Per la costruzione di un Fronte politico costituzionale

Per la costruzione di un Fronte politico costituzionale

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

I risultati elettorali del 25 settembre, nonostante l'enfasi della destra, non delineano un quadro di sconfitta delle forze di opposizione che hanno combattuto il governo Draghi. L'esito elettorale è dovuto essenzialmente a un partito marcio fino al midollo, il PD, che ha bloccato ogni possibilità di contrapposizione di un ampio fronte politico e sociale all'avanzata della marea meloniana eterodiretta dai poteri liberisti a atlantisti.

Quando parliamo di sconfitta bisogna perciò valutare bene i rapporti di forza reali e questi ci dicono che i non votanti, comprensivi delle schede bianche e nulle, sono stati il  45% degli aventi diritto e la tenuta di Conte rappresenta, sulla base del programma annunciato dopo il voto, un punto di appoggio importante per la ricostruzione di un'opposizione all'altezza della situazione. Quando si dice punto di appoggio non si intende però che da oggi siamo tutti grillini, ma che il ruolo dei 5Stelle potrà essere trainante nello scontro e aggregare, come diremo più avanti un più ampio fronte politico e di lotte.

Se dal punto di vista generale i rapporti di forza ci dicono che numericamente la destra non è maggioritaria tra gli italiani (ne rappresenta meno il 30%) si mette in evidenza che è possibile stabilire nello scontro politico che ci aspetta una controtendenza che può incidere sui prossimi avvenimenti. Su questo dobbiamo avere fiducia anche perchè il nostro avversario ha problemi interni e oggettivi che premono.

Il fronte meloniano difatti non solo non può fidarsi dei suoi stessi alleati, ma non è in grado di manovrare in una situazione di forte crisi economica e internazionale. Che fine farà la Meloni di fronte a quell'elettorato popolare che l'ha individuata come alternativa alla logica del draghismo? Rischia, molto probabilmente, di farsi ricadere sui piedi il masso che ha sollevato portandola a palazzo Chigi. Su questi dati bisogna dunque ragionare e impostare il programma delle lotte che ci attendono. Lotte politiche e lotte rivendicative.

Sul piano politico non dobbiamo dimenticarci delle due cose essenziali, la guerra e le caratteristiche di Fratelli d'Italia. Sulla guerra c'è un enorme ritardo nelle iniziative e, come più volte abbiamo denunciato, a pesare sui ritardi concorre la posizione ambigua di una sinistra pacifista che invece di unire nella lotta contro il nemico vero, gli Stati Uniti d'America, falsificando la realtà accetta la posizione dell'avversario sulle responsabilità della Russia nel conflitto in Ucraina. Questa scelta crea confusione e indebolisce la risposta di chi è contro la guerra.

Dopo Draghi, Meloni è la nuova leader che eredita il testimone della guerra ed è intenzionata a portarla avanti aderendo completamente al diktat americano e NATO. Adesso il nemico ha dunque un volto e un nome contro il quale bisogna scatenare la rabbia degli italiani che sono contro la guerra e le sue conseguenze economiche. Ma la Meloni non è un avversario qualsiasi, bensì è espressione di quel post-fascismo che, non per caso, non ha rinunciato alla fiamma tricolore. FdI non è un partito costituzionale, ma la sopravvivenza di un'eredità che ne definisce la natura potenzialmente eversiva. Nella lotta bisogna tenerne conto e non arretrare rilasciando patenti di democraticità.  L'Italia repubblicana e antifascista è stata sfidata e umiliata dal risultato di Fratelli d'Italia. Nel luglio 1960 la sfida fu raccolta con successo. Si vedrà ora se il movimento democratico e antifascista sarà in grado di rispondere allo stesso modo. E questo potrà avvenire se sapremo coniugare, senza retorica, lotte sociali e antifascismo inteso come opposizione dura a quello che la Meloni e la destra rappresentano nel programma e nella gestione del governo.

Diceva però il saggio che per attraversare il fiume bisogna costruire un ponte. E' il caso dunque di pensare a come articolare l'opposizione a partire dai risultati del 25 settembre. A sinistra il risultato è stato l'apertura della crisi di egemonia del PD, la stabilizzazione di Conte e dei 5Stelle che diventano il riferimento di fatto dell'opposizione e  la scomparsa delle liste acchiappavoti che hanno cercato, senza successo, di pescare in un'area di opposizione che alla fine si è dimostrata inconsistente.

Questi dati servono a valutare come affrontare una situazione che si mostra piuttosto interessante. Da una parte c'è la salutare crisi del PD che per fortuna sembra essere arrivato al capolinea. Sull'esito di questa crisi non si possono nutrire speranze. Si tratta di una macerazione interna che non offre sbocchi positivi perchè che le cricche che si confrontano sono profondamente liberiste e atlantiste. Il 'rinnovamento' sarà pura finzione.

La questione centrale rimane quella dei 5Stelle che si stanno configurando come un vero partito di opposizione e ciò può stimolare un raggruppamento di forze più consistente del 15% preso da Conte nelle urne.

Alla vigilia del voto avevamo previsto che la tenuta di Conte avrebbe innescato un processo nuovo a sinistra superando i sussulti elettoralistici minoritari e  delineando una forza di opposizione vera che mette in crisi anche il ruolo storico del PD. A elezioni avvenute, sulla base dei risultati ottenuti sul campo, possiamo mettere mano alla definizione di un grande fronte costituzionale che ponga fine all'abbraccio mortale piddino e apra la strada alla riorganizzazione di ampi settori popolari, democratici e progressisti, definendo anche un programma che sia basato sui punti qualificanti della Costituzione del 1948: l'articolo 11 sulle relazioni internazionali, il carattere non liberista dell'economia e i principi che tutelano i lavoratori e i cittadini. Partire dunque sa questa piattaforma, che non è un elenco della spesa, ma una stella polare per tutto il costituendo fronte costituzionale.

Per ottenere il risultato bisogna però lavorare con una visione lucida su come procedere. Quando si parla di ampio fronte costituzionale (e antifascista) bisogna superare vecchi schemi e capire quali forze convogliare e in quali forme. A questo proposito quando Rosy Bindi e altri lanciano un appello all'unità della sinistra, aldilà delle intenzioni, ci portano fuori strada. Oggi nessuna unità è possibile con le forze liberiste e atlantiste rappresentate dal PD. Conte lo afferma, speriamo che mantenga il punto.

La sinistra popolare, democratica e pacifista è ben altra cosa. E' questa sinistra che va oggi organizzata in forma permanente per una prospettiva che vada oltre gli orizzonti attuali e finalmente  faccia uscire l'Italia da ipotesi minoritarie e velleitarie come quelle vissute con le elezioni del 25 settembre. Non è facile né scontato, ma ci auguriamo che si confermi ancora una volta il fatto che non è possibile riportare indietro la ruota della storia.

 

Aginform

4 ottobre 2022

Alle armi siam... Von Der Leyen Alle armi siam... Von Der Leyen

Alle armi siam... Von Der Leyen

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Sinistra o destra? Guerra di classe di Pasquale Cicalese Sinistra o destra? Guerra di classe

Sinistra o destra? Guerra di classe

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti di Andrea Puccio Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti