Primo viaggio ufficiale della Truss: al centro l'impegno per sostenere l’Ucraina

Primo viaggio ufficiale della Truss: al centro l'impegno per sostenere l’Ucraina

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Il primo ministro britannico Liz Truss si impegnerà in un vertice delle Nazioni Unite a raggiungere o superare i 2,3 miliardi di sterline (2,6 miliardi di dollari) di aiuti militari per l’Ucraina nel prossimo anno, raddoppiando il suo sostegno a Kiev.

Truss, durante la sua prima visita internazionale come primo ministro, farà appello ad altri leader dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite a New York per aiutare a porre fine alla morsa dell'energia russa sull'Europa, dicendo che ha permesso a troppe vite di essere "manipolate".

Il suo viaggio a New York, poche ore dopo il funerale della regina Elisabetta, è il primo evento importante al quale parteciperà la politica britannica, dopo il periodo di lutto nazionale per la morte della Regina Elisabetta II

Oltre ad armare l’Ucraina, la premier dovrà anche definire un nuovo pacchetto di sostegno energetico per le imprese, un piano per aiutare il servizio sanitario nazionale e tagli fiscali tanto promessi.

A New York, domani, Truss incontrerà il presidente degli Stati Uniti Joe Biden, dove la leader britannico prometterà nuovamente il suo sostegno all'Ucraina che, secondo lei è riuscita a respingere le forze russe con l'aiuto dell'esercito occidentale.

"Il mio messaggio al popolo ucraino è questo: il Regno Unito continuerà ad essere con voi in ogni fase del percorso. La vostra sicurezza è la nostra sicurezza", ha dichiarato nel suo primo discorso.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE di Marinella Mondaini L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE

L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA di Alberto Fazolo 28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso" di Antonio Di Siena Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva? di Michelangelo Severgnini Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva?

Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva?

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo di Paolo Pioppi Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti