Russia, arriva il caccia MiG-35 stealth a decollo verticale

Russia, arriva il caccia MiG-35 stealth a decollo verticale

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

I caccia di quinta generazione in forza alla Russia presto diventeranno due. Il principale produttore russo di aerei da combattimento - MiG - ha infatti reso noto che la società ha avviato il processo di progettazione del suo nuovo caccia da combattimento di quinta generazione basato su portaerei con "tecnologia invisibile”, o stealth, come da definizione in lingua inglese. 

Il caccia da combattimento è progettato con un bimotore e ha un'impronta radar ridotta. Dovrebbe essere un aereo a decollo o atterraggio verticale (VTOL) in modo che possa essere schierato su portaerei. Le sue dimensioni saranno intorno a quelle dell'attuale caccia MiG-35.

Secondo RIA Novosti, che cita fonti della difesa russa, il caccia sarà prodotto in combinazione con un drone del peso di oltre 10 tonnellate. Il velivolo a pilotaggio remoto (UAV) sarà realizzato secondo lo schema "ala volante" e verrà utilizzato nel concetto di "gregario fedele". Servirà per il rifornimento o per attacchi congiunti, secondo una fonte del complesso militare-industriale citata dall'agenzia di stampa russa.

In precedenza è stato riferito che l'industria della difesa russa aveva pianificato di migliorare i caccia Su-57 di quinta generazione (stealth) in modo che potessero essere collocati sul ponte di una portaerei. Tuttavia, l'idea non è stata implementata. 

La marina russa attualmente possiede solo una portaerei - l'incrociatore pesante per il trasporto di aerei Admiral Kuznetsov - rimasta danneggiata nell'incidente del molo galleggiante PD-50 nell'ottobre 2018 e poi nel dicembre 2019 in un incendio durante i lavori di riparazione della prima unità di potenza. Attualmente sono in corso lavori di riparazione programmati presso il cantiere di riparazione navale Zvezdochka a Severodvinsk, una città nel nord dell'Arkhangelsk Oblast.

La nave dovrebbe intraprendere le prove in mare nel 2022 e sarà in grado di servire per altri 20 anni con le riparazioni effettuate. Il vettore è la nave principale della classe Kuznetsov ed è stato inizialmente varato nel 1985.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire di Francesco Erspamer  Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

L'opposizione al capitale che non c'è di Paolo Desogus L'opposizione al capitale che non c'è

L'opposizione al capitale che non c'è

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale di Giorgio Cremaschi Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Il gioco delle tre carte sulle scadenze dei vaccini Pfizer di Francesco Santoianni Il gioco delle tre carte sulle scadenze dei vaccini Pfizer

Il gioco delle tre carte sulle scadenze dei vaccini Pfizer

Per me questa è resistenza di Savino Balzano Per me questa è resistenza

Per me questa è resistenza

Caffè: i prezzi andranno alle stelle di  Leo Essen Caffè: i prezzi andranno alle stelle

Caffè: i prezzi andranno alle stelle

In Cina i salari crescono più del Pil di Pasquale Cicalese In Cina i salari crescono più del Pil

In Cina i salari crescono più del Pil

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Paolo Mieli e la dittatura antifascista di Antonio Di Siena Paolo Mieli e la dittatura antifascista

Paolo Mieli e la dittatura antifascista

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund di Gilberto Trombetta "Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti