Mosca "sconcertata": mai aver ricevuto armi statunitensi dalla seconda guerra mondiale

Mosca "sconcertata": mai aver ricevuto armi statunitensi dalla seconda guerra mondiale

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Il servizio russo di cooperazione tecnico-militare non ha potuto evitare di esprimere il suo "sconcerto" dopo che Washington ha imposto un divieto di esportazione di "articoli per la difesa e servizi di difesa" al paese, nonostante la Russia non abbia ricevuto armi statunitensi dal 1945.

Ieri, il segretario di Stato americano Antony Blinken ha svelato nuove sanzioni contro Mosca dopo il presunto avvelenamento e "tentato assassinio della figura dell'opposizione russa Aleksey Navalny".

"Il governo degli Stati Uniti ha esercitato le sue autorità per inviare un chiaro segnale che l'uso da parte della Russia di armi chimiche e l'abuso dei diritti umani hanno gravi conseguenze", aveva ricordato Blinken.

Come parte delle restrizioni, la Russia è stata inclusa nella Sezione 126.1 dei Regolamenti sul traffico internazionale di armi degli Stati Uniti, il che significa essenzialmente che qualsiasi richiesta da Mosca di acquistare articoli relativi alla difesa sarebbe stata categoricamente respinta.

“Altre sanzioni statunitensi sono state annunciate ieri contro il nostro Paese. In questo caso particolare, per quanto riguarda le esportazioni di armi, provocano sconcerto” , ha osservato il servizio federale. "Le forniture di armi dagli Stati Uniti alla Russia non vengono effettuate e, ovviamente, non sono pianificate".

L'ente governativo ha anche precisato che l'ultima volta che un equipaggiamento militare è stato consegnato alla Russia dagli Stati Uniti è stato attraverso il programma di lend-lease durante la seconda guerra mondiale, che si è concluso il 21 agosto 1945.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire di Francesco Erspamer  Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

L'opposizione al capitale che non c'è di Paolo Desogus L'opposizione al capitale che non c'è

L'opposizione al capitale che non c'è

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale di Giorgio Cremaschi Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Il gioco delle tre carte sulle scadenze dei vaccini Pfizer di Francesco Santoianni Il gioco delle tre carte sulle scadenze dei vaccini Pfizer

Il gioco delle tre carte sulle scadenze dei vaccini Pfizer

Per me questa è resistenza di Savino Balzano Per me questa è resistenza

Per me questa è resistenza

Caffè: i prezzi andranno alle stelle di  Leo Essen Caffè: i prezzi andranno alle stelle

Caffè: i prezzi andranno alle stelle

In Cina i salari crescono più del Pil di Pasquale Cicalese In Cina i salari crescono più del Pil

In Cina i salari crescono più del Pil

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Paolo Mieli e la dittatura antifascista di Antonio Di Siena Paolo Mieli e la dittatura antifascista

Paolo Mieli e la dittatura antifascista

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund di Gilberto Trombetta "Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti