Pepe Escobar - Donetsk, Avdeyevka, Mariupol, sulla strada elettorale nel Donbass

Pepe Escobar - Donetsk, Avdeyevka, Mariupol, sulla strada elettorale nel Donbass

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di Pepe Escobar – Sputnik

[Traduzione a cura di: Nora Hoppe]

Hanno aspettato 10 lunghi e strazianti anni per votare in queste elezioni. E hanno votato, in massa, certificando una rielezione schiacciante per il leader politico che li ha riportati nella Madre Russia. VVP può ora essere ampiamente indicato come il signor 87%. A Donetsk, l'affluenza è stata ancora più alta: 88,17%. E non meno del 95% ha votato per lui.

Seguire il processo elettorale russo nel Donbass è stata un'esperienza profondamente illuminante – e commovente. Davanti ai nostri occhi, tutto il peso della campagna di denigrazione collettiva dell'Occidente è stato ad un tratto inghiottito dal ricco suolo nero della Novorossiya. L'organizzazione impeccabile, la piena trasparenza del voto, l'entusiasmo degli addetti ai seggi e degli elettori hanno sottolineato la gravità storica del momento politico: allo stesso tempo, tutto era avvolto da un'impalpabile sensazione di silenziosa esultanza.

Si trattava ovviamente di un referendum. Il Donbass rappresenta un microcosmo della solida coesione interna dei cittadini russi intorno alle politiche del Team Putin – e allo stesso tempo condivide un sentimento vissuto dalla stragrande maggioranza del Sud Globale. La vittoria di VVP [Vladimir Vladimirovich Putin] è stata in effetti una vittoria della Maggioranza Globale.

Ed è proprio questo che sta facendo andare in apoplettica la meschina Minoranza Globale. Con la più alta affluenza alle urne dal 1991, gli elettori russi hanno inflitto una pesante sconfitta strategica agli omuncoli intellettualoidi che si spacciano per "leadership" occidentale – probabilmente la classe politica più mediocre degli ultimi 100 anni. Hanno votato per un sistema di relazioni internazionali più equo e stabile, per il multipolarismo e per una vera leadership da parte di Stati civilizzati come la Russia.

VVP ha ottenuto l'87% dei voti, seguito di gran lunga dai Comunisti, con il 3,9%. È un dato significativo, perché questo 91% rappresenta un rifiuto totale del "futuro" plutocratico globalista di Davos/Grande Reset immaginato dallo 0,001%.

Avdeevka: Votare sotto una devastazione totale

Il secondo giorno delle elezioni, alla sezione 198 nel centro di Donetsk, non lontano dal Palazzo del Governo, è stato possibile misurare appieno la fluidità e la trasparenza del sistema – anche se Donetsk non è stata risparmiata dai bombardamenti, nel tardo pomeriggio e nella prima serata dell'ultimo giorno di votazioni.

In seguito, un pit-stop strategico in un mini-market del quartiere. Yuri, un attivista, stava comprando un carico completo di uova fresche da trasportare ai civili quasi affamati che ancora rimangono ad Avdeevka. Dieci uova costavano l'equivalente di un dollaro e quaranta centesimi.

A Yasinovata, molto vicino ad Avdeevka, visitiamo la MBOU, o scuola numero 7, ricostruita in modo impeccabile dopo i continui bombardamenti. La direttrice, Ludmilla Leonova, una donna straordinariamente forte, mi accompagna in una visita guidata della scuola e delle sue nuovissime aule di chimica e biologia, con un caratteristico alfabeto sovietico che decora l'aula di lingua russa. Le lezioni, si spera, riprenderanno in autunno.

Vicino alla scuola è stato allestito un centro profughi per coloro che sono stati portati da Avdeevka. Tutto è pulito e curato. Le persone vengono trattate, inserite nel sistema e poi aspettano i documenti necessari. Tutti vogliono ottenere un passaporto russo il prima possibile.

Per il momento, alloggiano in dormitori, circa 10 persone per stanza. Alcuni sono arrivati da Avdeevka, miracolosamente, con le proprie auto: ci sono alcune targhe ucraine in giro. Invariabilmente, l'aspettativa generale è quella di tornare ad Avdeevka, quando inizierà la ricostruzione, per ricostruire le loro vite nella loro città.

Poi, la strada per Avdeevka… Niente, assolutamente niente ci prepara ad affrontare la devastazione totale. In quasi 40 anni di lavoro come corrispondente estero, non ho mai visto nulla di simile – nemmeno in Iraq. All'ingresso non ufficiale di Avdeevka, accanto allo scheletro di un edificio bombardato e ai resti di una torretta di carro armato, le bandiere di tutti i battaglioni militari che hanno partecipato alla liberazione sventolano al vento.

Ogni edificio in ogni strada è almeno parzialmente distrutto. Alcuni residenti rimasti si riuniscono in un appartamento per organizzare la distribuzione di beni di prima necessità. Trovo un'icona miracolosamente conservata dietro la finestra di un appartamento al piano terra bombardato.

I droni FPV si aggirano in attesa – rilevati da un dispositivo portatile, e la nostra scorta militare è in stato di massima allerta. Entrando in un appartamento al piano terra che viene tenuto come una sorta di mini deposito di cibo – che ospita le donazioni di Yasinovata o dei militari – scopriamo che quella stessa stanza, al mattino, era stata trasformata in un seggio elettorale. È lì che hanno votato i pochissimi abitanti di Avdeevka rimasti.

Un uomo quasi cieco accompagnato dal suo cane spiega perché non può andarsene: vive nella stessa strada e il suo appartamento è ancora funzionante, anche se non ha né acqua né elettricità. Spiega come gli ucraini abbiano occupato ogni blocco di appartamenti – con i residenti trasformati in rifugiati o ostaggi negli scantinati – e poi, pressati dai russi, si siano trasferiti nelle scuole e negli ospedali vicini, fino a fuggire definitivamente.

Gli scantinati sono un incubo. Praticamente senza luce. La temperatura è di almeno 10 gradi centigradi inferiore a quella della strada. È impossibile immaginare come siano sopravvissuti. Un altro residente passeggia con disinvoltura in bicicletta, circondato da scheletri di cemento abbandonati. I forti boati – per lo più in uscita – sono incessanti.

Poi, in mezzo alla devastazione totale, una visione: l'elegante sagoma della chiesa di Maria Maddalena, conservata in modo immacolato. Dmitry, il custode, mi accompagna in giro; è una chiesa bellissima, i dipinti sul tetto brillano ancora sotto la pallida luce del sole, uno splendido lampadario e la camera interna praticamente intatta.

Il Rinascimento di Mariupol

L'ultimo giorno di elezioni viene trascorso a Mariupol – che viene ricostruita quasi a rotta di collo: la nuova stazione ferroviaria è stata appena terminata. Si vota senza soluzione di continuità nella scuola numero 53, nel quartiere 711. Un bellissimo murale dietro le urne raffigura le città gemelle di San Pietroburgo e Mariupol, con le leggendarie Vele Scarlatte della storia di Alexander Green proprio al centro.

Rivedo il porto: le merci internazionali non si muovono ancora, solo le navi provenienti dalla Russia continentale. Ma il primo accordo è stato raggiunto con il Camerun: frutta in cambio di metalli e manufatti. Altri accordi con nazioni africane sono all'orizzonte.

La chiesa Pakrovska, un simbolo di Mariupol, è in fase di attento restauro. Siamo accolti da padre Viktor, che organizza un pranzo per un gruppo di persone della parrocchia, e ne nasce una bella conversazione che spazia dall'ortodossia cristiana al declino dell'Occidente e all'agenda LGBT.

Saliamo sul tetto e camminiamo intorno a una balaustra che offre una spettacolare vista a 360 gradi di Mariupol, con il porto, le ferriere Azovstal distrutte e il mare russo di Azov sullo sfondo profondo. Le imponenti campane della chiesa suonano – come in una metafora della resurrezione di una bella città che ha il potenziale per diventare una sorta di Nizza nel Mar d'Azov.

Tornando a Donetsk, la visita a una scuola/museo "segreto" a soli 2 km dalla linea di fuoco – che ho visitato per la prima volta il mese scorso – deve essere annullata: Donetsk continua ad essere bombardata.

Tenendo a mente Avdeevka e i bombardamenti che si rifiutano di cessare, durante il lungo viaggio di 20 ore per tornare a Mosca mi vengono in mente alcune domande sui numeri.

In Cecenia, guidata dallo stra-patriota Kadyrov, l'affluenza è stata del 97%. E ben il 99% ha votato per VVP. Quindi, a differenza del passato, scordatevi qualsiasi ulteriore tentativo di rivoluzione colorata in Cecenia.

Stesso schema nel Caucaso, nella regione di Kabardino: l'affluenza è stata del 96%. Ben il 94% ha votato per VVP.

Tra Kazakistan e Mongolia, a Tuva, l'affluenza è stata del 96%. E il 95% ha votato per VVP. Nella regione autonoma di Yamal-Nenets, l'affluenza è stata del 94%. Ma VVP ha ottenuto "solo" il 79% dei voti. Nel lago Baikal, in Buryatia, l'affluenza è stata del 74% e VVP ha ottenuto l'88% dei voti.

La chiave, ancora una volta, rimane Mosca. L'affluenza, rispetto alle altre regioni, è stata relativamente bassa: 67%. Ebbene, Mosca è ancora largamente occidentalizzata e per molti aspetti ideologicamente globalista – quindi più critica di altre parti della Russia quando si tratta di enfasi patriottica.

E questo ci porta al punto cruciale. Anche con il clamoroso successo del signor 87%, quelli non si arrenderanno mai. Se mai ci sarà una minima possibilità che una strategia di guerra ibrida di successo provochi una rivoluzione colorata, il palcoscenico sarà Mosca. In realtà è abbastanza patetico, se paragonato alle immagini del signor 87% salutato da una Piazza Rossa gremita domenica come la rockstar per eccellenza.

Il Cremlino non corre rischi. Putin si è rivolto all'FSB ed è andato dritto al punto: i tentativi di seminare problemi interetnici – come preludio alle rivoluzioni colorate – devono essere severamente repressi. L'FSB passerà al livello successivo: i traditori saranno identificati per nome e presi di mira senza prescrizione.

Dopo l'euforia elettorale, nessuno sa cosa succederà dopo. Dovrà essere qualcosa di enormemente significativo, in onore della storica frana elettorale di VVP. Ora ha carta bianca per fare qualsiasi cosa. Priorità numero uno: porre fine una volta per tutte al bastardino del terrore costruito dall'Egemone che ha attaccato la Novorossia per 10 lunghi anni.

 

 

 

 

 

 

Quando Mario Monti parla di "sacrifici".... di Fabrizio Verde Quando Mario Monti parla di "sacrifici"....

Quando Mario Monti parla di "sacrifici"....

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Quando il bonus è un malus di Giuseppe Giannini Quando il bonus è un malus

Quando il bonus è un malus

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Il Piano Mattei (o di quelli che lo hanno ucciso?) di Gilberto Trombetta Il Piano Mattei (o di quelli che lo hanno ucciso?)

Il Piano Mattei (o di quelli che lo hanno ucciso?)

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Il Premio Pullitzer e il mondo al contrario di Andrea Puccio Il Premio Pullitzer e il mondo al contrario

Il Premio Pullitzer e il mondo al contrario

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La Siberia al centro di nuovi equilibri geopolitici? di Paolo Arigotti La Siberia al centro di nuovi equilibri geopolitici?

La Siberia al centro di nuovi equilibri geopolitici?

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti