Nuove restrizioni USA per bloccare sviluppo tecnologico della Cina

Nuove restrizioni USA per bloccare sviluppo tecnologico della Cina

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Gli Stati Uniti hanno emesso delle bozze di regolamenti che limiteranno e monitoreranno gli investimenti statunitensi in Cina nei settori dell'intelligenza artificiale (AI), dei semiconduttori e del calcolo quantistico. Questa mossa, osservano gli esperti come riporta il quotidiano Global Times, dimostra come Washington stia intensificando le sue restrizioni per ostacolare lo sviluppo delle tecnologie avanzate cinesi, espandendo il campo dei divieti dalle esportazioni a settori più ampi e irrazionali che potrebbero avere gravi conseguenze globali.

Le restrizioni e le possibili conseguenze

Secondo gli analisti, se gli Stati Uniti continueranno a usare la sicurezza nazionale come pretesto per colpire le aziende cinesi, si verificheranno problemi nella cooperazione tecnologica tra le due maggiori economie del mondo e si accelererà il "disaccoppiamento" nel settore dell'alta tecnologia. Nonostante la fiducia nelle capacità delle aziende cinesi di fare progressi tecnologici, gli osservatori sottolineano che questa repressione da parte degli USA non raggiungerà i risultati desiderati e finirà per danneggiare le stesse aziende americane.

Il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti ha pubblicato le bozze delle nuove regole e una serie di eccezioni dopo un periodo iniziale di commenti, a seguito di un ordine esecutivo firmato dal Presidente Joe Biden nell'agosto scorso, riferisce Reuters. Paul Rosen, Sottosegretario per la Sicurezza degli Investimenti del Tesoro, ha dichiarato che le nuove regole mirano a garantire la sicurezza nazionale degli Stati Uniti. Diversi tipi di investimenti sono sotto scrutinio, inclusi i fondi di private equity e venture capital gestiti dagli Stati Uniti, nonché alcuni investimenti di partner limitati statunitensi in fondi gestiti all'estero e debiti convertibili.

I commenti pubblici sulle regole proposte saranno accettati fino al 4 agosto, e si prevede che gli Stati Uniti implementeranno le regolazioni entro la fine dell'anno, secondo Reuters.

Reazioni e preoccupazioni

"La pubblicazione delle nuove restrizioni da parte degli Stati Uniti è dovuta a diverse ragioni. Primo, cresce l'ansia di Washington per i progressi della Cina nei settori tecnologici nonostante le continue pressioni. Secondo, gli Stati Uniti hanno scoperto che le proprie aziende, indipendentemente dai divieti, sono desiderose di costruire una maggiore cooperazione con la Cina, e devono quindi costringere all'attuazione di più ordini per soffocare questa tendenza", ha dichiarato Ma Jihua, esperto del settore delle telecomunicazioni, al Global Times.

Gli analisti ritengono che, sebbene gli Stati Uniti puntino a creare un impatto significativo sulle aziende tecnologiche cinesi, come il calo dei prezzi delle azioni delle società legate all'AI, è improbabile che questi tentativi maliziosi possano ritardare il progresso tecnologico della seconda economia mondiale.

Inoltre, Bloomberg ha riportato che Alan Estevez, Sottosegretario per l'Industria e la Sicurezza del Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti, visiterà Giappone e Paesi Bassi per sollecitare restrizioni maggiori sulle attività in Cina dei fornitori olandesi ASML Holding NV e dei giapponesi Tokyo Electron.

Le preoccupazioni globali e la risposta della Cina

Zhou Mi, ricercatore esperto presso l'Accademia Cinese del Commercio Internazionale e della Cooperazione Economica, ha dichiarato al Global Times che le mosse di "disaccoppiamento" degli Stati Uniti con il pretesto della sicurezza nazionale porterebbero a un calo della fiducia degli investitori globali nell'ambiente commerciale USA.

"Questo va contro le regole internazionali e disturba l'ordine normale del mercato. Inoltre, susciterà preoccupazioni globali sulla stabilità della catena di fornitura tecnologica e indebolirà la dinamica dell'innovazione globale", ha affermato Zhou.

Il Ministero degli Esteri cinese ha condannato le restrizioni statunitensi definendole un tentativo di perpetuare la propria supremazia. "Gli Stati Uniti stanno negando alla Cina il diritto legittimo di crescere e prosperare. Per prendere il controllo esclusivo della parte alta della catena del valore, gli Stati Uniti arriverebbero a destabilizzare le catene industriali e di fornitura globali. Questo non solo danneggerà l'industria globale dei semiconduttori, ma alla fine si ritorcerà contro e non farà bene a nessuno", ha affermato Lin Jian, portavoce del Ministero degli Esteri cinese.

Nel complesso, le nuove restrizioni degli Stati Uniti rappresentano un ulteriore passo nella crescente tensione tecnologica tra Washington e Pechino. Mentre le aziende cinesi continuano a colmare il divario con i rivali stranieri, soprattutto nel campo dell'intelligenza artificiale, le azioni degli Stati Uniti potrebbero avere un effetto boomerang, danneggiando non solo la cooperazione tecnologica globale ma anche le stesse imprese statunitensi.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon di Paolo Desogus Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE di Fabrizio Verde Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE

Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

Attentato a Trump: tutti i "misteri" ancora senza risposta di Clara Statello Attentato a Trump: tutti i "misteri" ancora senza risposta

Attentato a Trump: tutti i "misteri" ancora senza risposta

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mannaia dell'austerity di Giuseppe Giannini La mannaia dell'austerity

La mannaia dell'austerity

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

La Russia e Trump: un esercizio di memoria di Andrea Puccio La Russia e Trump: un esercizio di memoria

La Russia e Trump: un esercizio di memoria

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti