Proteste in Tunisia. Polizia sequestra droni e ingenti somme di denaro per i rivoltosi

Proteste in Tunisia. Polizia sequestra droni e  ingenti somme di denaro per i rivoltosi

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Oggi, il ministero dell'Interno tunisino ha annunciato l'arresto di 6 persone nella capitale che progettavano di distribuire decine di migliaia di dinari ai rivoltosi per compiere atti vandalici.

Il ministero ha affermato in una dichiarazione sul suo sito web ufficiale che "le unità di sicurezza sono state in grado di sequestrare somme di denaro di origine sconosciuta a 6 persone, nell'ambito del mantenimento della sicurezza pubblica e dell'applicazione delle misure necessarie attraverso posti di blocco e monitoraggio".

Il ministero ha indicato nella sua dichiarazione che le unità della Guardia Nazionale nel quartiere di Al-Tadamon hanno arrestato due persone a bordo di un'auto in possesso di 42mila dinari, che intendevano distribuirli ai rivoltosi per commettere sabotaggi, oggi.

E ha aggiunto: "Le unità di sicurezza del distretto di sicurezza nazionale di Jabal Al-Joud hanno arrestato 4 persone nella regione di Ibn Sina, con 94.000 dinari e due droni"

Nel comunicato si precisa che il pubblico ministero ha autorizzato l'adozione di misure legali nei confronti dei detenuti.

Centinaia di poliziotti tunisini hanno transennato oggi un'area nel centro della capitale, in vista di una protesta programmata contro il presidente.

I partiti di opposizione, compreso il partito islamista moderato Ennahda, stanno protestando contro la sospensione dei lavori del parlamento da parte del presidente Kais Saied e la sua assunzione del potere esecutivo, mobilitandosi per riscrivere la costituzione. I manifestanti definiscono la decisone di Saied come un colpo di stato.

Ore prima dell'inizio della protesta, la polizia ha eretto barricate e si è schierata nell'area intorno a Avenue Habib Bourguiba, che è stata a lungo l'epicentro delle manifestazioni, anche durante i moti del 2011.

Decine di auto della polizia si sono fermate nella zona e hanno installato due cannoni ad acqua fuori dall'edificio del Ministero dell'Interno situato sulla stessa strada.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa di Giorgio Cremaschi Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

La decadenza finale dell'occidente (con un intruso) di Marinella Mondaini La decadenza finale dell'occidente (con un intruso)

La decadenza finale dell'occidente (con un intruso)

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

La finanza si "aspetta un terremoto" di Pasquale Cicalese La finanza si "aspetta un terremoto"

La finanza si "aspetta un terremoto"

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti