Parlamentare della Repubblica Islamica conferma che l'Iran in primavera riceverà i caccia russi Su-35

Parlamentare della Repubblica Islamica conferma che l'Iran in primavera riceverà i caccia russi Su-35

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Difesa e Intelligence è anche su Telegram. Clicca qui per entrare nel canale e restare sempre aggiornato

 

L'Iran prevede di ricevere dalla Russia un certo numero di caccia Sukhoi Su-35 all'inizio del prossimo anno iraniano, che inizia a marzo, ha dichiarato un parlamentare iraniano.

Parlando all’agenzia Tasnim, il membro della Commissione per la sicurezza nazionale e la politica estera del Parlamento iraniano, Shahriar Heidari, ha dichiarato che i caccia Sukhoi Su-35 che l'Iran ha ordinato alla Russia arriveranno all'inizio dell’anno 1402 (inizia il 21 marzo).

Il legislatore ha sottolineato che l'Iran ha ordinato alla Russia anche una serie di altri equipaggiamenti militari, tra cui sistemi di difesa aerea, sistemi missilistici ed elicotteri, la maggior parte dei quali saranno ricevuti a breve.

Secondo i media, l'Iran riceverà 24 caccia da combattimento di quarta generazione, bimotore e super-manovrabili, utilizzati principalmente per missioni di superiorità aerea.

Alcuni dei velivoli da combattimento dovrebbero essere ospitati nella base aerea tattica (TAB) 8 dell'Aeronautica militare della Repubblica Islamica dell'Iran (IRIAF), che si trova nella città iraniana di Isfahan, nel centro del Paese.

La Russia United Aircraft Corporation (UAC) afferma che il caccia Sukhoi Su-35 "combina le qualità di un moderno caccia (super-manovrabilità, ausili di acquisizione attivi e passivi superiori, alta velocità supersonica e lungo raggio, capacità di gestire azioni di gruppo di battaglia, ecc.) e di un buon aereo tattico (ampia gamma di armi trasportabili, moderno sistema di guerra elettronica multicanale, firma radar ridotta ed elevata sopravvivenza in combattimento)".

Negli ultimi anni l'Iran non ha acquistato alcun nuovo aereo da combattimento, ad eccezione di alcuni MiG-29 russi acquistati negli anni Novanta.

Negli ultimi mesi l'Iran e la Russia hanno firmato importanti accordi per incrementare la loro cooperazione economica, commerciale, energetica e militare.

La notizia provocherà sicuramente dei mal di testa in quel di Washington perché gli Stati Uniti sono consapevoli delle capacità di un velivolo da combattimento quale il caccia Su-35.

L’Iran ha bisogno di ammodernare una flotta che presenta i segni del tempo poiché la maggior parte dei suoi aerei sono F-14A, F-4 e F-5 prodotti negli Stati Uniti e consegnati durante l’epoca dello Shah negli anni '60 e '70.

Da allora l'Iran ha acquistato dei MiG-29A dalla Russia e alcuni Dassault Mirage F-1 dell'aeronautica militare irachena, consegnati al paese dopo la guerra del Golfo Persico del 1991.

Non solo Washington accoglierà la notizia con preoccupazione. Anche in Israele l’arrivo dei caccia russi desta preoccupazione. L'acquisizione dell'avanzato caccia Su-35 fornirà all'Iran una spinta enorme e servirà da forte deterrente contro i possibili attacchi aerei israeliani in futuro.

Secondo alcuni esperti l’acquisizione di un caccia come l’Su-35 “potrebbe essere un vero e proprio game-changer per l’Iran”, come ha spiegato un pilota in pensione dell'aeronautica statunitense al portale statunitense 19FortyFive. 

 

Difesa e Intelligence è anche su Telegram. Clicca qui per entrare nel canale e restare sempre aggiornato

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino" di Clara Statello Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino"

Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino"

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Fino a quando potranno impedire le elezioni in Libia?  di Leonardo Sinigaglia Fino a quando potranno impedire le elezioni in Libia?

Fino a quando potranno impedire le elezioni in Libia?

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

I più fessi d'Europa di Gilberto Trombetta I più fessi d'Europa

I più fessi d'Europa

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi di Pasquale Cicalese Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti