Mosca all’Onu: Polonia e Ucraina hanno cercato di provocare "uno scontro diretto" tra Russia e Nato

Mosca all’Onu: Polonia e Ucraina hanno cercato di provocare "uno scontro diretto" tra Russia e Nato

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Il rappresentante permanente della Russia presso le Nazioni Unite, Vasili Nebenzia, ha dichiarato, ieri, che Ucraina e Polonia hanno cercato di provocare "uno scontro diretto tra Russia e NATO".

Durante una riunione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, Nebenzia ha affermato che "se l'incontro non fosse organizzato, dovrebbe essere convocato per affrontare i tentativi dell'Ucraina e della Polonia di provocare uno scontro diretto tra Russia e NATO". "È impossibile percepire in altro modo le dichiarazioni assolutamente irresponsabili fatte dalla leadership di questi due Stati", ha sottolineato.

Il rappresentante russo ha indicato che quando il presidente ucraino Vladimir Zelensky ha incolpato Mosca, era impossibile per lui ignorare che "proprio i missili ucraini lanciati dal sistema di difesa antiaerea" avevano raggiunto il territorio della Polonia. Secondo lui, "questo significa che non si tratta solo di disinformazione deliberata, ma di un tentativo consapevole di coinvolgere la NATO" in uno scontro diretto con la Russia.

In questo contesto, Nebenzia ha anche ricordato che le autorità polacche hanno assicurato "categoricamente fin dall'inizio" di essere state attaccate dalla Russia.

Nebenzia ha definito "carente" la logica occidentale della responsabilità della Russia per un incidente missilistico in Polonia.

Allo stesso tempo, Nebenzia ha ribadito che i sistemi di difesa aerea ucraini "hanno una cattiva reputazione sostenibile”. "Negli ultimi mesi, abbiamo visto regolarmente filmati delle conseguenze del sistema di difesa aerea ucraino che ha colpito edifici residenziali in varie città, dietro le quali [l'esercito ucraino] aveva nascosto questi sistemi", ha detto. Il rappresentante russo ha spiegato che ci sono tentativi "maldestri" di presentare questi impatti "come conseguenza di attacchi russi, effettuati con armi ad alta precisione contro installazioni militari e infrastrutture critiche", pur tacendo sul fatto che "nel caso in cui questo colpo d'arma, non ci sarebbe traccia degli edifici residenziali".

Va notato che inizialmente sono emerse diverse notizie secondo cui il missile caduto sul territorio polacco era russo, ed è stato suggerito che si sarebbe trattato di un attacco diretto a un paese della NATO a cui l'alleanza avrebbe dovuto rispondere. Tuttavia, la Russia  ha negato di aver colpito obiettivi vicino al confine polacco-ucraino, precisando che le immagini dei detriti trovati erano state inequivocabilmente identificate come elementi di un missile guidato antiaereo S-300 delle forze armate ucraine. 

Successivamente sia le autorità polacche che i rappresentanti della NATO hanno dichiarato che "l'incidente è stato probabilmente causato da un missile di difesa aerea ucraino" sparato per respingere gli attacchi russi. 

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La fine dell'impunità di Israele di Clara Statello La fine dell'impunità di Israele

La fine dell'impunità di Israele

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti