Mosca: "I soldati ucraini stanno abbandonando le loro posizioni in massa"

Mosca: "I soldati ucraini stanno abbandonando le loro posizioni in massa"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Dal 2 gennaio la nostra pagina Facebook subisce un immotivato e grottesco blocco da "fact checker" appartenenti a testate giornalistiche a noi concorrenti. Aiutateci ad aggirare la loro censura e iscrivetevi al Canale Telegram de l'AntiDiplomatico

 

"I soldati ucraini stanno abbandonando le loro posizioni di fronte all'offensiva russa". Lo affermano le autorità di Mosca, sostenendo anche che le loro forze armate non stanno colpendo le città e "non rappresentano una minaccia" per i civili.

In una dichiarazione rilasciata giovedì mattina e riportata dai media russi, funzionari della difesa hanno affermato che "l'intelligence mostra che le unità dell'esercito e dei militari ucraini stanno lasciando i loro posti in massa, deponendo le armi".

Nessuna prova diretta è stata presentata a sostegno della dichiarazione anche se iniziano a girare i primi video della resa.

Secondo il comunicato, “le posizioni delle forze armate ucraine che hanno deposto le armi non vengono attaccate. Le forze armate russe non colpiscono le città ucraine. Non vi è alcuna minaccia per la popolazione civile”. Mosca afferma che una serie di obiettivi militari, inclusi aeroporti, installazioni di difesa e aeroplani, sono stati colpiti da "armi ad alta precisione" nell'ambito di una "operazione speciale" ordinata dal presidente Vladimir Putin.

Tuttavia, Alexey Reznikov, ministro della Difesa ucraino, ha invitato i cittadini del suo paese a prendere le armi di fronte all'offensiva russa. "Il nemico attacca, ma il nostro esercito è indistruttibile", ha scritto su Facebook. "Chiunque sia pronto e in grado di detenere armi può ora unirsi alle forze di difesa territoriale nella tua regione."

Il ministro degli Esteri di Kiev, Dmytro Kuleba, ha rilasciato una dichiarazione in cui ha dichiarato che Mosca "ha appena lanciato un'invasione su vasta scala dell'Ucraina". Secondo lui, "questa è una guerra di aggressione. L'Ucraina si difenderà e vincerà", ha insistito. "Il mondo può e deve fermare Putin. Il momento di agire è adesso".

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha dichiarato la legge marziale nel Paese, esortando i cittadini a mantenere la calma ea restare a casa. 

 

Dal 2 gennaio la nostra pagina Facebook subisce un immotivato e grottesco blocco da "fact checker" appartenenti a testate giornalistiche a noi concorrenti. Aiutateci ad aggirare la loro censura e iscrivetevi al Canale Telegram de l'AntiDiplomatico

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan... di Francesco Santoianni Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Il marcio del finto sindacato viene alla luce di Savino Balzano Il marcio del finto sindacato viene alla luce

Il marcio del finto sindacato viene alla luce

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Il Reddito di cittadinanza e la distruzione del lavoro pubblico di Pasquale Cicalese Il Reddito di cittadinanza e la distruzione del lavoro pubblico

Il Reddito di cittadinanza e la distruzione del lavoro pubblico

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

Le scelte energetiche dell'UE: il suicidio dell'Italia è servito di Gilberto Trombetta Le scelte energetiche dell'UE: il suicidio dell'Italia è servito

Le scelte energetiche dell'UE: il suicidio dell'Italia è servito

A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli di Michelangelo Severgnini A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli

A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti