Qaher-313: a che punto è lo sviluppo del caccia di quinta generazione iraniano che vuole competere con F-35 e F-22?

Qaher-313: a che punto è lo sviluppo del caccia di quinta generazione iraniano che vuole competere con F-35 e F-22?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

L’Iran è un paese fortemente colpito da dure e pesanti sanzioni imposte dagli Stati Uniti d’America. Nonostante questa circostanza la Repubblica Islamica continua ad avanzare in tutti i campi. Il paese ha sviluppato anche un proprio caccia di quinta generazione, come racconta The EurAsian Times. 

Il caccia Qaher-313. Secondo alcuni esperti il velivolo sembra più un oggetto di scena di Hollywood che un caccia a reazione del 21° secolo. Ma sappiamo bene che quando parliamo di Iran così come di altri paesi nel mirino degli imperialisti tutto finisce in becera propaganda. 

Il jet presenta bordi duri e quei bordi e angoli distintivi dell'F-22 nordamericano e la forma della doppia coda molto simile a quella dell'F-35 Lightning II, scrive The Aviationist. Il Q-313 ha canard grandi e fissi, con la sezione esterna delle piccole ali inclinata verso il basso.

Il governo del paese ha insistito sul fatto che l'aereo era addirittura "superiore" al Lockheed Martin F-22 Raptor e all'F-35 Joint Strike Fighter e che presto sarebbe stato operativo.

Ma adesso a che punto è lo sviluppo del nuovo caccia si chiede la pubblicazione indiana. 

Il progetto è apparentemente scomparso senza che si sia sentito più parlare della sua fattibilità o dei futuri piani operativi.

Nell'agosto 2018, l'Iran ha presentato il jet da combattimento Kowsar, con il paese che ha affermato che il nuovo jet aveva "avionica avanzata" e radar multiuso, ed è stato "realizzato al 100% in modo autoctono" per la prima volta.

In un'intervista televisiva dopo aver svelato il nuovo jet, il ministro della Difesa iraniano Amir Hatami ha detto: "Abbiamo appreso nella guerra (Iran-Iraq) che non possiamo fare affidamento su nessuno tranne che su noi stessi. Le nostre risorse sono limitate e ci impegniamo a stabilire la sicurezza a un costo minimo".

Quest'anno, a luglio, l'Iran ha annunciato che dopo il "successo" nella produzione dell'aereo da guerra Kowsar, l'aviazione militare del paese ha avviato il processo di produzione di un jet da combattimento pesante autocostruito.

L'aeronautica iraniana è attualmente armata con 20 MiG-29 russi e 23 jet Sukhoi Su-24, circa 17 F-7 Chengdu di fabbricazione cinese (una copia su licenza del MiG-21 sovietico), quasi 50 F-4 di fabbricazione statunitense, 20 Northrop F-5, due dozzine di Grumman F-14 e 9 Mirage F1, che sono ora pesantemente modificati e personalizzati dopo decenni di restrizioni sulle armi degli Stati Uniti.

Gli anni di embargo sulle armi imposto dagli Stati Uniti e dai loro alleati all'Iran hanno privato il paese della tecnologia e delle attrezzature chiave per consentirgli di modernizzare le sue forze armate. Mentre il paese ha compiuto rapidi progressi nello sviluppo missilistico, lo sviluppo di un jet da combattimento di quinta generazione in grado di sfidare la superiorità aerea dei suoi rivali rimane ancora un sogno, conclude The EurAsian Times. 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

L’Iran come la Siria nel 2011? di Francesco Santoianni L’Iran come la Siria nel 2011?

L’Iran come la Siria nel 2011?

L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE di Marinella Mondaini L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE

L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso" di Antonio Di Siena Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva? di Michelangelo Severgnini Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva?

Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva?

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo di Paolo Pioppi Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra