Proteste popolari a Panama contro la licenza di sfruttamento di una miniera di rame

Proteste popolari a Panama contro la licenza di sfruttamento di una miniera di rame

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Una nuova massiccia protesta ha avuto luogo questo giovedì a Panama per respingere la controversa legge approvata dal governo del presidente Laurentino Cortizo, che autorizza una concessione mineraria per lo sfruttamento di una grande miniera di rame.

Migliaia di cittadini panamensi sono scesi in strada in una piovosa giornata pomeridiana per marciare verso la sede della Presidenza della Repubblica. Un altro gruppo si è concentrato nella Cinta Costera, un'arteria che attraversa diverse zone emblematiche della capitale Panama City.

Anche persone dalla provincia di Panama Ovest erano presenti per chiedere l'abrogazione della legge davanti alla sede dell'Assemblea Nazionale. I manifestanti hanno anche gridato slogan nei pressi della tenuta di Cortizo, nella provincia di Colón.

Poco dopo l'inizio delle mobilitazioni, sono arrivati militari e polizia. Secondo i media locali, la polizia ha iniziato ad usare gas lacrimogeni contro i manifestanti, mentre alcuni di loro hanno abbattuto le recinzioni di sicurezza.

I panamensi chiedono soprattutto l'abrogazione della recente legge firmata dal presidente Laurentino Cortizo, che rinnova una concessione ventennale rinnovabile alla Minera Panama, filiale della società canadese FQM. Questa autorizza la compagnia a sfruttare una miniera a cielo aperto in un'area boschiva della provincia di Colon, a circa 120 chilometri da Panama City.

La giovane leader ambientalista Camila Aybar ha denunciato in dichiarazioni alla stampa il controverso "contratto minerario per il saccheggio che stanno facendo delle nostre risorse naturali e che poi portano all'estero".

Secondo Aybar, "la miniera si trova nell'area del Corridoio Biologico Mesoamericano, una delle zone più ricche di biodiversità al mondo, e nel contratto c'è una clausola che permette alla compagnia di fare quello che vuole purché le leggi panamensi non prendano in considerazione altrimenti."

Da parte sua, il leader ambientalista Marcos Santiago ha detto: "Noi panamensi non avremo la sovranità sullo spazio in cui opererà la compagnia mineraria, e praticamente stiamo cedendo Panama a queste concessioni".

In diversi giorni consecutivi di proteste a Panama, tra la folla sono rimbombati slogan come "L'oro di Panama è verde" e "Panama vale di più senza l'estrazione mineraria".

Le manifestazioni si sono intensificate questa settimana, dopo che il presidente ha firmato il contratto venerdì scorso. Insegnanti, gruppi indigeni e sindacati, soprattutto il sindacato più forte del paese, il sindacato Suntrac, e la società civile partecipano alle proteste.

Ci sono state chiusure di autostrade e di alcuni tratti dell'autostrada principale, la Interamericana, nonché scontri con la polizia durante le manifestazioni. È stato registrato anche l'uso di gas lacrimogeni sparati contro i manifestanti.

Le proteste non hanno avuto luogo solo nella capitale, ma anche altre zone del paese hanno espresso la propria contrarietà ai progetti governativi. Secondo quanto reso noto da TVN, a Herrera i manifestanti hanno protestato nonostante una pioggia battente. A Boquete la gente ha camminato per le strade principali in segno di rifiuto del contratto minerario e dell'attività mineraria a Panama. Blocchi stradali simultanei sono stati segnalati anche a San Carlos e Penonomé.

Oltre a ritenere che la legge approvata minacci la conservazione della biodiversità nel Paese centroamericano, gli oppositori sostengono che non risolve le carenze che hanno portato la Corte Suprema di Giustizia nel 2017 a dichiarare incostituzionale un precedente accordo.

La Corte Suprema di Giustizia ha ammesso la causa di incostituzionalità presentata lunedì scorso dall'avvocato Juan Ramón Sevillano Villegas contro il primo degli articoli della legge.

Secondo una dichiarazione emessa giovedì dalla magistratura panamense, il Procuratore Generale avrà 10 giorni lavorativi per emettere un parere. Successivamente, le parti avranno altri 10 giorni per presentare le loro argomentazioni per iscritto, tramite un avvocato, e solo allora verrà preparato un progetto di sentenza e sottoposto all'esame della plenaria della Corte Suprema di Giustizia.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO di Leonardo Sinigaglia Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti