Saif Gheddafi e il futuro della Libia - Mohamed El Asmar

Saif Gheddafi e il futuro della Libia - Mohamed El Asmar

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


di Leonardo Sinigaglia 


A tredici anni dall’aggressione guidata dagli Stati Uniti che ha distrutto la Jamahiriya, la Libia è ancora devastata dalla corruzione, dall’assenza dello Stato e dal grandissimo potere delle milizie che controllano il contrabbando di armi, esseri umani e petrolio. Solo un governo nazionale unitario e democraticamente eletto potrebbe porre fine allo stato di anarchia, ma la strada verso questo è sbarrata dagli interessi delle varie cosche e dalle grandi pressioni internazionali che vogliono scongiurare la probabile elezione di Saif al-Islam Gheddafi e assicurare la prosecuzione delle proprie attività predatorie ai danni del popolo libico e della sua ricchezza. Ciononostante, a livello formale tutti si dicono intenzionati ad arrivare alle elezioni, dalla UNSMIL, la missione delle Nazioni Unite nel paese, ai vari rappresentanti del Parlamento, del Consiglio di Stato  e del Consiglio di Presidenza. Quali sono i limiti delle iniziative proposte? E perché alcune di queste sembrano destinate necessariamente al fallimento?

Ne parliamo con Mohamed El Asmar, direttore della Fondazione Ummah per gli Studi e le Ricerche Strategiche.



L'INTERVISTA


Il Capo dell’UNSMIL Abdoulaye Bathily ha più volte affermato di indirizzare i suoi sforzi verso una Libia retta da un governo democraticamente eletto rappresentativo della volontà della popolazione. Tra i suoi interlocutori principali vi è la Commissione Militare Congiunta “5+5”, composta da ufficiali dell’Est e dell’Ovest del paese. Come giudicate l’operato di Bathily e gli ultimi sviluppi del dialogo con la Commissione?

 

In primo luogo, l’esperienza e i tentativi di Bathily devono essere valutati non separatamente dall’esperienza della missione da quando egli ha assunto le sue funzioni nel 2011, quando il suo capo era Abdul-Ilah Al Khatib. Per valutare gli sforzi di Bathily, bisogna contestualizzarli negli sforzi dell'intera missione quando dice di aver presentato molte soluzioni per gettare le basi per una soluzione integrata che produca un governo che soddisfi la loro ambizione di raggiungere le elezioni. Non c’è infatti nulla che supporti questi tentativi dal punto di vista operativo. Oggi ci troviamo di fronte a tre iniziative Bathily, nessuna delle quali è stata attuata. Cioè, lui presenta un'iniziativa, e questa iniziativa è formalmente ancora in atto ma le sue caratteristiche non sono ancora state stabilite, e passa poi a un’altra iniziativa, e così via. Ha presentato tre iniziative contemporaneamente. In un briefing davanti al Consiglio di Sicurezza del 27 febbraio 2023, Bathily ha presentato la sua iniziativa per formare un comitato. Si chiamava Comitato di Riferimento di Alto Livello, che comprende molti gruppi di libici, tra cui politici, personale militare, critici e scrittori. Successivamente è stata presa un'altra iniziativa, quella di instaurare un dialogo tra il comitato 6+6, sei della Camera dei Rappresentanti e sei del Consiglio di Stato, e le cosiddette riunioni di Abu Znika, per elaborare le leggi elettorali.

Queste leggi sono state prodotte dopo disaccordi e discussioni, e la Camera dei Rappresentanti ha emanato, in conformità con la legislazione, leggi elettorali per le elezioni presidenziali e parlamentari all'inizio di ottobre dello scorso anno. Bathily ha affermato che su di esse c'è disaccordo, poi ha detto che queste leggi sono applicabili, poi ha detto che non potevano essere attuate nella stessa settimana. Inoltre, queste procedure seguite da Bathily non lasciano affatto spazio ad una soluzione reale e pratica, e su di esse non vi è alcuno scambio di opinioni da parte di tutti i partiti. Siamo oggi di fronte ad una terza iniziativa avanzata da Bathily a metà novembre riguardante il tavolo di dialogo a cinque basato sulla Risoluzione del Consiglio di Sicurezza n. 2702 emessa il 30 ottobre 2023. Ciò spinge il capo della missione ONU in Libia, Bathily, ad avviare un dialogo che coinvolga i vertici delle istituzioni presidenziali in Libia, che Bathily ha individuato come: Parlamento, Consiglio di Stato. Consiglio di Presidenza, Governo di unità nazionale e il comandante delle forze armate, Khalifa Haftar, parlando della sua formazione il 18 dicembre, ha informato anche il Consiglio di Sicurezza e ha affermato che questa iniziativa è stata un fallimento, e oggi, dopo averne dichiarato il fallimento, continua a cercando di completare questo dialogo, ed è possibile aggiungervi un sesto elemento, e cioè il governo di Osama Hammad, incaricato dal Parlamento.

Queste sono le contraddizioni tra la proposta che Bathily avanza e il percorso esecutivo che sta seguendo che non porta in alcun modo a una soluzione. Per quanto riguarda oggi, uno dei soggetti più importanti che partecipano a questo processo è il Comitato 5+5 composto da funzionari dell'Est e dell'Ovest. Ad oggi il suo lavoro è considerato quasi sospeso, perché  il nucleo del lavoro del Comitato  è stato “rilevato” dai Dialoghi Politici Internazionali sulla Libia in occasione della prima conferenza di Berlino tenutasi il 19 gennaio 2020. Successivamente si sono svolti altri incontri, che sono culminati in quanto concordato 23 ottobre 2020 a Ginevra. L’accordo prevedeva dodici punti, i più importanti dei quali sono l’uscita delle forze straniere e delle forze mercenarie. Da ottobre 2020 ad oggi, queste due disposizioni non hanno trovato attuazione. Tutti i problemi esistenti in Libia sono dovuti alla presenza di milizie influenti nel paese di forze straniere con loro uomini e installazioni.

 

Recentemente il Parlamento, l’Alto Consiglio di Stato e il Consiglio Presidenziale si sono accordati per affrontare la necessità delle elezioni, giudicate da tutti gli attori come urgenti. In cosa consiste questo accordo? Pensate possa rappresentare un primo passo per la creazione di un unico governo nazionale democraticamente eletto?

L’incontro tra più di 120 membri della Camera dei Rappresentanti e della Camera di Stato in Tunisia, il 28 febbraio scorso, ha portato a risultati molto importanti per arrivare alla realizzazione di un “mini governo” unificato che gestisca gli affari del Paese e apre la strada allo svolgimento delle elezioni. Questi diritti sono sanciti nel tredicesimo emendamento della Dichiarazione costituzionale. Questo è stato approvato dalla Camera dei Rappresentanti, e di conseguenza, sono state prodotte le leggi elettorali di cui abbiamo parlato in ottobre. Ma questi accordi sono incompleti per quanto riguarda la loro attuazione. Perché? Perché la prima condizione è la creazione di un governo. E dopo questa creazione,  affinché questo governo possa assumere le sue funzioni, il governo esistente, che è il governo al Dabaiba, dovrebbe trasferire interamente i suoi poteri nel passaggio di consegne al nuovo governo.

Ad oggi, Dabaiba afferma che il potere sarà consegnato solo a un governo eletto, mentre a lui stesso è stato assegnato per supervisionare la fase elettorale che avrebbe dovuto tenersi nel dicembre 2021 e che non ha avuto luogo. Secondo quanto prevedeva l’accordo politico, che  si siano svolte o meno le elezioni previste entro il 24 dicembre 2020, il governo di al Dabaiba è da considerarsi decaduto, e il Parlamento dovrebbe o prorogarne l’esistenza o nominare un sostituto. Secondo il testo dell'accordo, se il Parlamento avesse esteso il mandato al governo di Dabaiba, il termine massimo sarebbe stato comunque il dicembre 2022. Da qui la mancanza di sforzi internazionali concertati, guidati da Al-Baataa e Bathily, che spingano Al-Dabaiba a partecipare al processo politico in conformità con ciò che stabiliscono le leggi e in conformità con ciò che Al-Dabaiba stesso aveva promesso di fare tramite gli impegni da lui firmati nel novembre 2020 a Ginevra, quando produsse una road map e appuntato un governo di unità nazionale. Successivamente, l'incontro della Camera dei Rappresentanti e del Consiglio di Stato è l'espressione della volontà dei 120 membri quello di creare un nuovo “mini governo” per porre fine allo stallo politico. Ma gli altri organismi si sono opposti. La vera soluzione non è produrre nuove iniziative, ma attuare quanto concordato nella road map del novembre 2020 così come nell’accordo politico concluso a Skhirat nel dicembre 2015.

 

La distruzione dello Stato libico dopo l’aggressione del 2011 ha fatto sprofondare il paese nel caos, lasciando anche terreno aperto per la corruzione. Dal petrolio illegalmente saccheggiato alla costruzione di poteri personali, cosa si può dire sullo stato attuale di cose in Libia?

La corruzione in Libia ha attraversato diverse fasi dal 2011, e tutte queste fasi hanno mostrato diversi aspetti finché non  si è arrivati alla situazione attuale. Le bande operano dal sud al nord della Libia per contrabbandare persone, mentre altre  sono largamente coinvolte nel contrabbando di armi, soprattutto nelle regioni costiere e desertiche. Lo ha indicato la Conferenza di pace tenutasi in Mali nel 2021 in una relazione sull’origine delle armi armi che arrivano senza controlli dalla Libia al Niger, al Ciad, al Mali e al Sudan. Il contrabbando di petrolio è stato riconosciuto anche dalle istituzioni dell’Ufficio di controllo e vigilanza, per non parlare di ciò che è emerso delle accuse tra Al-Dhabiba e il governatore della Banca Centrale della Libia. I numeri per rendere il contrabbando di petrolio conveniente ci sono, e non solo tramite le rotte terrestri come quelle dal Qatar, ma anche tramite quelle marittime. Il prezzo del petrolio di contrabbando raggiunge il 60% in meno rispetto al suo prezzo reale. Il predominio di bande e milizie su intere regioni ha fatto sì che il valico di Ras Jedir tra Libia e Tunisia sia ormai chiuso a causa del desiderio delle milizie di controllarlo per praticare il contrabbando, il traffico di esseri umani e il passaggio di armi. Questo quadro vale anche per le grandi bande presenti in tutta la Libia, ognuna delle quali controlla uno strumento vitale per la propria ricchezza e la corruzione, riuscendo a ricavarne un’autorità, per quanto illegittima.

 

La proposta di legge elettorale lanciata dal Parlamento è stata rifiutata dall’Alto Consiglio di Stato, che ha anche deciso di cancellare la propria partecipazione al comitato “6+6”. I principali ostacoli sembrano essere ancora connessi ai criteri per l’eleggibilità dei candidati. Vogliono a tutti i costi escludere Saif al-Islam Gheddafi dalla competizione elettorale? Ma sarebbero possibili elezioni nazionali senza di lui?

Innanzitutto, cominciamo con la controversia che si è verificata tra la Camera dei Rappresentanti e lo Stato sulle leggi elettorali e su come implementarle nell’accordo. Il Consiglio di Stato, quando era guidato da Khaled Al-Mishri, aveva inizialmente approvato il tredicesimo emendamento costituzionale. Successivamente i membri del Consiglio si sono opposti, ma c'era accordo riguardo alle nuove leggi elettorali elaborate lo scorso ottobre. Sappiamo bene che quando il voto  della Commissione 6+6 dello scorso maggio ha approvato queste leggi, il Consiglio di Stato, così come il Parlamento, hanno dato potere ai deputati che li rappresentano al fine di rendere definitive le loro decisioni. Cioè, se sono d'accordo sui risultati, questo è considerato definitivo, e quanto segue è nei termini concordati il Consiglio di Stato non dovrebbe opporsi, in quanto ha partecipato con i suoi delegati. Per quanto riguarda oggi, questi ostacoli servono allo scopo di rimuovere il candidato presidenziale Saif al-Islam Gheddafi? Ci sono forze che cercano di rimuoverlo a livello locale e internazionale. Non dimentichiamo le posizioni prese Richard B. Norland, l’inviato americano in Libia, e la diretta opposizione alla candidatura del figlio di Muammar Gheddafi fatta dall’ambasciatore britannico in Libia, che dichiarò “Non gli permetteremo di prendere il potere”, sebbene tutti i sondaggi e i questionari sostenessero che Saif al-Islam Gheddafi era superiori in consensi agli altri candidati. Nel paese, sappiamo che ci sono concorrenti di Saif al-Islam che non vogliono che si candidi, e sappiamo anche che i candidati desiderano ostacolarsi a vicenda. Si è cercato di ostacolare Saif al-Islam Gheddafi attraverso le leggi elettoali. Per quanto mi riguarda, il testo della legge libica è chiaro. A meno che non venga condannato, gli è legalmente consentita la candidatura. E Saif al-Islam Gheddafi è stato assolto da tutte le accuse che gli sono state mosse in tribunale.

È possibile tenere un'elezione senza Saif al-Islam Gheddafi? La verità è che se le elezioni si svolgessero senza Saif al-Islam o senza qualsiasi altro candidato compatibile con le leggi elettorali ciò sarebbe considerato vergognoso e un crimine contro il popolo libico. Ribadisco l'esclusione di Saif al-Islam Gheddafi o di qualsiasi altro candidato a seguito di forti pressioni delle autorità statali e locali che possiedono armi attraverso il petrolio rubato al denaro del popolo libico sarebbe una vergonosa violenza contro di questo e la sua libertà di scelta.


Durante il periodo della Jamahiriya furono fatti imponenti lavori per garantire l’irrigazione dei campi e il rifornimento idrico alle città del paese. Dal 2011 non solo i nuovi progetti si sono arrestati, ma la manutenzione delle strutture già create si è totalmente arrestata. Ciò ha portato alle catastrofi di Derna e Zliten, simbolo dell’assenza di uno Stato centrale e delle difficoltà del paese. Cosa si può dire a riguardo?

Sì, non c’è dubbio che uno degli aspetti manifesti della corruzione è la scarsa attenzione alle infrastrutture, con negligenze e incidenti. Parlando della rete idrica, che è la più grande del mondo, il Grande Fiume Artificiale, fondato dal defunto leader Muammar Gheddafi nel 1984, permette all’acqua di raggiungere la maggior parte delle terre libiche, fornendole di acqua potabile o per scopi industriali e agricoli. Tutte le pompe di questo progetto e le pompe del Progetto Agricolo Al-Loud, che comprendeva più di dieci milioni di palme delle migliori specie, sono state saccheggiate a partire dal tracollo dello Stato nel 2011 e poi vendute. I cavi elettrici sono stati smantellati e venduti da bande armate protette da quelle che dovrebbero essere istituzioni statali. Il disastro della diga di Derna è avvenuto a causa dell'esacerbazione della corruzione e del suo ripetersi, che ha provocato la mancata esecuzione della regolare manutenzione. Gli ingegneri responsabili di questi progetti, mossi da sentimenti patriottici, hanno lanciato molti avvertimenti alle agenzie governative, e più di mezzo miliardo di dinari libici sono stati stanziati nel 2021 per la ricostruzione degli impianti Derna, comprese le dighe, ma ciò non è stato fatto, e così il denaro fu anch’esso saccheggiato.

A Zliten l’innalzamento delle falde acquifere aggrava la già precaria situazione, che richiede sempre e continuamente operazioni di controllo e  interventi preventivi. La situazione si aggrava nella regione di Tawergha e nei suoi dintorni e raggiunge anche la città di Al-Khoms, con strade fatiscenti e frequenti incidenti dovuti alla mancata manutenzione delle strade e dei semafori. Oltre a ciò ci sono state anche gravi mancanze nella fornitura di medicinali, vaccini e di antidoti per un particolare tipo di scorpioni presenti nel Sud, che, spinti dal vento fuori dalle loro tane, sono pericolosi soprattutto per i bambini, e hanno provocato centinaia di morti negli ultimi anni. Prima la Libia non solo monitorava la situazione sanitaria domestica, ma contribuiva alla sicurezza sanitaria anche dei paesi vicini. Sommando tutto questo vediamo la situazione dello Stato. Oggi ci basta sapere e scoprire che i vari governi, dal 2012 ad oggi, hanno speso più di 450 miliardi di dollari, di cui il 35% avrebbe dovuto essere destinato allo sviluppo e alla ricostruzione. Come sono stati spesi? Per esempio, il governo di Dabaiba ha festeggiato l'apertura di una strada lunga 600 metri per la quale ha speso più di venti milioni di dinari libici, in una palese manifestazione di corruzione e di disinteresse per ogni legge.

 

Il Ministro dell’interno del Governo di Unità Nazionale di Tripoli ha espresso l’intenzione di recuperare il controllo del valico di frontiera di Ras Jedir tra Libia e Tunisia anche utilizzando la forza. Cosa sta succedendo? Quali sviluppi potrebbero esserci?

Innanzitutto è stato raggiunto un accordo tra il governo di Tripoli e le milizie di Zuwara per garantire la sicurezza del valico con una forza congiunta.

Ciò indica l’influenza delle milizie e la reale incapacità dello Stato di liberarsi di questa, in quanto la situazione avrebbe dovuto essere sotto il completo controllo del Ministero degli Interni. Ma il Ministero dell'Interno in Libia è infatti composto, oltre che dalle agenzie ufficiali, anche da gruppi pesantemente armati, gruppi di milizie e gruppi che sono stati annessi al Ministero. Di conseguenza non si può sconfiggere l'influenza sul Ministero di chi persino ne fa parte con le sue milizie. 

Leonardo Sinigaglia

Leonardo Sinigaglia

Nato a Genova il 24 maggio 1999, si è laureato in Storia all'università della stessa città nel 2022. Militante politico, ha partecipato e collaborato a numerose iniziative sia a livello cittadino che nazionale.

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

 COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA di Leonardo Sinigaglia  COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

L'UE e quel "lei deve stare molto attento!" di Marinella Mondaini L'UE e quel "lei deve stare molto attento!"

L'UE e quel "lei deve stare molto attento!"

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La violenza del capitale di Giuseppe Giannini La violenza del capitale

La violenza del capitale

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti di Gilberto Trombetta Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Il mio messaggio a Bengasi di Michelangelo Severgnini Il mio messaggio a Bengasi

Il mio messaggio a Bengasi

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Escalation nucleare possibile? Cosa rischia l'Europa di Giuseppe Masala Escalation nucleare possibile? Cosa rischia l'Europa

Escalation nucleare possibile? Cosa rischia l'Europa

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard di Paolo Arigotti Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti