Riflessioni di filosofia della storia e della politica

Riflessioni di filosofia della storia e della politica

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


di Marco De Angelis

Nel mondo è necessaria una svolta, una svolta storica, precisamente il vero e proprio passaggio dalla preistoria alla storia, che non è ancora avvenuto. Per quanto, infatti, la cosa possa stupirci, non siamo ancora entrati come umanità nella vera e propria ‘storia’, ma ci troviamo ancora nella ‘preistoria’. 

Quest’ultima, infatti, non è in alcun modo identificabile, come s’insegna oggi a scuola, con il periodo del tempo in cui ancora non c’era la scrittura, perché questa è una determinazione estrinseca, formale e non intrinseca e di contenuto. La ‘preistoria’ è invece contraddistinta dal fatto che gli esseri umani si comportano ancora come animali, che essi ovviamente anche sono, con tutti gli istinti propriamente animali, ma sono anche di più, sono ‘spirito’, quindi capacità di reprimere gli istinti quando questi conducano al male. Lo spirito opera sempre per il ‘bene’, mai per il ‘male’. L’animale, non potendo distinguere tra bene e male, è giustificato dal seguire l’istinto perché questa è la sua natura; l’essere umano, invece, essendo la sua natura essenzialmente ‘spirito’, non è mai giustificabile, se fa il male. 

Posta questa premessa, ci dobbiamo chiedere: vivono oggi gli esseri umani seguendo l’istinto animalesco oppure lo spirito? Quindi vivono operando maggiormente per il male o per il bene? Osservando gli ultimi avvenimenti, purtroppo dobbiamo concludere che gli esseri umani si comportano ancora in buona parte operando per il male, non per il bene. Dobbiamo pertanto ulteriormente concludere che viviamo ancora nella preistoria, non siamo ancora entrati nella storia propriamente detta. 

Il fatto che la nostra tecnologia rispetto per es. a un secolo fa sia molto avanzata, non significa proprio nulla dal punto di vista della civiltà. Si può essere tecnologicamente avanzati e tuttavia incivili, ricchi e nondimeno incivili, così come si può essere privi di una tecnologia avanzata e civili, poveri e civili. La civiltà si misura con l’etica e con il bene, non con lo sviluppo tecnologico ed economico.

Poste queste considerazioni, occorre concludere che oggi c’è assoluto bisogno di un nuovo movimento-partito mondiale umanistico, il quale aiuti l’umanità ad abbandonare la preistoria ed entrare nella storia, ossia a diventare civile. L’umanità attuale è altamente incivile. 

Non dobbiamo pertanto meravigliarci per l’orrore che abbiamo visto in Ucraina e soprattutto ora in Palestina, da ambo le parti s’intende, perché la cosa peggiore è proprio il binomio inciviltà-alta tecnologia. Se mettiamo un elevato sviluppo tecnologico nelle mani di esseri incivili, quali sono gli esseri umani attuali, il risultato può essere solo questo, che in una guerra non si uccidono primariamente gli uomini e i militari del nemico, ma i suoi bambini, i suoi giovani, le sue donne, i suoi anziani. 

Quando tra qualche secolo gli esseri umani del futuro ci giudicheranno, ci riterranno incivili e preistorici, perché loro, così dobbiamo almeno sperare, saranno usciti dalla preistoria ed entrati nella vera e propria storia. Essi quindi rispetteranno i bambini, i giovani, le donne e gli anziani.

In conclusione, siamo preistorici e incivili e ce ne dobbiamo soltanto vergognare, perché invece potremmo essere facilmente storici e civili, ne avremmo tutte le possibilità economiche e tecnologiche. Basterebbe solo volerlo, ma per 'volerlo' dovremmo 'saperlo'. Per questo motivo il nuovo movimento-partito potrà essere solo filosofico-scientifico, esso dovrà, infatti, condurre l'umanità al 'sapere' del bene, presupposto del 'volere' il bene. 

Potrebbe anche interessarti

Le più recenti da Capire la politica con la filosofia

Sul femminicidio

Sul femminicidio

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO di Leonardo Sinigaglia Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo di Paolo Arigotti La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti