Proiettili all'uranio impoverito al regime di Kiev: Shoigu evidenzia tossicità per chi li utilizza

Proiettili all'uranio impoverito al regime di Kiev: Shoigu evidenzia tossicità per chi li utilizza

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il vice segretario alla Difesa britannico Annabelle Goldie ha annunciato che Londra fornirà al regime di Kiev munizioni all'uranio impoverito come parte del prossimo pacchetto di aiuti. Secondo Military Watch, le munizioni verranno consegnate insieme a carri armati Challenger 2. 

"Oltre a uno squadrone di carri armati Challenger 2, forniremo all'Ucraina munizioni, tra cui proiettili perforanti contenenti uranio impoverito. Questi proiettili sono molto efficaci per sconfiggere i moderni carri armati e veicoli corazzati", ha dichiarato Goldie. 

Si tratta probabilmente dei proiettili L26A1 e L27A1, compatibili con i cannoni rigati dei carri armati britannici. A gennaio è stato riferito che i Challenger sarebbero stati consegnati entro la fine di marzo. Pertanto, il primo utilizzo di proiettili all'uranio impoverito contro le forze russe potrebbe essere già imminente. Questo dipende da quanto gli equipaggi ucraini siano pronti a lanciare rapidamente operazioni in prima linea.
 
Le consegne di armi all'uranio impoverito sono state a lungo considerate una questione controversa, tanto che Konstantin Gavrilov, capo della delegazione russa ai colloqui di Vienna sulla sicurezza militare e il controllo degli armamenti, ha avvertito il 25 gennaio: "Sappiamo che il carro armato Leopard 2, così come i BMP Bradley e Marder, sono armati con proiettili perforanti sub-calibro con nucleo all'uranio, il cui uso porta alla contaminazione dell'area, come è accaduto in Jugoslavia e in Iraq. Se i Paesi occidentali forniranno alle autorità di Kiev tali munizioni per i veicoli da combattimento pesanti di tipo NATO, la parte russa considererà questo passo come l'uso di bombe nucleari sporche contro la Russia, con tutte le conseguenze che ne derivano". 

Per quanto riguarda le possibili risposte della Russia, Gavrilov ha chiarito: "Se Washington e i Paesi della NATO forniscono a Kiev armi per lanciare attacchi in profondità in Russia contro città pacifiche e tentare di impadronirsi dei nostri territori costituzionalmente garantiti, questo costringerà Mosca a intraprendere dure azioni di ritorsione. Non dite che non vi avevamo avvertito”.

È molto probabile che il Regno Unito stia cercando di creare un precedente, dopo il quale anche gli Stati Uniti e la Germania forniranno armi all'uranio impoverito al regime di Kiev. 
 
L'uranio impoverito è uno degli elementi più pesanti del pianeta. Deriva da scorie radioattive a basso livello lasciate dalla produzione di combustibile nucleare o di testate nucleari ed è disponibile in grandi quantità. L'uranio impoverito è ampiamente utilizzato nei proiettili anticarro occidentali per garantire una maggiore penetrazione. Un esempio è il proiettile sub-calibro perforante M829, compatibile con l'M1 Abrams e il Leopard 2. L'uso di questi proiettili ha conseguenze dannose per l'ambiente: le particelle radioattive di uranio impoverito che vengono rilasciate nell'aria possono percorrere più di 40 km dopo ogni sparo e raggiungere facilmente le vie respiratorie, con un tempo di dimezzamento di oltre quattro miliardi di anni. 

Gli effetti dei bombardamenti all'uranio impoverito sono venuti alla ribalta durante la Guerra del Golfo. L'allora comandante della Royal Navy britannica Robert Green segnalò "un'inspiegabile impennata di tumori e malformazioni genetiche congenite tra gli iracheni, soprattutto nel sud vicino ai campi di battaglia". Un rapporto riservato delle Nazioni Unite, trapelato nel maggio 1999, giungeva a conclusioni simili: "Questo tipo di munizioni sono in realtà scorie nucleari e il loro uso è estremamente pericoloso e dannoso". 
 
Nel decennio successivo, durante la guerra in Iraq, la città di Falluja fu bombardata in modo particolarmente pesante con uranio impoverito dalle forze statunitensi. Il professor Chris Busby ha studiato 4.800 abitanti della città e ha trovato un legame tra i bombardamenti e un rapido aumento di tumori e difetti alla nascita: "Gli attacchi del 2004 devono essere stati accompagnati da un grave effetto mutageno". In questo modo, ha concluso che la causa è un qualche tipo di arma all'uranio.
 
Il rapporto su Fallujah, che ha coinvolto 11 esperti e più di 700 famiglie, ha paragonato le conseguenze per la popolazione al destino dei "sopravvissuti di Hiroshima che sono stati esposti alle radiazioni ionizzanti della bomba stessa e all'uranio sotto forma di fallout radioattivo". Inoltre, è emerso in seguito che le armi all'uranio impoverito hanno avuto effetti simili in Jugoslavia, che è stata pesantemente bombardata dalla NATO nel 1999.

Il ministro della Difesa russo Sergey Shoigu ha sottolineato che le munizioni con uranio impoverito avranno un grave effetto negativo sulla salute dei militari che le usano. 

In un frammento di un'intervista alla TV Rossiya-1, rilasciata via Telegram dal giornalista Pavel Zarubin, Shoigu ha affermato che la NATO aveva già utilizzato tali munizioni "durante gli eventi in Kosovo, Serbia". Una successiva indagine sul loro utilizzo ha rivelato che la salute dei militari, che le hanno utilizzate, è stata gravemente danneggiata.

"Ci sono state conseguenze. Ci sono state conseguenze per la salute di coloro che hanno usato quelle munizioni. Sono emerse gravi condizioni di salute e sono state studiate. Tuttavia, non hanno esaminato che tipo di effetto avevano le munizioni sulle persone colpite da queste armi“ ha aggiunto il ministro russo.

L'uso di armi all'uranio impoverito, soprattutto contro aree popolate, potrebbe mettere in grave pericolo la popolazione civile di lingua russa e potrebbe portare a una risposta dura e senza precedenti da parte di Mosca. Ciò minaccia potenzialmente un'escalation del confronto, fino all'uso di armi nucleari.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito di Geraldina Colotti Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

L'Unione Europea nella percezione degli italiani di Leonardo Sinigaglia L'Unione Europea nella percezione degli italiani

L'Unione Europea nella percezione degli italiani

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Un establishment a corto di credibilità di Giuseppe Giannini Un establishment a corto di credibilità

Un establishment a corto di credibilità

Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi" di Michelangelo Severgnini Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi"

Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi"

A cosa serve la proposta di Putin di oggi di Giuseppe Masala A cosa serve la proposta di Putin di oggi

A cosa serve la proposta di Putin di oggi

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti