Napoli. Grave provocazione del fascismo ucraino contro la mostra "Resistenza"

Napoli. Grave provocazione del fascismo ucraino contro la mostra "Resistenza"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Una gravissima provocazione di matrice fascista che avviene a Napoli pochi giorni dopo il 25 aprile e alla vigilia del primo maggio. Riceviamo, rilanciamo e chiediamo massima diffusione di questo comunicato della Gallery Art di Napoli.

Agli organizzatori della mostra va tutta la più sincera solidarietà della redazione de l'AntiDiplomatico.

-------------------------------------------------

PROVOCAZIONE DEI FASCISTI UCRAINI

Questa sera presso la Galleria Principe di Napoli durante l'inaugurazione della mostra "Resistenza" è avvenuta una provocazione di alcuni seguaci del governo neonazista di Kiev. Hanno provato prima a sabotare la mostra facendo entrare dei bambini che davano dei fascisti putiniani a quelli che erano dentro, poi hanno svelato il vero carattere dell'operazione con uomini e donne muniti di bandiere ucraine che sputavano contro i presenti e urlavano frasi becere e minacce di bruciare le opere e le sedi che le ospitano. Dopo di ciò i "democratici" ucraini hanno pensato bene di invocare alla censura delle opere presenti perché prodotte da un'artista russa e inserite in una mostra organizzata all'insegna della fratellanza tra i popoli, dell'antifascismo e della solidarietà internazionalista. 

Sul posto è arrivata la Polizia Municipale. Su spinta degli attivisti presenti ha identificato alcuni ucraini. Fatto questo, come sempre in uso alle forze dell'ordine, non hanno perso occasione e hanno preso a chiedere spiegazioni della mostra, delle attivita condotte negli spazi (un'occupazione che resiste ormai da 10 anni) e chiesto le generalità a due dei presenti . Non accettando ulteriori provocazioni abbiamo ribadito a tutti i presenti che proprio in questi giorni si è celebrata la Resistenza antifascista nel nostro paese, non una semplice ricorrenza ma un compito quotidiano per tutti i comunisti, gli antifascisti e sinceri democratici della città e del paese. 

Non permetteremo a dei vili provocatori di sabotare l'esposizione di queste opere ma intendiamo tutelare queste ultime, per cui la mostra non sarà annullata ma verrà proposta in una versione che non le metta in pericolo. Chiamiamo tutti i comunisti, gli antifascisti e i sinceri democratici a esprimere solidarietà verso l'accaduto e a sostenere le prossime iniziative contro la guerra e all'insegna dell'antifascismo che terremo il 2 maggio a Piazza Dante alle ore 18.30 e il 7 maggio alle ore 11.00 presso la Galleria Principe di Napoli.

Non un passo indietro, il fascismo non passerà!





  

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La tigre di carta è nuda di Clara Statello La tigre di carta è nuda

La tigre di carta è nuda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi di Pasquale Cicalese Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti