NOAS: Restrizioni nei pagamenti dell'UE punisce i malati di cancro palestinesi

NOAS: Restrizioni nei pagamenti dell'UE punisce i malati di cancro palestinesi

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Questa è l’Unione Europea che non condanna Israele, non solo per i continui crimini ai danni dei palestinesi, ma neanche per la giornalista di Al Jazeera Shireen Abu Akleh.

C’è dell’altro.

L'UE, trattenendo circa 230 milioni di dollari di finanziamenti ai palestinesi. Questo procedimento colpisce i malati di cancro palestinesi, ha riferito The Electronic Intifada .

Martedì scorso, il Consiglio norvegese per i rifugiati ha indicato che il pagamento trattenuto è stato ritardato dal 2021 "poiché l' Unione europea continua a condizionare il rilascio del denaro a modifiche specifiche ai libri di testo scolastici palestinesi".

Il Consiglio ha avvertito che il ritardo "sta paralizzando settori e servizi critici, inclusa l'assistenza sanitaria nella Gerusalemme est occupata (Al-Quds), con gravi conseguenze per i pazienti che necessitano di cure negli ospedali".

Jan Egeland, segretario generale del Norwegian Refugee Council, NOAS, ha senunciato che "queste restrizioni puniscono i malati terminali che non possono ottenere medicine salvavita e costringono i bambini a soffrire la fame quando i genitori non possono permettersi di acquistare cibo".

"I palestinesi stanno pagando il prezzo più crudele per le decisioni politiche prese a Bruxelles", ha aggiunto.

Electronic Intifada ha evidenziato che, a causa di questa situazione, almeno 500 nuovi palestinesi a cui è stato diagnosticato un cancro non sono in grado di accedere a cure salvavita presso l'ospedale Augusta Victoria di Al-Quds, mentre altri stanno subendo gravi ritardi nel ricevere il loro trattamento critico.

La lobby israeliana mente

Secondo il portale, Oliver Varhelyi, un alto funzionario della Commissione europea, ha condotto una campagna contro i palestinesi e "ha promosso le menzogne della lobby israeliana secondo cui i libri di testo palestinesi contengono antisemitismo e" glorificano il terrorismo".

Da notare che Roberta Metsola, presidente del Parlamento europeo, ha visitato i territori palestinesi occupati all'inizio di questa settimana e ha incontrato il presidente israeliano Isaac Herzog, il primo ministro Naftali Bennett e il ministro degli Esteri Yair Lapid.

 

Durante la sua visita, Metsola si è rivolta al parlamento israeliano, lodandolo come una "casa della democrazia", ??ignorando i crimini israeliani contro i palestinesi, compreso il recente omicidio della giornalista di Al Jazeera Shireen Abu Akleh.

Ha anche affermato che "il partenariato tra l'UE e Israele dovrebbe essere ulteriormente rafforzato".

 

Israele ha negato l'ingresso ai membri del Parlamento europeo

D'altra parte, le autorità israeliane, così democratiche, hanno negato l'ingresso a una delegazione guidata da Manuel Pineda, membro del Parlamento europeo, in seguito all'omicidio di Abu Akleh.

 

Secondo The Electronic Intifada, "Pineda è il capo della delegazione del parlamento per le relazioni UE-Palestina, e quindi svolge un ruolo essenziale nel monitoraggio dell'uso dei finanziamenti dell'Unione europea e delle azioni dei funzionari del blocco sul campo".

In una lettera aperta alla presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen, un gruppo della lobby israeliana - il Simon Wiesenthal Center - ha lamentato che Pineda "deve essere espulso dal Parlamento europeo", sostenendo che il membro del Parlamento europeo è un "portavoce dei terroristi.”

La lettera del Simon Wiesenthal Center ritiene che Pineda ha partecipato alla flottiglia del 2011 a Gaza con l'obiettivo di rompere l'assedio israeliano alla Striscia, aggiungendo che è legato a membri di gruppi politici e di resistenza palestinesi e libanesi.

Ue a funzionari libanesi: normalizzazione in cambio di aiuti

È interessante notare che il quotidiano libanese Al-Akhbar aveva precedentemente rivelato che il rappresentante speciale dell'UE per il processo di pace in Asia occidentale, Sven Koopmans, avrebbe fatto un'offerta ai funzionari libanesi di normalizzare i legami con l'occupazione israeliana in cambio di aiuti in cibo, medicine, ed energia.

Il quotidiano libanese ha ricordato  che Koopmans avrebbe considerato la normalizzazione come la "soluzione finale" del Libano che avrebbe concesso al paese l'aiuto occidentale, per aiutarlo a superare l'attuale crisi economica.

Secondo quanto aggiunge Al-Akhbar, Koopmans ha affermato che la resistenza libanese e palestinese "è riuscita a stabilire la propria forza"; tuttavia, ha precisato che questi movimenti dovrebbero seguire un percorso politico affinché Libano e Palestina raggiungano "stabilità economica e prosperità".

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano di Savino Balzano Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato di Pasquale Cicalese Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"... di Antonio Di Siena In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti