Mosca ha promesso una risposta alle azioni antirusse della Finlandia

Mosca ha promesso una risposta alle azioni antirusse della Finlandia

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

La Finlandia continua a tenere una postura conflittuale e provocatoria nei confronti della Russia. A tal proposito Mosca ha fatto sapere non lascerà senza risposta alcuna azione anti-russa da parte di Helsinki, come dichiarato dal direttore del 2° Dipartimento europeo del Ministero degli Esteri Sergey Belyayev in un'intervista a RIA Novosti.

Secondo il diplomatico, dall'inizio dell'operazione speciale in Ucraina, la Finlandia ha "perseguito una politica anti-russa conflittuale", sostenendo il regime di Kiev e fornendo armi, oltre ad aumentare la pressione delle sanzioni sulla Russia. Belyayev ha sottolineato che dopo l'adesione della Finlandia alla NATO, "il dialogo politico bilaterale tradizionalmente attivo a tutti i livelli e i fitti contatti interdipartimentali sono stati ridotti, la cooperazione commerciale ed economica, un tempo sviluppata, ha subito danni irreparabili e i legami tra le regioni, comprese quelle confinanti, e le città gemellate sono stati interrotti".

Inoltre, ha ricordato Belyaev, nel settembre 2022 le autorità finlandesi hanno vietato ai russi di entrare nel Paese, consentendo il viaggio solo a un numero limitato di persone (proprietari di immobili in Finlandia, dipendenti di aziende finlandesi e così via), e dal 10 luglio hanno inasprito queste restrizioni.

Commentando i piani della Finlandia di adottare un meccanismo di sequestro degli immobili di proprietà dei russi, Belyaev ha spiegato che, sebbene sia solo in fase di elaborazione, Mosca vorrebbe credere che "la prudenza prevarrà e questi progetti, che ignorano palesemente il principio dell'inviolabilità della proprietà privata, non sono destinati a concretizzarsi".

"Allo stesso tempo, con l'attuale corso russofobico delle autorità finlandesi, purtroppo, ogni scenario è possibile. È sicuramente possibile affermare che qualsiasi azione anti-russa non rimarrà senza una risposta. Il suo contenuto dipenderà dai parametri specifici delle decisioni che potrebbero essere prese a Helsinki su questo tema, per dirla senza mezzi termini - il furto delle proprietà dei russi", ha concluso Belyaev.

A ottobre, il ministro della Giustizia finlandese Leena Meri ha annunciato l'intenzione di riformare la legislazione prima della fine del mandato del governo - fino al 2027 - per rendere più facile il sequestro delle proprietà ai proprietari che non possono essere contattati o che sono in arretrato con i pagamenti, compresi i russi. Hanna Kosonen, del partito centrista, ha chiesto di rendere più facile l'alienazione forzata delle proprietà già possedute dai russi, soprattutto nei casi in cui il proprietario non paghi, ad esempio, le tasse sulla proprietà, la proprietà non sia utilizzata o sia di proprietà di una persona sanzionata.

All'inizio di luglio, la Finlandia ha ulteriormente inasprito le restrizioni all'ingresso per i proprietari di immobili provenienti dalla Russia. Effettuare pagamenti bancari dalla Russia alle banche finlandesi è estremamente difficile, il che impedisce il pagamento di tasse e bollette per gli immobili, hanno scritto in precedenza i media finlandesi.

Inoltre, il Consiglio dei ministri finlandese, a causa dell'aggravarsi della situazione migratoria al confine con la Russia, ha deciso di chiudere completamente i valichi di frontiera nella zona sud-orientale del Paese, più vicina a San Pietroburgo, dal 18 novembre al 18 febbraio 2024. L'ambasciata russa a Helsinki ha dichiarato a RIA Novosti che un tale passo non può che destare preoccupazione e che la risposta della Russia sarà elaborata.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La fine dell'impunità di Israele di Clara Statello La fine dell'impunità di Israele

La fine dell'impunità di Israele

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti