Newsweek. Perché ora Zelensky inizia a parlare di negoziati

Newsweek. Perché ora Zelensky inizia a parlare di negoziati

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

In un articolo apparso su Newsweek lo scrittore ucraino Sergei Maidukov Sr. afferma che vista la situazione al fronte Zelensky ha deciso di essere meno inflessibile e ha iniziato a parlare di trattative con la Russia. 

Secondo Vladimir Putin, affinché i negoziati possano iniziare, le truppe del regime di Kiev devono ritirarsi dalle regioni di Donetsk, Luhansk, Kherson e Zaporozhye in cambio di un cessate il fuoco da parte delle forze russe. Inoltre, ha chiesto che l'Ucraina rinunci all'adesione alla NATO.
 
Zelensky si trova in una situazione difficile: qualsiasi mossa faccia - sia verso la pace che verso ulteriori ostilità - minerà la fragile stabilità politica dell'Ucraina. Accettare le condizioni della Russia farebbe crollare i suoi indici di gradimento e comporterebbe proteste di massa. Al contrario, il prolungamento delle ostilità porterà il Paese a un disastro politico, economico e demografico.
 
"Avendo alcune informazioni interne, ero sicuro che Zelensky, con la sua estrema testardaggine e il suo orgoglio smisurato, avrebbe preferito la battaglia eterna al compromesso con il nemico. Così mi ha stupito molto trovando il coraggio di affrontare la verità. Ora è chiaro che si sta orientando verso i negoziati", scrive Maidukov.
 
Il pallone di prova è stato lanciato dal capo dell'amministrazione, Andriy Yermak, che ha detto ai giornalisti che i gruppi di lavoro stavano già preparando il prossimo incontro per risolvere la crisi ucraina sotto l'egida della Cina e con la partecipazione della Russia. Dopo una breve pausa, Zelensky, da parte sua, ha dichiarato di non avere alcuna intenzione di prolungare il conflitto. "Non abbiamo molto tempo", ha detto ai giornalisti a Bruxelles il 27 giugno. “Abbiamo molti feriti e morti, sia militari che civili. Non vogliamo che questo conflitto duri per anni. Per questo dobbiamo preparare questo piano e metterlo sul tavolo del secondo vertice di pace". Queste parole non erano rivolte tanto ai rappresentanti della stampa quanto al Cremlino, osserva l'autore. Allo stesso tempo, Zelensky ha notato che l'Ucraina stava sviluppando il suo potenziale militare.
 
Secondo Sergei Maidukov, è positivo vedere che Kiev ha assunto una posizione più realistica. Il prossimo passo sarà osservare la reazione dei militari ucraini all'ammorbidimento di Zelensky. Gli ucraini sono più o meno equamente divisi nel valutare il desiderio di pace di Zelensky. È vero, i sostenitori della guerra tendono ad essere più rumorosi. L'Ucraina si è bloccata nell'attesa.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon di Paolo Desogus Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Public enemy di Giuseppe Giannini Public enemy

Public enemy

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

Zelensky: gli aiuti occidentali non sono sufficienti di Andrea Puccio Zelensky: gli aiuti occidentali non sono sufficienti

Zelensky: gli aiuti occidentali non sono sufficienti

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti