Peskov: la Russia non può più sopportare "una graduale invasione NATO dell'Ucraina"

Peskov: la Russia non può più sopportare "una graduale invasione NATO dell'Ucraina"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Mosca non può più sopportare "una graduale invasione NATO dell'Ucraina", ha affermato il portavoce presidenziale russo Dmitry Peskov in un'intervista all’emittente statunitense CNN.

"Stiamo assistendo a una graduale invasione della NATO del territorio dell'Ucraina con le sue infrastrutture, i suoi istruttori, forniture di armi difensive e offensive, addestramento dell'esercito ucraino”, ha denunciato Peskov.

"E questo è stato il motivo principale per cui il presidente Putin ha detto: ‘Questa è una vera minaccia per noi'. E inoltre rappresenta una vera minaccia alla stabilità e alla sicurezza in Europa e all'architettura della sicurezza europea”, ha poi aggiunto il portavoce del Cremlino. 

Peskov ha poi sottolineato che la Russia ritiene necessario lasciare le sue truppe vicino al confine con l'Ucraina, perché questa è una misura precauzionale e una reazione alla tensione nella regione, all'atmosfera ostile "creata da varie esercitazioni NATO, caccia della NATO Nato e aerei spia, l'avanzamento delle infrastrutture della NATO" fino ai confini del Paese.

"La NATO, nella nostra comprensione, è un'organizzazione creata per il confronto, non per la difesa. E la NATO non è una colomba di pace, stabilità e prosperità. E quest'arma di confronto si avvicina sempre di più ai nostri confini ogni giorno", ha detto Peskov, ribadendo la chiara posizione della Russia sull’avanzamento minaccioso dell’alleanza atlantica ai confini di Mosca. 

Per questo motivo la Russia e l'Occidente sono "su binari totalmente diversi”, ha aggiunto. 

"Ci sono alcune intese tra noi", ha detto Peskov. "Ma in generale, in linea di principio, possiamo ora dire che stiamo rimanendo su binari diversi, su binari totalmente diversi, e questo non è positivo, è inquietante".

Secondo Bloomberg, Peskov ha chiesto ancora una volta garanzie giuridicamente vincolanti che l'Ucraina non diventerà un membro della NATO.

Il 17 dicembre 2021, il ministero degli Esteri russo ha pubblicato un progetto di accordo sulle garanzie di sicurezza tra la Russia e gli Stati Uniti e un progetto di accordo per garantire la sicurezza della Russia e degli Stati membri della NATO. Le misure proposte includono garanzie che la NATO non avanzerà verso est, compresa l'adesione dell'Ucraina e di altri paesi nell'alleanza.

Il progetto di accordo prevede anche restrizioni sul dispiegamento di armi offensive, comprese quelle nucleari. 

Le consultazioni sulla questione hanno avuto luogo a Ginevra il 10 gennaio, seguite da una riunione del Consiglio Russia-NATO a Bruxelles il 12 gennaio e una sessione del Consiglio permanente dell'Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE) a Vienna il 13 gennaio, ma le parti sono rimaste distanti. 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Alle armi siam... Von Der Leyen Alle armi siam... Von Der Leyen

Alle armi siam... Von Der Leyen

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

Gli "utili idioti" del sistema? di Leonardo Sinigaglia Gli "utili idioti" del sistema?

Gli "utili idioti" del sistema?

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

La Hybris umana e il miraggio della Pace di Giuseppe Masala La Hybris umana e il miraggio della Pace

La Hybris umana e il miraggio della Pace

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Tassare i ricchi di Michele Blanco Tassare i ricchi

Tassare i ricchi

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti