Sciopero ai cancelli Unes. Ai lavoratori neanche le briciole, solo manganellate

Sciopero ai cancelli Unes. Ai lavoratori neanche le briciole, solo manganellate

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Di governi "amici" i lavoratori non li hanno mai avuti. Certamente non potevano avere quello guidato da Mario Draghi, quello dei "migliori". Un governo, sicuramente, fra quelli più al servizio del padronato, sempre favorevoli alle newco, alle delocalizzazioni e, soprattutto, all'uso del manganello contro chi non si rassegna e non si fa intimidire.

Questa mattina all'alba, ai cancelli della UNES di Truccazzano, c'è stato un altro presidio promosso da Si Cobas contro i licenziamenti 4i quasi 50 dipendenti da parte della cooperativa Lgd operante nei magazzini della catena di supermercati Unes attraverso il subappalto di Brivio e Viganò Logistics srl.

Una lotta senza sosta. Come senza sosta è la repressione di Polizia e Carabinieri contro chi lotta anche per quelle poche briciole che gli sono state tolte ingiustamente.

Le lotte degli operai della logistica spaventano i padroni del vapore. Lo testimonia la repressione cieca e indiscriminata di chi dovrebbe occuparsi di bel altri malfattori.

 

Come si evince dal video, il presidio doveva concludersi entro le 8 di questa mattina, ma nulla, alle 7;30 le forze dell'ordine hanno trascinato via i lavoratori

Come per la Gkn di Campi Bisenzio, non sono lotte di singole vertenze, riguardano tutti. Ogni lavoratore dovrebbe sentire quelle manganellate. Ogni lavoratore non può sentirsi sicuro di conservare il suo già precario posto di lavoro.

Ecco perché è necessaria esercitare l'arma della solidarietà e dell'unità più che mai. In questo sistema di selvaggio liberismo, da solo, o pensando di mettere sotto il braccio protettivo dei sindacati confederali, non si salva nessuno.

Unes ha sempre precisato in queste occasioni che "non ha alcun rapporto con i manifestanti o con i lavoratori che protestano contro i licenziamenti, dipendenti della cooperativa subappaltata da Brivio e Viganò Logistics srl, partner logistico di Unes Supermercati".

 

Francesco Guadagni

Francesco Guadagni

 

Nato nell'anno di grazia 1979. Capolavoro e mancato. Metà osco, metà vesuviano. Marxista fumolentista. S.S.C.Napoli la mia malattia. Pochi pregi, tanti difetti.

28 maggio, Strage di Brescia: il silenzio omertoso sulla NATO di Giorgio Cremaschi 28 maggio, Strage di Brescia: il silenzio omertoso sulla NATO

28 maggio, Strage di Brescia: il silenzio omertoso sulla NATO

Le onorificenze ai russi, Di Maio e l'"indegnita'" di Marinella Mondaini Le onorificenze ai russi, Di Maio e l'"indegnita'"

Le onorificenze ai russi, Di Maio e l'"indegnita'"

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Buoni a nulla di Alberto Fazolo Buoni a nulla

Buoni a nulla

"Crisi ucraina": perché Rosa Luxemburg tornerà di moda di Giuseppe Masala "Crisi ucraina": perché Rosa Luxemburg tornerà di moda

"Crisi ucraina": perché Rosa Luxemburg tornerà di moda

Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi di Damiano Mazzotti Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi

Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi

Contrordine compagni. Putin non è più sul punto di morire di Antonio Di Siena Contrordine compagni. Putin non è più sul punto di morire

Contrordine compagni. Putin non è più sul punto di morire

VINCOLO ESTERNO VS SOVRANITÀ: LA BATTAGLIA DI UNA VITA di Gilberto Trombetta VINCOLO ESTERNO VS SOVRANITÀ: LA BATTAGLIA DI UNA VITA

VINCOLO ESTERNO VS SOVRANITÀ: LA BATTAGLIA DI UNA VITA

Armi puntate su Tripoli: la Libia sull'orlo di Michelangelo Severgnini Armi puntate su Tripoli: la Libia sull'orlo

Armi puntate su Tripoli: la Libia sull'orlo

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti