"Profitti zero": Siamo alla fase finale

"Profitti zero": Siamo alla fase finale

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Siamo alla fine di un processo iniziato nei primi anni settanta, con la crisi di profittabilità capitalistica (Agnelli disse: “profitti zero”) derivante dal rifiuto del comando sul lavoro di una generazione gloriosa.

Ci si rifugiò in Borsa, molti abbandonarono le loro aziende per tuffarsi a Piazza Affari.

Intervenne il Governo, già alle prese con il conflitto di classe, che inondò di soldi aziende private per salvarle, dissanguando quelle casse pubbliche su cui Cossiga, anni dopo, disse che alla fine degli anni sessanta c’erano talmente entrate pubbliche che non sapevano come spenderle. Per fronteggiare il conflitto di classe, i governi di allora giocarono la carta del salario sociale (sanità, alloggi popolari, welfare, diritto allo studio), ma nulla poterono contro i parassiti della finanza.

Si arrivò al redde rationem nel 1992, fu smantellato tutto, Iri, salario sociale, diritti, flessibilizzazione del lavoro tutto in nome dei vampiri della carta finanziaria.

Ora siamo nel 2022, c’ il caos, la gente si arrangia per motivi sanitari, come in guerra, c’è speculazione dei prezzi. I vampiri toglieranno le ultime risorse di quel che fu la classe medio-piccola, nel mentre i salariati saranno costretti al comando sul lavoro e agli straordinari per pagare bollette e benzina. Triste epilogo di una parabola. La mia generazione non vide in tempo l’arrivo della tempesta, rincoglionita da mode e media.

Si ballava sul Titanic restando inebriati da Maria de Filippi. C’erano no global, popolo viola, girotondini a votare Prodi e gli altri Berlusconi, una commedia degli equivoci andata avanti per 30 anni.

Gli italiani facevano la fila al bancomat nel 2002 festeggiando l’euro, il loro assassinio. Ci fu una minoranza sparuta, come me, che avvertì in tempo il pericolo. Lasciati soli, come novelle Cassandre, eliminati dalla platea sociale, derisi del nostro passato. Ora è lo sfascio, contemplato dai trionfi sulla produzione industriale di oggi, Piazza Affari va a nuovi record, Wall Street siderale, carta finanziaria presso cui si immolano interi popoli. La generazione dell’autunno caldo fece la storia.

La mia generazione andrà presto nell’oblio, come scarto della storia. Se scrivo è perché voglio analizzare questo processo iniziato nei primi anni settanta. Non so come andrà a finire, i presupposti sono tutti tragici. Nè si vede organizzazione in giro. Sperando nelle nuove generazioni, che prendano il testimone non della mia, ma di quella passata, la storia dei vinti da millenni, per riscattarsi, per riscattarli.

 

P. s. Pasquale Cicalese ha aperto un suo blog Pianocontromercato.it dove raccoglierà tutti gli scritti della sua lunga produzione scientifica. 

Pasquale Cicalese

Pasquale Cicalese

 

Economista. Ha aperto un canale telegram: pianocontromercato
 
 

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan... di Francesco Santoianni Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano di Savino Balzano Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

30 anni di pagliacci. E' il lavoro la misura di ogni cosa di Pasquale Cicalese 30 anni di pagliacci. E' il lavoro la misura di ogni cosa

30 anni di pagliacci. E' il lavoro la misura di ogni cosa

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"... di Antonio Di Siena In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

Privatizzazioni e imprese di stato. Fact Checking completo di Gilberto Trombetta Privatizzazioni e imprese di stato. Fact Checking completo

Privatizzazioni e imprese di stato. Fact Checking completo

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti