Quando Zelenskyj portò un nazista al parlamento greco

Quando Zelenskyj portò un nazista al parlamento greco

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di Joe Lauria* – ConsortiumNews

Il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyj ha fatto un giro del mondo virtuale  con collegamenti video ai parlamenti di tutto il mondo, nonché ai Grammy Awards e al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, a volte con risultati problematici.  

Il 7 aprile 2022 scoppiò un grande litigio quando Zelenskyj portò con sé un soldato ucraino di origini greche dalla città di Mariupol, che per caso era un membro del reggimento neonazista Azov. La Grecia fu sotto l'occupazione nazista durante la Seconda guerra mondiale e combatté un'aspra guerra partigiana contro il nazismo (che in seguito fu tradita dalla Gran Bretagna e dagli Stati Uniti).   

Con Zelenskyj sullo schermo, l’uomo, che ha dato solo il suo nome, ha detto al Parlamento: “Vi parlo come un uomo di origine greca. Il mio nome è Michael. Mio nonno combatté contro i nazisti durante la Seconda guerra mondiale. Sono nato a Mariupol e ora combatto anche per difendere la mia città dai nazisti russi”.

 

 

Alexis Tsipras, leader del principale partito di opposizione, SYRIZA-Alleanza Progressista, criticò la comparsa del combattente dell'Azov davanti al parlamento.  

“La solidarietà con il popolo ucraino è un dato di fatto. Ma ai nazisti non si può permettere di parlare in parlamento”, scrisse Tsipras sui social media. “Il discorso era una provocazione”. Lamentò che il primo ministro greco Kyriakos Mitsotakis “ha la piena responsabilità. … Ha parlato di una giornata storica ma è un peccato storico”.  

L’ex primo ministro greco Antonis Samaras definì il video trasmesso in parlamento un “grosso errore”.

L’ex ministro degli Esteri Nikos Kotzias dichiarò: “Il governo greco ha indebolito irresponsabilmente la lotta del popolo ucraino, dando la parola a un nazista. Le responsabilità sono pesanti. Il governo dovrebbe pubblicare un rapporto dettagliato sulla preparazione e sui contatti per l’evento”.

Il partito MeRA25 dell’ex ministro delle Finanze Yanis Varoufakis affermò che l’evento si è trasformato in una “festa nazista”.

Il reporter greco raccontò che  un portavoce del governo ammise l'errore ma poi lo usò per diffamare SYRIZA come apologeta della Russia:

“Il partito socialista KINAL ha rilasciato una dichiarazione chiedendo perché i legislatori greci non erano stati informati dell’intervento video di un membro del battaglione Azov e ha invitato il presidente del parlamento greco ad assumersi la responsabilità.”

Il portavoce del governo Giannis Oikonomou affermò che l'inclusione del messaggio del battaglione Azov era "scorretta e inappropriata". Tuttavia, non ha detto chi dovrebbe essere ritenuto responsabile di questo.

Oikonomou, tuttavia, criticò SYRIZA per aver presumibilmente “usato quell'errore… per giustificare l'invasione russa”. … È giunto il momento di una risposta chiara: sono dalla parte degli ucraini, che combattono per la loro libertà, o [dalla parte degli] invasori di Putin?”

Il senso contraddittorio della storia di Zelenskyj

Nel suo discorso, Zelenskyj disse:

“È più di un mese che mi sveglio ogni giorno pensando a Mariupol, che viene distrutta dalle truppe russe. Ci sono ancora 100mila persone al confine con Mariupol. Non è rimasto alcun edificio. Mariupol è stata distrutta…

L'Ucraina è uno dei paesi ortodossi che fu cristianizzato dai greci. Nella cultura e nella storia ucraina si vedrà che perderemo gran parte della storia se perdiamo la cultura portata dalla cultura greca.

Libertà o Morte era ciò che dicevano i vostri rivoluzionari. Gridiamo lo stesso anche oggi”. [un riferimento a uno slogan della rivoluzione greca del 1821.]

Ignorare le sofferenze della Grecia sotto il nazismo tedesco è stato leggermente peggiorato dal portare con sé un nazista per rivolgersi ai legislatori greci.

Zelenskyj si è già messo nei guai in passato facendo riferimento alla storia di una nazione nei suoi discorsi ai parlamenti. Ha suscitato indignazione in Israele per aver paragonato ciò che sta attraversando l’Ucraina oggi all’Olocausto, ignorando completamente il ruolo svolto dai fascisti ucraini in quell’Olocausto.

Nel suo discorso al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite del 5 aprile 2022, Zelenskyj sostenne che la Russia ha commesso i peggiori crimini di guerra dalla seconda guerra mondiale, ignorando il crimine molto più grande di aggressione da parte degli Stati Uniti contro l’Iraq, basato totalmente su bugie.

Proprio come stanno facendo i governi occidentali e i media aziendali, l’ambasciata ucraina ad Atene ha negato che l’Azov sia un reggimento neonazista, nonostante sfoggino le Waffen-SS Wolfsangel sulle loro uniformi e il loro aperto allineamento politico con il nazismo. L’ambasciata ha invece provato a ribaltare la situazione. 

"Per molti anni la Russia ha cercato di 'piantare' nelle menti dei greci il mito secondo cui il reggimento 'Azov' è un'unità paramilitare indipendente che opera a Mariupol", ha affermato l'ambasciata in una nota. “Il video… non ha nulla a che fare con gli atti nazisti commessi dai russi sulla nostra terra e contro il nostro popolo”. 

In effetti, i media occidentali hanno ampiamente ignorato la storia. Né il New York Times né il Washington Post hanno scritto nulla su quanto accaduto al parlamento greco e il Wall Street Journal ha pubblicato solo un reportage fotografico senza menzionare la controversia. 

*Caporedattore di Consortium News ed ex corrispondente delle Nazioni Unite per il Wall Street Journal, il Boston Globe e numerosi altri giornali, tra cui The Montreal Gazette, il London Daily Mail e The Star of Johannesburg. È stato reporter investigativo per il Sunday Times di Londra, reporter finanziario per Bloomberg News e ha iniziato la sua attività professionale come giornalista diciannovenne per il New York Times. È autore di due libri: A Political Odyssey, con il senatore Mike Gravel, con prefazione di Daniel Ellsberg; e Come ho perso di Hillary Clinton, prefazione di Julian Assange. 

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito di Geraldina Colotti Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

L'Unione Europea nella percezione degli italiani di Leonardo Sinigaglia L'Unione Europea nella percezione degli italiani

L'Unione Europea nella percezione degli italiani

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Un establishment a corto di credibilità di Giuseppe Giannini Un establishment a corto di credibilità

Un establishment a corto di credibilità

Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi" di Michelangelo Severgnini Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi"

Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi"

A cosa serve la proposta di Putin di oggi di Giuseppe Masala A cosa serve la proposta di Putin di oggi

A cosa serve la proposta di Putin di oggi

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti