Putin: "Le Sanzioni contro la Russia sono come una dichiarazione di guerra"

Putin: "Le Sanzioni contro la Russia sono come una dichiarazione di guerra"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Dal 2 gennaio la nostra pagina Facebook subisce un immotivato e grottesco blocco da "fact checker" appartenenti a testate giornalistiche a noi concorrenti. Aiutateci ad aggirare la loro censura e iscrivetevi al Canale Telegram de l'AntiDiplomatico

 

Il Presidente russo Vladimir Putin ha rilasciato una serie di dichiarazioni, oggi, durante l'incontro al centro di addestramento di Aeroflot.

 

Sanzioni e No Fly Zone

 

Le sanzioni contro la Russia sono come una dichiarazione di guerra, ma, grazie a Dio, non si è ancora arrivati a questo, e penso che i nostri cosiddetti "partner" abbiano una comprensione di questa minaccia, nonostante le loro affermazioni sconsiderate, come quelle del ministro degli esteri britannico.

Le forze nucleari russe sono state allertate dopo la dichiarazione del ministro degli Esteri britannico.

Quasi l'intera infrastruttura militare dell'Ucraina è stata distrutta, l'eliminazione della difesa aerea è stata praticamente completata.

Siamo grati ai volontari che vengono ad arruolarsi, ma il loro aiuto non è ancora richiesto e, sono certo, non sarà richiesto.

Inoltre, ha avvertito che la Russia considererà la decisione di qualsiasi paese di introdurre una no-fly zone sull'Ucraina come partecipazione a un conflitto militare, e non importa di quali organizzazioni internazionali siano coinvolte.

 

"Le persone in Donbass non sono cani randagi: in questi anni sono state uccise tra le 13.000 e le 14.000 persone"

"Le persone nel Donbass non sono cani da strada: negli anni ne sono stati uccisi tra 13.000 e 14.000 . Più di 500 bambini sono stati uccisi o mutilati", ha lamentato. "Ma la cosa più difficile da tollerare è che il cosiddetto Occidente civile preferisce non accorgersene", ha lamentato Putin. 

Allo stesso tempo, il leader russo ha definito “corretta” la decisione di non limitare l'operazione speciale al territorio del Donbass, dato che le forze ucraine avrebbero continuato a ricevere risorse militari per gli attacchi.

 

"Dovremmo combattere contro la Nato"

In tale contesto, ha sottolineato la minaccia posta al Paese dalla possibile adesione dell'Ucraina alla NATO. "Eseguono operazioni militari nel Donbass e possono anche entrare in Crimea. E poi dovremmo combattere contro l'intera organizzazione della NATO ", ha spiegato.

D'altra parte, ha ricordato che l'Ucraina ha iniziato a manifestare il proprio interesse a rinunciare al suo status di non nucleare e ha ricordato che la Russia non può ignorare tali dichiarazioni. "Da quel preciso momento [quando l'Ucraina diventerà una potenza nucleare], il destino della Russia sarà completamente diverso, perché allora i nostri avversari strategici […] proprio qui ci metteranno sotto tiro nucleare ".

 

La denazificazione dell'Ucraina

Putin ha anche spiegato che l'obiettivo principale dell'operazione russa è proteggere i residenti del Donbass "attraverso la  smilitarizzazione e la denazificazione  dell'Ucraina" per garantirne lo status di neutralità. Per quanto riguarda la denazificazione, Putin ha precisatoche, sebbene esistano radicali anche in territorio russo, la situazione in Ucraina è più complicata dal fatto che questi gruppi sono presenti nelle sfere di governo .

"Se loro [le autorità ucraine] continuano a fare quello che fanno - l'ho detto prima - mettono in dubbio il futuro dell'organizzazione politica ucraina".

 

L'operazione "procede come previsto"

In tale contesto, ha precisato che Mosca potrà raggiungere gli obiettivi previsti impiegando gli elementi attivi delle Forze armate russe e ha assicurato che l'operazione di distruzione dell'infrastruttura militare ucraina è ormai quasi completata. 

Inoltre, ha denunciato i tentativi di manipolare l'opinione pubblica nel territorio della Russia con false informazioni sulla situazione nel paese e sulle azioni delle sue forze armate. Nonostante questo, il Presidente russo ha ribadito che l'operazione "prosegue come previsto" .

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista di Francesco Erspamer  Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Sa(n)remo arruolati in guerra di Giorgio Cremaschi Sa(n)remo arruolati in guerra

Sa(n)remo arruolati in guerra

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?   di Bruno Guigue Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'(ancien) Regime di Antonio Di Siena L'(ancien) Regime

L'(ancien) Regime

Migranti, petrolio e milizie: il gioco delle 3 carte del Fatto Quotidiano di Michelangelo Severgnini Migranti, petrolio e milizie: il gioco delle 3 carte del Fatto Quotidiano

Migranti, petrolio e milizie: il gioco delle 3 carte del Fatto Quotidiano

I giornali preparano la (solita) trappola mortale di Pasquale Cicalese I giornali preparano la (solita) trappola mortale

I giornali preparano la (solita) trappola mortale

I Sonnambuli di oggi  di Giuseppe Masala I Sonnambuli di oggi

I Sonnambuli di oggi

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente di Damiano Mazzotti Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente

Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente