Peter Kennard - Come la mia arte è stata censurata nel Regno Unito per non irritare Pinochet

Peter Kennard - Come la mia arte è stata censurata nel Regno Unito per non irritare Pinochet

Foto 'Stadio Santiago 1'. Fotomontaggio di Peter Kennard. Questa immagine fu nascosta dallo staff del Barbican in modo che i funzionari di Pinochet non dovessero vederla mentre si recavano all'incontro con i banchieri britannici nel 1985.

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Cinquant'anni dopo il colpo di stato omicida in Cile, il più importante artista politico del Regno Unito, Peter Kennard, racconta come il Barbican censurò il suo lavoro per placare gli alti funzionari della finanza cilena e i banchieri britannici.

di Peter Kennard* - Declassified UK


L'11 settembre 1973 un colpo di stato militare guidato dal generale Augusto Pinochet e sostenuto dalla CIA e dalle grandi imprese rovesciò il governo costituzionale del Cile e inflisse 17 anni di terrore al popolo cileno. 

Salvador Allende, il cui governo socialista di “Unidad Popular” aveva nazionalizzato alcuni dei beni e delle risorse chiave del paese, morì nel colpo di stato e fu istituito un regime militare fascista in cui migliaia furono torturati, assassinati e “scomparsi” (sequestrati dalle loro case) da delinquenti militari e mai più visti).

Ho subito iniziato a creare dei disegni al riguardo. 

Poi, nel 1985, ho tenuto una mostra retrospettiva intitolata "Images Against War 1965-1985" al Barbican Arts Centre di Londra in concomitanza con la produzione di War Plays di Edward Bond nel teatro della sede.

Ma il giorno prima dell'apertura della mostra, Henry Wrong [sic], il direttore del centro, si è avvicinato a me e mi ha chiesto che due dei fotomontaggi, "Stadio Santiago" 1 e 3, venissero rimossi immediatamente. Entrambe le opere furono realizzate nel 1973 in risposta al colpo di stato militare in Cile, descrivendo la sanguinosa repressione e gli omicidi che seguirono. 

L'opera di Peter Kennard contro il regime di Pinochet viene censurata utilizzando una coperta di feltro dopo che lui si rifiutò di toglierla, il 17 luglio 1985. (Foto: fornita)

La ragione per cui Wrong voleva che le immagini del Cile sparissero era che la Midland Bank (come era conosciuta allora, ora è HSBC) aveva affittato il cinema Barbican per un incontro tra alcuni funzionari finanziari di Pinochet e banchieri britannici. Per accedere al cinema avrebbero dovuto passare davanti alla mia mostra. Mi sono rifiutato di rimuovere le due opere, così come hanno fatto le persone che avevano appena allestito la mostra.

Poi, la mattina dopo, sono andato a vedere che il quadro più grande, a cui avevano contestato, era coperto da una coperta di feltro mangiata dalle tarme. Era appeso a un soffitto alto e doveva essere stato troppo difficile rimuoverlo. Quello più piccolo era stato svitato dal muro e smontato. 

Il giorno successivo, l' Evening Standard scrisse:

“La mostra di Peter Kennard, Images Against War, al Barbican Center dovrebbe forse essere ribattezzata. Images Against Censorship potrebbero non essere troppo lontano dal bersaglio. Tuttavia, un portavoce del Barbican ha detto al giornale: “Speriamo di accogliere Peter Kennard. È la sua mostra. Non esercitiamo censura”. In realtà assecondarono il regime fascista e censurarono l'artista.

All'inizio ero così infuriato che stavo per ritirare l'intera mostra, ma poi ho deciso di lasciarla così come l'hanno vista i cileni, con la coperta che copriva l'immagine e uno spazio vuoto. L’opinione pubblica poteva vederla come un’altra dichiarazione contro il golpe, il regime e i suoi finanziatori. 

"Prigionieri scomparsi". Fotomontaggio di Peter Kennard. (Collezione: Tate)

 

Metodo artistico 

L'arte era il mio tentativo di esprimere la mia indignazione per l'orrore del colpo di stato e delle sue conseguenze. Scomponendo gli elementi presenti nelle fotografie del Cile, tagliandoli e ricostituendoli, è stata creata una narrazione critica della violenza militare e della sua opposizione. 

Le immagini risultanti non sono specchi documentari, anche se alcuni dei miei fotomontaggi utilizzano fotografie di documentaristi e fotografi cittadini che lavoravano coraggiosamente in situazioni di pericolo di vita. Correvano pericoli mentre lavoravo nel mio studio cercando di collegare le loro fotografie alle forze che creano l'oppressione che le loro immagini documentano. I mediatori di potere dietro la sofferenza si rivelano nella stessa cornice delle loro vittime.

"Complicità britannica". Fotomontaggio di Peter Kennard.

Le mie immagini furono usate di nuovo nel dicembre 1998. I manifestanti, con in mano cartelli illustrati con le mie immagini sui diritti umani, manifestarono davanti al tribunale di massima sicurezza di Belmarsh a Londra. Pinochet sarebbe dovuto comparire dopo essere stato arrestato su mandato internazionale emesso dal giudice spagnolo Baltasar Garzón. Ricordo il brivido nella folla dei manifestanti – molti dei quali cileni che avevano sofferto sotto la sua dittatura – quando un'auto con i finestrini oscurati lo portò dentro il tribunale.

Nel gennaio 2000, il ministro degli Interni laburista Jack Straw stabilì finalmente che, per motivi di salute, Pinochet non doveva essere estradato e che era libero di tornare in Cile, dove all'arrivo si alzò trionfante dalla sedia a rotelle mentre i suoi sostenitori esultavano.

Sono sicuro, anche se sarebbe stato felice di tornare nel paese dove aveva massacrato e torturato migliaia di persone, che gli sarebbe mancato il suo consueto tè pomeridiano con la sua amica Margaret Thatcher. Qualche settimana prima aveva parlato del “debito” che il Regno Unito aveva nei confronti di Pinochet e, tra gli applausi dei delegati alla conferenza del Partito conservatore, aveva parlato del suo “rapimento giudiziario” da parte di Baltasar Garzón.

Peter Kennard (al centro) e altre persone davanti alla corte di di Belmarsh protestano dietro le immagini della sua serie "Unwords" mentre attendono l'arrivo di Pinochet, Londra, 12 dicembre 1998. (Foto: fornita)

Peter Kennard (al centro) e altri alla corte di magistratura di Belmarsh protestano dietro le immagini della sua serie "Unwords" mentre attendono l'arrivo di Pinochet, Londra, 12 dicembre 1998. (Foto: fornita)

Censura peggiore

Nel 1978 avevo realizzato una mostra di 30 fotomontaggi "Un documento sul Cile" con testo di Ric Sissons per il Workshop di fotografia Half Moon. Raccontava la storia del Cile dagli anni precedenti Allende, i tre anni del suo governo di Unità Popolare fino alla barbarie del governo di Pinochet.

La mostra era laminata in plastica e viaggiava in una custodia che poteva essere spedita a buon mercato nel bagagliaio di un treno. Ha viaggiato per il paese visitando centri comunitari, università, club giovanili e persino una lavanderia automatica.

Per celebrare il cinquantesimo anniversario del colpo di stato, la mostra sarà allestita questa settimana in una galleria di Londra. Purtroppo, dopo 45 anni, nulla è cambiato. 

I mecenati dell’arte contemporanea, i Medici di oggi, sono le multinazionali e i collezionisti d’arte super ricchi. Danno l'impressione di sostenere opinioni dissidenti e la libertà di espressione, ma se c'è il pericolo che il tuo lavoro sponsorizzato incoraggi anche un minimo di dibattito critico, sei fuori dalla porta. Gli sponsor sono lì per aumentare “l’umore degli acquisti”.

"Gli indiani Mapuche si impadroniscono della terra". Fotomontaggio di Peter Kennard.

La censura della cultura è qualcosa di cui non si parla nel libero mercato. Ma nelle arti visive è un fattore sempre più determinante per ciò che le persone possono vedere negli spazi pubblici. Le mostre non possono aver luogo se non sono sponsorizzate. Non molto tempo fa, la Tate ha avuto difficoltà anche a trovare uno sponsor per una mostra di Francis Bacon, poiché il lavoro sembrava un po’ troppo viscerale per essere sostenuto dagli azionisti.

Il Barbican, che tanti anni fa censurò la mia arte antifascista, è un altro esempio: è di proprietà, finanziato e gestito dalla City of London Corporation. 

Il potere aziendale governa nel mondo dell’arte britannico. E la sua censura nei confronti di qualsiasi punto di vista dissidente è ancora più completa oggi di quanto lo fosse nel 1985. La buona notizia è che la prossima generazione di artisti sta lottando per spezzare la morsa delle multinazionali e degli investitori sulle industrie creative. È fondamentale che ci riescano.

"Pinochet guida un colpo di stato militare". Fotomontaggio di Peter Kennard.

*Artista e professore di arte politica al Royal College of Art di Londra. Il suo lavoro è nella collezione della Tate e del V&A, tra gli altri.

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino" di Clara Statello Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino"

Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino"

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Fino a quando potranno impedire le elezioni in Libia?  di Leonardo Sinigaglia Fino a quando potranno impedire le elezioni in Libia?

Fino a quando potranno impedire le elezioni in Libia?

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

I più fessi d'Europa di Gilberto Trombetta I più fessi d'Europa

I più fessi d'Europa

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi di Pasquale Cicalese Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti