Perché la Nigeria ha annunciato sospensione di Twitter?

Perché la Nigeria ha annunciato sospensione di Twitter?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Le autorità nigeriane hanno decretato ieri  la sospensione a tempo indeterminato dell'attività di Twitter nel Paese, dopo che la società ha cancellato un tweet del presidente della nazione e congelato temporaneamente il suo account.

Secondo una dichiarazione del Ministero dell'Informazione e della Cultura, emessa ieri, quella rete è stata utilizzata "per attività in grado di minare l'esistenza commerciale della Nigeria ". Inoltre, il governo federale ha incaricato la National Broadcasting Commission di "avviare immediatamente il processo di sospensione di tutte le operazioni OTT e dei social media in Nigeria". Il ministero ha pubblicato l'annuncio sul proprio account Twitter.

Non è specificato quando tale misura entrerà in vigore nel Paese più popoloso dell'Africa. La notizia ha suscitato indignazione tra i cittadini della Nigeria, dove la rete è molto popolare, e ha fatto sì che l'hashtag '#TwitterBan' diventasse una tendenza.

Twitter ha reagito alla sospensione delle sue operazioni nel Paese e ha sostenuto che l'annuncio ufficiale è "profondamente preoccupante". "Stiamo indagando e forniremo aggiornamenti quando ne sapremo di più " , ha affermato  la società al Washington Post.

Tweet

Mercoledì scorso Muhammadu Buhari ha pubblicato un tweet in cui prometteva di rispondere agli attacchi compiuti contro stazioni di polizia, edifici governativi e uffici elettorali nel sud-est del Paese. Il governo attribuisce tali atti di aggressione al gruppo armato Eastern Security Network, presumibilmente parte del movimento per l'indipendenza degli indigeni del Biafra, sebbene tale gruppo abbia ripetutamente negato qualsiasi partecipazione.

"Molti di coloro che oggi si comportano male sono troppo giovani per rendersi conto della distruzione e della perdita di vite avvenute durante la guerra del Biafra", ha scritto il presidente, aggiungendo in seguito che "coloro che sono stati nei campi per 30 mesi, che hanno attraversato la guerra, li tratterà in una lingua che capiranno ".

Con questo Buhari ha fatto riferimento al conflitto armato iniziato nel 1967, di fronte al tentativo di secessione di diverse province sotto il nome della Repubblica del Biafra, e che costò la vita a un milione di persone. Durante quella guerra, il presidente era un membro dell'esercito che combatteva contro i secessionisti.

Poco dopo, Twitter ha affermato che la pubblicazione del presidente ha violato la sua politica sui "comportamenti abusivi" , per cui ha proceduto alla sua eliminazione e alla sospensione dell'account del presidente per 12 ore.

Da parte sua, il ministro dell'Informazione nigeriano Lai Mohammed ha dichiarato che "Twitter può avere le sue regole", ma "non è una regola universale". "Se il presidente di qualsiasi parte del mondo si sente molto male e preoccupato per una situazione, è libero di esprimere le sue opinioni", ha ricordato.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano di Savino Balzano Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato di Pasquale Cicalese Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"... di Antonio Di Siena In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...