Orban: il militarismo UE "preludio alla terza guerra mondiale"

Orban: il militarismo UE "preludio alla terza guerra mondiale"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il primo ministro ungherese Viktor Orban ha dichiarato di non aver mai visto un'irresponsabilità maggiore di quella dell'Europa che si lascia coinvolgere nel conflitto in Ucraina senza calcolarne i costi.

"L'Europa sta diventando così coinvolta nella guerra che non ha nemmeno una stima dell'entità dei costi e dei mezzi necessari per raggiungere il suo obiettivo militare. Non ho mai visto nulla di più irresponsabile in vita mia", ha dichiarato Orban in un'intervista al canale YouTube Patriota.

Il leader ungherese ha aggiunto che, a suo avviso, la NATO vuole diventare parte in causa nel conflitto in Ucraina e "le possibilità che l'alleanza possa essere trattenuta dal farlo sono limitate".

Budapest è contraria a che le decisioni sul servizio dei cittadini ungheresi siano prese "a Bruxelles o in Germania", ha sottolineato Orban. 

"Non vogliamo che nessun altro possa prendere decisioni sulla coscrizione e sull'invio dei nostri giovani in età di leva ovunque. Dobbiamo dimenticare un esercito europeo con la coscrizione obbligatoria, è un'idea folle", ha sottolineato il primo ministro secondoquanto riporta Sputnik.

All'inizio di maggio, Manfred Weber, leader del Partito Popolare Europeo, il più grande del Parlamento europeo, ha proposto di ripristinare il servizio militare obbligatorio in tutta l'Unione Europea.

Se l'idea di Weber venisse attuata, "le famiglie ungheresi verrebbero informate da Bruxelles o dalla Germania che i loro figli saranno arruolati obbligatoriamente nell'esercito europeo e gli verrà detto dove andranno", ha aggiunto Orban.

Negli anni a venire, gli eventi attuali potrebbero essere visti come un preludio alla Terza Guerra Mondiale o addirittura il suo primo episodio se non si contrasta il militarismo di Bruxelles, ha avvertito il primo ministro ungherese.

"Forse tra 10 anni i processi attuali saranno definiti un preludio alla Terza Guerra Mondiale. Non si può escludere che se le cose andranno male e non riusciremo a controllare la psicosi militare sviluppata a Bruxelles, la storia di questi anni sarà anche un episodio dei primi anni della grande guerra mondiale", ha detto Orban nella già citata intervista.

Sebbene i politici europei vedano le armi nucleari come un deterrente, gli scenari peggiori imprevisti potrebbero prendere vita, ha sottolineato il primo ministro ungherese.

"A mio parere, i politici europei pensano alla bomba nucleare come a uno strumento di deterrenza tattica e non come a qualcosa che dovrebbe essere realmente usato, ma ciò che non considerano all'inizio di una guerra può comunque accadere alla fine, quindi gli scenari peggiori possono prendere vita", ha spiegato Orban. 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito di Geraldina Colotti Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Israele arranca – Salvo Ardizzone di Giacomo Gabellini Israele arranca – Salvo Ardizzone

Israele arranca – Salvo Ardizzone

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Un establishment a corto di credibilità di Giuseppe Giannini Un establishment a corto di credibilità

Un establishment a corto di credibilità

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO) di Michelangelo Severgnini "L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza di Michele Blanco Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza

Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti