hanno criticato sfacciatamente [la normalizzazione con la Siria] ed esercitato pressioni. Il portavoce del Dipartimento di Stato americano si è apertamente opposto alla riammissione della Siria nella Lega araba e alla normalizzazione delle relazioni tra gli alleati degli Stati Uniti e la Siria. I legislatori statunitensi hanno persino criticato apertamente la Lega Araba", ha ricordato il funzionario cinese.

Infatti, da Washington, migliaia di chilometri dal Cairo dissero che Siria non meritava di rientrare nella Lega araba.

Il portavoce di Pechino ha continuato ad attribuire la colpa del disastro in Siria ai piedi di Washington: "In effetti, è a causa delle pressioni e delle sanzioni statunitensi che la Siria ha subito 12 anni di guerra con le relative conseguenze catastrofiche che durano fino ad ora".

“Il ritorno della Siria nella Lega Araba dimostra ancora una volta che quando l'ombra degli Stati Uniti si restringe, la luce della pace si diffonde”, ha sottolineato Wenbin con una frase lapidaria.

Il rappresentante cinese ha anche criticato, non solo gli Stati Uniti, anche "una manciata di paesi" per aver istigato tentativi violenti di regime change in decine di paesi e per la loro politica di condannare "ogni azione che non serve i loro egoistici interessi egemonici".

"Questo tipo di 'correttezza politica' contorta non li porterà più da nessuna parte", ha aggiunto Wenbin.

I commenti di Pechino sono arrivati ??lo stesso giorno in cui i funzionari siriani hanno partecipato al loro primo vertice della Lega Araba da quando la nazione è stata sospesa dal blocco nel novembre 2011.

La Siria partecipa alla prima riunione della Lega Araba in undici anni

Intanto, una settimana dopo l'annuncio della Lega Araba di aver accettato il ritorno della Siria nell'organizzazione, dopo 12 anni di sospensione, una delegazione siriana guidata dal ministro dell'Economia, Mohamad Samer al-Jalil, ha partecipato a una riunione del Comitato economico e sociale Consiglio dell'organizzazione nella città saudita di Jeddah, prima del prossimo vertice del blocco che si svolgerà venerdì prossimo nella città saudita, secondo quanto ha riportato l'agenzia di stampa statale siriana SANA .

"Ringraziamo l'Algeria per i suoi sforzi durante la sua precedente presidenza del vertice arabo e ci congratuliamo con l'Arabia Saudita per aver ospitato l'attuale sessione, augurando ogni successo", ha detto Al-Jalil durante la sessione, prima di invitare i paesi arabi a "partecipare agli investimenti in Siria dato le opportunità promettenti e le nuove leggi che attirano gli investimenti”.

All'incontro, il ministro delle finanze saudita Mohamad Al-Jadaan, da parte sua, ha accolto con favore “il ritorno della Repubblica araba siriana nella Lega araba”, esprimendo la volontà di “lavorare con tutti per raggiungere gli obiettivi”.

Allo stesso modo, il vicesegretario generale della Lega Araba, Hosam Zaki, ha applaudito il ritorno della Siria nell'organizzazione, dopo la sua sospensione nel 2011 in seguito all'inizio di un conflitto armato e terroristico sostenuto dall'Occidente nel Paese arabo.

La seconda delegazione siriana arriva a Gedda per il vertice arabo

Il ministro degli Esteri siriano Faisal al-Miqdad è arrivato ieri a Jeddah per partecipare alle riunioni preparatorie per il prossimo vertice della Lega Araba il 19 maggio.

La presidenza siriana ha dichiarato, oggi, che il re saudita Salman bin Abdulaziz Al Saud ha inviato un invito al presidente siriano Bashar al-Assad a partecipare al vertice di venerdì, il primo del genere da quando è scoppiata la guerra nel paese.

Sono tutti elementi che testimoniano un grave fallimento per gli Stati Uniti e il regime israeliano, poiché hanno cercato per anni di bloccare il riconoscimento della Siria da parte degli stati vicini.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza di Leonardo Sinigaglia Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Genocidio, il tabù della parola di Giuseppe Giannini Genocidio, il tabù della parola

Genocidio, il tabù della parola

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo di Paolo Arigotti La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti