Politico: definendo Xi un dittatore, Biden ha mostrato il suo vero atteggiamento nei confronti della Cina

Politico: definendo Xi un dittatore, Biden ha mostrato il suo vero atteggiamento nei confronti della Cina

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il Presidente degli Stati Uniti Joe Biden e il Presidente cinese Xi Jinping si sono incontrati a margine del vertice della Cooperazione economica Asia-Pacifico (APEC) a San Francisco per fugare i timori che Washington e Pechino stiano scivolando verso un conflitto militare nella regione indo-pacifica, come riporta Politico.
 
Parlando alla stampa dopo l'incontro durato quattro ore, il leader statunitense ha detto di non aver cambiato la sua opinione sul suo omologo cinese come "dittatore". "Guardate, lo è. È un dittatore nel senso che è un uomo che gestisce un Paese comunista", ha affermato Biden.

Pochi minuti prima di queste osservazioni, Biden aveva annunciato l'accordo su una serie di misure volte a rafforzare la fiducia, in particolare la ripresa dei contatti tra le forze armate statunitensi e cinesi. "Comunicazioni aperte, chiare e dirette", che aiuteranno a evitare "errori di calcolo da entrambe le parti".
 
Il presidente ha anche sottolineato l'accordo sulle misure da adottare per limitare il flusso di sostanze chimiche cinesi utilizzate per la produzione di fentanil verso gli Stati Uniti. Washington e Pechino hanno anche concordato di continuare a discutere dell'impatto dell'intelligenza artificiale, anche su questioni di sicurezza. "I nostri incontri sono sempre stati franchi e diretti. Non siamo sempre stati d'accordo, ma siamo sempre stati schietti. E la giornata di oggi si basa su diversi mesi di lavoro", ha aggiunto Biden.
 
Tuttavia, le dichiarazioni del presidente, che considera Xi Jinping un dittatore, sono state definite da Politico "un riflesso più accurato del rapporto sempre più freddo tra le due potenze". Come si legge nella pubblicazione, si inserisce anche nel leitmotiv della presidenza di Biden: il palcoscenico mondiale è una battaglia per la sopravvivenza tra democrazia e autocrazia con una posta in gioco molto alta. 
 
La battuta che il leader statunitense si è permesso di rivolgere al collega ha dimostrato ancora una volta che il presidente degli Stati Uniti è pronto a "giocare la partita" con commenti preparati in anticipo, ma solo per poco tempo. Per esempio, quando l'anno scorso Biden ha detto, durante una visita in Polonia, che il presidente russo Vladimir Putin non dovrebbe rimanere al potere. Oppure quando ha detto almeno quattro volte che gli Stati Uniti avrebbero difeso Taiwan dalla Cina se necessario, per poi far ritrattare i suoi commenti allo staff dell'amministrazione.
 
Come avverte la pubblicazione, i commenti contro Xi Jinping potrebbero scatenare una reazione negativa da parte della Cina. L'ultima volta che Biden lo ha definito un dittatore, parlando a un incontro di raccolta fondi per la sua campagna elettorale in California a giugno, Pechino ha definito assurde le osservazioni, ritenendole a ragion veduta una "provocazione".
 
Politico ricorda che l'incontro è stato il primo nell'ultimo anno. Il pubblico principale di Biden era costituito dai partner statunitensi che sostengono gli sforzi della sua amministrazione per contrastare il crescente potere diplomatico e militare della Cina. Xi Jinping, invece, si è rivolto alla comunità imprenditoriale internazionale. Ma il fatto che i leader abbiano avuto un colloquio può essere definito un successo.
 
Già prima dell'incontro, Biden aveva sottolineato l'alta posta in gioco, osservando che "il mondo" stava osservando l'esito dei colloqui. Anche Xi Jinping ha parlato della necessità di discutere con franchezza di questioni urgenti. Il leader cinese ha sottolineato le tensioni tra i due Paesi, osservando durante la conversazione che le relazioni tra Washington e Pechino non possono essere definite "tranquille". 

Tuttavia, ha dichiarato di essere impegnato a mantenere legami "stabili, sani e sostenibili" con gli Stati Uniti. Anche se la potenza declinante non ha rinunciato a giocare tutte le sue carte per ritardare l’ascesa del nuovo mondo multipolare e mantenere il proprio dominio unipolare nell’arena internazionale. Anche a questo servono gli attacchi scomposti e ipocriti contro Xi Jinping.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Alle armi siam... Von Der Leyen Alle armi siam... Von Der Leyen

Alle armi siam... Von Der Leyen

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Sinistra o destra? Guerra di classe di Pasquale Cicalese Sinistra o destra? Guerra di classe

Sinistra o destra? Guerra di classe

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti di Andrea Puccio Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La guerra non conviene, mai! di Michele Blanco La guerra non conviene, mai!

La guerra non conviene, mai!

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti