Scontri in un campo profughi palestinese in Libano, 15 morti

Scontri in un campo profughi palestinese in Libano, 15 morti

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Situato alla periferia della città costiera di Sidone, Ein el-Hilweh è il più grande campo profughi palestinese in Libano.

Almeno 15 persone sono rimaste uccise e più di 150 ferite dopo una settimana di scontri tra fazioni palestinesi nel campo profughi di Ein el-Hilweh, nel sud del Libano.

L'agenzia di stampa National News Agency (NNA) ha riferito che il più grande campo profughi palestinese del Libano, vicino alla città meridionale di Sidone, è stato testimone di violenti scontri in cui sono state usate mitragliatrici e granate con propulsione a razzo, con bombe lanciarazzi sganciate per la prima volta nel campo profughi.

Gli scontri armati hanno causato notevoli sfollamenti a Sidone e nei suoi dintorni, mentre anche l'autostrada a sud di Sidone e diversi quartieri vicini al campo sono stati colpiti da proiettili vaganti.

Secondo i media arabi, "il bilancio dallo scoppio giovedì scorso è di 15 morti e più di 150 feriti". L'11 settembre sono stati segnalati almeno sei morti e più di 80 feriti.

Parlando alla stampa, Emad Hallaq, portavoce della Mezzaluna Rossa Palestinese in Libano, ha affermato che la maggior parte delle vittime sono state trasferite all'ospedale Al Hamshari, gestito dalla sua organizzazione nella città di Sidone, e in altri centri situati anche fuori dai confini del campo.

Situato alla periferia della città costiera di Sidone, Ein el-Hilweh è il più grande campo profughi palestinese in Libano. Gli scontri tra gruppi rivali si verificano frequentemente nelle campagne di Ain Al-Helweh. 

Le fazioni hanno concordato una nuova cessazione delle ostilità, entrata in vigore alle ore 18.00. Secondo la NNA, il presidente del parlamento libanese Nabih Berri ha avuto incontri con rappresentanti di Fatah e del movimento islamico palestinese Hamas.

Accordi simili erano stati raggiunti quando, alla fine dello scorso luglio, Fatah e gruppi islamici si erano impegnati in feroci scontri nel campo di Ein el-Hilweh, durati diversi giorni. Il fattore scatenante è stato l'assassinio di Abu Ashraf Armoushi, uno dei comandanti di Fatah.

La resistenza palestinese: gli scontri ad Ain al-Hilweh “favoriscono solo Israele”

I movimenti di resistenza palestinese Hamas e Jihad islamica palestinese (PIJ) hanno chiesto la fine dei combattimenti nel campo profughi di Ain al-Hilweh, nel sud del Libano, ribadendo che la violenza tra fazioni palestinesi rivali serve solo gli interessi di Israele.

Ieri, le delegazioni palestinesi, guidate dal segretario generale del PIJ Ziad al-Nakhala e dal vicecapo dell'ufficio politico di Hamas Mousa Abu Marzook, hanno lanciato un altro appello.

"Gli scontri in corso sono contro la volontà della nazione palestinese e servono solo al nemico sionista e ai suoi sospetti progetti di prendere di mira i campi palestinesi con l'obiettivo di consegnare la questione dei rifugiati all'oblio e di sfollare più palestinesi", hanno avvertito.

Hamas e PIJ hanno inoltre ricordato che la continuazione degli scontri metterebbe in pericolo la sicurezza del Libano e danneggerebbe la causa palestinese e gli interessi nazionali.

Hanno sottolineato che gli istigatori delle violenze dovrebbero essere arrestati e consegnati alle autorità libanesi.

Infine, hanno inoltre invitato i palestinesi a “unirsi di fronte al nemico sionista”.

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La tigre di carta è nuda di Clara Statello La tigre di carta è nuda

La tigre di carta è nuda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti