Roma, operaio precipita da un ponteggio, morto sul colpo. Quando si fermerà questa strage?

Roma, operaio precipita da un ponteggio, morto sul colpo. Quando si fermerà questa strage?

Foto ANSA

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Neanche le festività natalizie fermano la strage dei morti sul lavoro. Oggi, a Roma, nella centralissima Via Merulana, un operaio di 59 anni è morto sul colpo caduto da un ponteggio.

Ormai i morti sul lavoro nel 2021 hanno sforato ampiamente quota 1000, e ogni volta c'è un senso di frustrazione nel dover riportare queste notizie.

La domanda quando muore un lavoratore nell'edilizia è sempre la solita. C'erano misure di sicurezza adeguate? Nella rabbia ne giungono altre, perché a 59 anni un lavoratore, di solito nell'edilizia si lavora in giovane età, avrebbe già maturato i contributi per andare in pensione e ancora su un ponteggio a diversi metri di altezza? Con i rischi che ne conseguono? Quantomeno dovrebbe occupare una postazione meno rischiosa.

Con le riforme pensionistiche dettate dall'Unione Europea e attuate dai loro rappresentanti in Italia vedremo sempre più lavoratori in età avanzata morire sui cantieri, specie quelli edili. Le condizioni economiche sempre più difficili costringeranno sempre più lavoratori ad accettare qualsiasi lavoro, in condizioni di sicurezza precarie.

Ancora più frustrante, con più di 1000 morti sul lavoro non si proclama uno straccio di sciopero generale per imporre più controlli alle aziende, più assunzioni negli enti che dovrebbero vigilare sul rispetto delle norme sulla sicurezze sul lavoro.

Sarebbero bastante le parole dell’Ispettorato nazionale del lavoro Bruno Giordano, "nove imprese edili su dieci non sono in regola", per scatenare un'ondata di indignazione e mobilitazione.

Ancora tutto tace. 

 

 

Francesco Guadagni

Francesco Guadagni

 

Nato nell'anno di grazia 1979. Capolavoro e mancato. Metà osco, metà vesuviano. Marxista fumolentista. S.S.C.Napoli la mia malattia. Pochi pregi, tanti difetti.

28 maggio, Strage di Brescia: il silenzio omertoso sulla NATO di Giorgio Cremaschi 28 maggio, Strage di Brescia: il silenzio omertoso sulla NATO

28 maggio, Strage di Brescia: il silenzio omertoso sulla NATO

Le onorificenze ai russi, Di Maio e l'"indegnita'" di Marinella Mondaini Le onorificenze ai russi, Di Maio e l'"indegnita'"

Le onorificenze ai russi, Di Maio e l'"indegnita'"

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Buoni a nulla di Alberto Fazolo Buoni a nulla

Buoni a nulla

"Crisi ucraina": perché Rosa Luxemburg tornerà di moda di Giuseppe Masala "Crisi ucraina": perché Rosa Luxemburg tornerà di moda

"Crisi ucraina": perché Rosa Luxemburg tornerà di moda

Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi di Damiano Mazzotti Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi

Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi

Contrordine compagni. Putin non è più sul punto di morire di Antonio Di Siena Contrordine compagni. Putin non è più sul punto di morire

Contrordine compagni. Putin non è più sul punto di morire

VINCOLO ESTERNO VS SOVRANITÀ: LA BATTAGLIA DI UNA VITA di Gilberto Trombetta VINCOLO ESTERNO VS SOVRANITÀ: LA BATTAGLIA DI UNA VITA

VINCOLO ESTERNO VS SOVRANITÀ: LA BATTAGLIA DI UNA VITA

Armi puntate su Tripoli: la Libia sull'orlo di Michelangelo Severgnini Armi puntate su Tripoli: la Libia sull'orlo

Armi puntate su Tripoli: la Libia sull'orlo

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti