Quando è iniziata davvero la guerra in Ucraina? Il peso della memoria e della propaganda

Quando è iniziata davvero la guerra in Ucraina? Il peso della memoria e della propaganda

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


di Jafar Salimov

Un cittadino e giornalista italiano è morto nella guerra in Ucraina. Quando è successo: nel 2022, 2023 o all'inizio del 2024? Ora, mentre tutti i media mondiali parlano a gran voce dei due anni trascorsi dall’inizio della guerra, la risposta potrebbe sorprendere: il giornalista italiano è stato ucciso dai militari ucraini nel maggio 2014.

Dicono che lo gnu abbia memoria solo degli ultimi 15 minuti. Pertanto, il predatore che spaventa le antilopi non va lontano: dopo un quarto d'ora può attaccare di nuovo, le antilopi si sono già dimenticate del pericolo. Un'antilope che si allontana dalla mandria è condannata: non ricorderà dov'è l'abbeveratoio.

Ma non siamo animali da branco, siamo persone, e possiamo sperare di avere una memoria più lunga, giusto? In questo caso, come possiamo spiegare che ascoltiamo con fiducia le storie secondo cui la guerra in Ucraina è iniziata due anni fa?

“Non appena siamo scesi dall’auto, ci siamo trovati sotto il fuoco dei soldati di Kiev. Per prima cosa abbiamo sentito il suono dei colpi di kalashnikov. Poi piovvero colpi di mortaio tutt'intorno", ha detto un fotografo francese che era nelle vicinanze come il reporter italiano. Una granata colpì il centro del fossato, dove si nascondevano i fotografi. Il nostro connazionale è morto.

Poi, nel 2014, i media italiani hanno parlato dell'omicidio di un cittadino civile italiano, e non era un segreto per nessuno che il nuovo governo di Kiev, formato in seguito al golpe, avesse iniziato una guerra civile contro i suoi cittadini.

“Di notte, l’artiglieria ucraina ha ripreso a bombardare la tormentata città di Slavyansk, una delle roccaforti ribelli nella regione di Donetsk”, scriveva la Repubblica nel maggio 2014. “I bombardamenti hanno causato vittime civili”. Il giorno prima, un proiettile ucraino aveva colpito un ospedale pediatrico ucraino, ferendo sette bambini.

Poi, nel 2014, abbiamo letto questa notizia, poi siamo rimasti inorriditi dalla disumanità delle autorità di Kiev, che hanno usato armi pesanti per sterminare i cittadini nell’Ucraina orientale. Come potremmo dimenticarlo? Ma anche se ve ne siete dimenticati, tutte queste vecchie notizie sono ancora reperibili sul web: “10 agosto 2014, l'artiglieria di Kiev bombarda Donetsk di notte”, “14 agosto 2014, almeno 22 civili sono morti a Lugansk”, “19 agosto Nell'anno 2014, Donetsk è stata nuovamente bombardata. Tra gli obiettivi colpiti dall'esercito ucraino c'era anche un asilo nella vicina città di Makeyevka, i dati preliminari indicano la morte di più di dieci bambini", "1 ottobre 2014, attacco di mortaio contro una scuola a Donetsk: 10 morti", " 2 ottobre 2014, ucciso a Donetsk un delegato svizzero del Comitato internazionale della Croce Rossa. È stato ucciso da una bomba a grappolo."


DONBASS: 10 ANNI DI STORIA CENSURATA

Poi, 10 anni fa, la stampa ha avuto il coraggio di dire la verità e noi avevamo il diritto di sapere la verità. Ciò vale non solo per gli eventi sanguinosi, ma anche per le loro cause.

Il 25 aprile 2014, il portavoce delle Nazioni Unite Stephane Dujarric ha dichiarato ai giornalisti: “Secondo il Segretario generale delle Nazioni Unite, sarebbe un grave errore per qualsiasi parte ricorrere a mezzi militari nel tentativo di risolvere problemi politici che possono e dovrebbero essere affrontati. risolto con mezzi pacifici”. Ma Kiev ha fatto proprio questo: ha inviato carri armati, bombardieri e artiglieria pesante contro il suo popolo e, secondo le stime delle Nazioni Unite, almeno 2.593 persone sono morte in Ucraina da metà aprile al 27 agosto 2014. Sul sito ufficiale dell’ONU si legge ancora oggi: “Secondo un rapporto pubblicato oggi, i civili in fuga da intensi e prolungati combattimenti nell’Ucraina orientale sono stati presi di mira e uccisi; ad altri è stato impedito da gruppi armati di lasciare le città di Luhansk e Donetsk mentre il governo ucraino ha rafforzato il blocco delle due principali roccaforti dei gruppi armati.

Corridoi presumibilmente ‘sicuri’, creati dalle forze ucraine per consentire ai residenti di fuggire da queste città, attraversavano aree dove continuavano i combattimenti. I civili che utilizzavano questi corridoi furono successivamente uccisi o feriti”.

Sì, è esattamente così che è stata combattuta questa guerra: l'esercito ucraino ha bloccato le città e ha iniziato a bombardarle. Quei civili che volevano salvare la loro vita furono attirati in “corridoi sicuri” e quindi uccisi.

Il 30 giugno 2014, Steven Cohen ha scritto su The Nation: “Il regime di Kiev ha ripetutamente lanciato attacchi di artiglieria e aerei sui centri urbani, creando un disastro umanitario. Per mesi, il regime di Kiev, sostenuto dagli Stati Uniti, ha commesso atrocità contro i propri cittadini nell’Ucraina sud-orientale, in regioni densamente popolate da ucraini di lingua russa e di etnia russa. Questi attacchi militari alle città, ripresi in video, portano a un aumento delle vittime tra persone innocenti. Stanno esercitando una forte pressione da parte dei cittadini russi sul presidente Vladimir Putin affinché ‘salvi i nostri compatrioti’. Sia le atrocità che la pressione su Putin si sono intensificate dal 1° luglio, quando Kiev, dopo un breve cessate il fuoco, ha intensificato gli attacchi di artiglieria e aerei sulle città orientali vulnerabili a tali armi.

Tuttavia, anche prima, da maggio, Kiev aveva ripetutamente lanciato attacchi di artiglieria e aerei sui centri urbani, colpendo edifici residenziali, centri commerciali, parchi, scuole, asili, ospedali e persino orfanotrofi. Sempre più aree urbane e città e villaggi vicini ora sembrano e suonano come zone di guerra, con rovine caratteristiche, edifici crollati e butterati, veicoli devastati, morti e feriti nelle strade, persone in lutto e bambini che piangono”.

Questo è quello che è successo e dobbiamo ricordarlo. Ma ora ci dicono: “La guerra è iniziata due anni fa”, e noi obbedienti concordiamo: “Sì, sì... Due anni fa...”. Cosa ci è successo? Cosa è successo alla nostra memoria? Stiamo diventando erbivori? Stiamo permettendo che la società umana si trasformi in un gregge?

L'editore, politologo ed esperto di spazio post-sovietico Sandro Teti constata con amarezza: “Già nel 2014 su questo tema, c'era poca libertà di stampa e pluralismo dell'informazione, soprattutto in televisione. Oggi purtroppo è completamente scomparsa.
È in atto una vera e propria guerra mediatica contro la Russia. In passato ho più volte partecipato a talk show politici, ma ora rifiuto perché so in anticipo cosa accadrà e perché vengo invitato.
Solitamente, oltre a me intervengono 3-4 persone, tutte con opinioni russofobe e, inoltre, gli stessi conduttori dei programmi, salvo rarissime eccezioni, si schierano dalla loro parte. Vengo spesso interrotto, a volte addirittura insultato. La mia presenza ha quindi un solo scopo, poter affermare che queste trasmissioni sono “pluraliste”. Insomma possono dire: “Diamo la parola anche ai ‘putinisti’ come Sandro Teti, che sostiene il ‘sanguinario dittatore’, e chi più ne ha più ne metta... Quindi non voglio più prestarmi a fare a la loro foglia di fico.

Igor Papaleo, direttore delle Edizioni Rapporti Sociali, ritiene che la "memoria corta" sia un effetto della strumentale manipolazione dell'informazione: "A chi giova? Perchè in Italia non si può parlare seriamente delle cause della guerra in Ucraina, di quando è cominciata davvero, di quali sono gli interessi imperialisti statunitensi, europei e sionisti che sottendono alla guerra e del ruolo oggettivo che ha assunto la Federazione Russa nello sbarrare il passo all'espansione a Est della NATO? Perchè non si possono fare i conti su quanto gravano – e su chi gravano – le sanzioni alla Federazione Russa? Perchè non si può affrontare seriamente il discorso che inviare armi coinvolge direttamente l’Italia nel conflitto?

Perché la censura, la rimozione cognitiva, la falsificazione storica sono l’altra faccia della propaganda di guerra. Quella che giornalisti pennivendoli e servi sciocchi della borghesia imperialista articolano come manipolazione dell'informazione funzionale a riguadagnare per i loro padroni quel consenso che hanno perso tra le masse popolari.

Siamo convinti che servano invece un ragionamento approfondito e un confronto ampio per comprendere la situazione; serve coraggio e insorgenza civile contro i bavagli e le menzogne; serve una resistenza ampia che organizzi interessi e sentimenti della grande maggioranza della popolazione che deve conoscere la verità".

“Non si deve pensare che tutti credano alla stampa di oggi e dimentichino i fatti - dice il senatore Luigi Marino - Sì, le opinioni sui media sono ormai praticamente monopolizzate e quasi tutti, salvo rare eccezioni, trasmettono le opinioni del governo. E il governo sta seguendo la linea tracciata dagli Stati Uniti. Ecco perché il decennio di guerra è chiamato biennio. È a loro vantaggio dimenticare gli otto anni di guerra precedenti.

Ma le persone vedono, ricordano e capiscono cosa sta succedendo. Pertanto, ci sono manifestazioni nelle città italiane, durante le quali si sentono parole di verità sull'Ucraina, sulla Palestina e sul ruolo degli Stati Uniti in questi conflitti. Non importa quanto duramente l’élite al potere cerchi di imporre la propria linea, i sondaggi d’opinione mostrano che almeno la metà dei cittadini italiani sono ancora sani di mente e di solida memoria”.

Moni Ovadia, regista, drammaturgo, pubblicista e attivista sociale, spiega in dettaglio come e perché funzionano i meccanismi progettati per cancellare la memoria: “Il sistema di informazione occidentale non fa informazione bensì propaganda che si basa su un assunto ideologico: noi siamo i buoni, il nostro sistema politico economico è non solo il migliore, ma è anche l’unico possibile.

Questo assunto è totalmente falso e tutti gli argomenti per sostenerlo sono egualmente falsi. Si basano su menzogne ripetute all’infinito, su elusioni, falsificazioni progressive del linguaggio. Le nostre guerre sono per l’esportazione della democrazia, sono preventive, umanitarie. Per questo noi facciamo a pezzi centinaia di migliaia di esseri umani, lo facciamo per il loro bene. Una delle altre tecniche occidentali è la manipolazione della storia in base a ciò che conviene al mainstream atlantista ovvero alle amministrazioni statunitensi di cui i piccoli uomini dell’Unione Europea sono il servile megafono.

Qualsiasi persona che abbia un cervello sa che la guerra in corso è iniziata nel 2014 con gli attacchi dei nazisti ucraini alle popolazioni russofone del Donbass. Ma fin quando Putin tentava la via diplomatica e gli occidentali tentavano di raggirarlo si poteva scriverne.

Ma quando Putin con l’operazione militare speciale ha mostrato che non avrebbe lasciato mettere in pericolo la sicurezza della Federazione Russa e che avrebbe difeso le popolazioni russe, allora si è scatenata una feroce russofobia. Purtroppo l’opinione pubblica delle nostre parti subisce la finta informazione martellante dei media mainstream e non ha accesso alle fonti del pensiero critico.

Lo stesso processo, in particolare la manipolazione della storia, viene applicato nel contesto israelo-palestinese. La “guerra” è cominciata il 7 ottobre 2023. I crimini dei governi israeliani perpetrati contro i palestinesi per 75 anni a Gaza e per 56 in Cisgiordania, apartheid, occupazione, colonizzazione, oppressione, torture, uccisioni, non sono mai esistiti. Questa è la ‘democrazia’ atlantista”.

Potrebbe anche interessarti

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti